Pasquale De Rose

Play Store anche in famiglia

Family Library, il servizio che permette di condividere i contenuti acquistati sullo store Google fra sei diversi utenti, č finalmente disponibile

Roma - Dopo numerose indiscrezioni e annunci prematuri, l'opzione famiglia approda anche su Google , sebbene in forte ritardo rispetto ad Apple (In famiglia) e alle analoghe formule proposte un po' da tutti i servizi streaming in abbonamento (Netflix, Spotify ecc.).

Family Library (in Italia, Raccolta della famiglia) è completamente gratuita e al pari dei concorrenti più tempestivi - Steam e iTunes - permette di condividere con sei membri iscritti allo stesso piano i contenuti acquistati sul proprio account Play Store: libri, serie TV, videogiochi, applicazioni e film.

Dopo l'acquisto di un contenuto, ad esempio un film, l'utente potrà decidere se tenerlo per sé, se condividerlo con tutta la famiglia o soltanto con alcuni membri della stessa. Ogni famiglia dovrà disporre di un account principale che si occuperà di fare il moderatore: aggiungere altri componenti della famiglia, impostare dei metodi di pagamento comuni e approvare o meno l'acquisto dei contenuti.
Il servizio è disponibile, oltre che negli Usa, anche in Australia, Brasile, Canada, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Giappone, Messico, Nuova Zelanda e Regno Unito. App e giochi rilasciati prima del 2 luglio, però, potrebbero non essere idonei alla condivisione. Agli sviluppatori verrà data la possibilità di estendere la licenza a tutti i membri del gruppo o destinarla ad un singolo utente. Inoltre, non verrà dato alcun supporto agli acquisti in-app.



Quella di Family Library non è l'unica iniziativa Google dedicata alle famiglie. Nei mesi scorsi, infatti, BigG ha messo a disposizione anche il Family Plan per Play Music che permette, oltre ad avere tutti i vantaggi della versione a pagamento, di condividere i propri brani musicali fra sei membri della famiglia a fronte di una quota mensile di 14,99 euro.

Pasquale De Rose
Notizie collegate
  • TecnologiaValve, il gaming è affar di famigliaVideoludoteche condivise su pių macchine ma con una limitazione non da poco: impossibile per i membri del gruppo giocare contemporaneamente, anche a due diversi titoli della libreria
  • TecnologiaWWDC 2015, Apple è tutta software e servizidi D. Galimberti - Da El Capitan a iOS 9, passando per WatchOS 2, all'atteso streaming musicale e all'offerta per gli editori: Cupertino scopre le carte nel keynote di apertura della conferenza dedicata agli sviluppatori