Pasquale De Rose

RAEE, Uno Contro Zero in vigore

Il Decreto Ministeriale n.121 rivoluziona la gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. Il ritiro sarà effettuato anche senza l'acquisto di elettrodomestici equivalenti

Roma - Lo smaltimento dei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) è diventato nel corso degli anni un problema importante e spinoso da dover fronteggiare a livello legislativo e organizzativo, non solo per l'Italia ma per l'Europa tutta, arrivando inevitabilmente a coinvolgere organizzazioni ambientaliste come GreenPeace. La situazione, però, è destinata a migliorare grazie al decreto n.121 emanato dal Ministero dell'Ambiente, entrato in vigore in queste ore.

Il DM di semplificazione Uno contro Zero prevede che d'ora in poi i punti vendita di elettrodomestici dovranno ritirare gratuitamente i mini RAEE, ovvero tutti i dispositivi elettronici di dimensione inferiore a 25 centimetri e provenienti dai nuclei domestici, anche senza l'acquisto di un elettrodomestico equivalente (da qui l'appellativo "uno contro zero"). I punti vendita di dimensioni maggiori ai 400mq dovranno ritirare questi oggetti indistintamente, tranne se compromessi a tal punto da costituire un pericolo per la salute. In seguito, verranno ritirati ogni 6 mesi raggiunti i 1.000Kg. Per tutte le altre attività, invece, la raccolta sarà facoltativa.

Il decreto, inoltre, semplifica le questioni burocratiche facilitando il ritiro di questo genere di rifiuti. Non sarà necessario, infatti, registrare i dati di chi li consegna.
Tale provvedimento ministeriale è stato necessario soprattutto per consentire all'Italia di raggiungere gli obiettivi imposti dell'Unione Europea, che prevedono che ciascuno stato gestisca l'85 per cento sul totale dei RAEE generati dai consumatori o il 75 per cento delle apparecchiature immesse sul mercato entro il 2019.

Walter Rebosio, presidente del consorzio Remedia, si è detto entusiasta, in quanto questo DM dovrebbe contribuire a limitare lo smaltimento illegale o improprio. Rebosio ha dichiarato inoltre che l'uno contro uno, che richiede l'acquisto di un prodotto equivalente per il ritiro del RAEE, rimane ancora valido e utile soprattutto per i rifiuti di grandi dimensioni. Stando a quanto riportato da ADN Kronos, il consorzio Remedia ha gestito oltre 33.000 tonnellate di questi rifiuti nel corso del 2015, permettendo così di ridurre i costi di importazione di materie prime per un valore di 16 milioni di euro, oltre ad un risparmio di 659.845 metri cubi d'acqua, di numerose risorse del territorio e di 205mila tonnellate di emissioni CO2.

Pasquale De Rose
Notizie collegate
  • AttualitàRAEE, l'Europa non riesce a riciclareMancanza di armonizzazione normativa e di opportuni controlli sul ciclo dei rifiuti lasciano il Vecchio Continente sommerso dall'e-waste. Ad eccezione di quello esportato illegalmente
  • AttualitàGreenpeace: RAEE, il grande ingannoUna nuova inchiesta di Greenpeace punta il dito contro i distributori e le istituzioni locali, colpevoli di inadempienza nel rispetto delle norme sullo smaltimento dei rifiuti tecnologici
  • TecnologiaENEA: rifiuti elettronici come miniere urbaneL'ente pubblico italiano annuncia la messa a punto di un processo di riciclo di metalli preziosi dall'e-waste, un procedimento brevettato che verrà presto mostrato praticamente in un impianto nei pressi di Roma
  • AttualitàRAEE, nuove regole dall'EuropaAumenta l'obiettivo di raccolta dell'e-waste, fissato al 45 per cento entro il 2016. La direttiva approvata in Parlamento Europeo prevede l'introduzione del ritiro uno contro zero, ovvero anche senza l'acquisto di un nuovo prodotto
  • AttualitàItalia, obiettivo RAEE raggiuntoIl Belpaese riconferma il trend positivo nella raccolta nazionale e regionale dei rifiuti hi-tech. L'Umbria è la regione più virtuosa nella raccolta