Alfonso Maruccia

Russia, multa antitrust per Android

Le autorità di Mosca hanno apparentemente chiuso la partita con Google, che a loro dire è colpevole di comportamento anticompetitivo per il bundle delle app proprietarie con Android. Ma si tratta solo di un buffetto

Russia, multa antitrust per AndroidRoma - Dal Servizio Federale Antimonopolio (FAS) russo arriva la decisione di multare Google per pratiche anticoncorrenziali, una sanzione che non dovrebbe preoccupare molto Mountain View - almeno dal punto di vista economico - mentre nel resto del mondo si continua a battere sul ferro caldo delle app proprietarie commercializzate in bundle con Android.

La decisione del FAS chiude un contenzioso che si trascina da tempo, basato sulle lamentele del popolare motore di ricerca locale Yandex in merito alle costrizioni imposte ai produttori mobile russi circa l'installazione obbligatoria delle app di Mountain View (ricerca, mappe e app store) su un sistema operativo, Android appunto, che nella sua declinazione commerciale è tutto fuorché "open".

Google è colpevole, ha deciso quindi il FAS, e dovrà pagare una multa da 468 milioni di rubli - circa 6,5 milioni di euro, una cifra che a Mountain View necessita di qualche ora di fatturato per essere compensata. Elena Zaeva, responsabile dell'autorità di regolamentazione delle comunicazioni per il FAS, ha sottolineato come tutte le aziende multinazionali debbano rispettare la legge sulla concorrenza russa al pari di quelle locali.
Dal punto di vista di Google la multa non preoccupa granché, ovviamente, mentre lo stesso non si può dire per richiesta di scorporare le app proprietarie da Android insita nella decisione del FAS: Mountain View si dice "delusa" dalla sentenza e promette di rispettare le richieste delle autorità mentre prepara l'appello alla Corte Suprema del paese.

Google è in realtà solo uno dei molteplici bersagli che Mosca ha preso di mira nel suo tentativo di affrancarsi dalla dipendenza delle tecnologie estere e americane in particolare, una volontà di autarchia che si affida alle realtà commerciali locali già affermate - come il succitato Yandex - ma anche a nuove iniziative (per gli OS, le CPU) sul fronte mobile e non solo.

E fuori dai confini Russi a Google non va certo meglio, per quanto riguarda le accuse di comportamento anti-concorrenziale, visto che nella sola Europa si attende lo sviluppo di una causa potenzialmente molto pericolosa (per le app proprietarie su Android) e si producono nuove accuse di violazione delle norme antitrust come se piovesse. Anche la Corea del Sud, che nel 2013 aveva chiuso le indagini su Android senza conseguenze per Mountain View, pare intenzionata a tornare sull'argomento.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessRussia, autarchia anche su mobileIl Cremlino ha intenzione di affrancarsi dalle tecnologie occidentali anche per i gadget mobile, un progetto di portata potenzialmente internazionale, potenzialmente basato sul codice di Sailfish. Così la NSA non ci spia più, dice Mosca
  • BusinessRussia, Google e gli abusi di AndroidLe autorità antitrust hanno stabilito che Mountain View violi la legge imponendo ai produttori di dispositivi di veicolare, insieme ad Android, i propri servizi e le proprie applicazioni
  • BusinessAntitrust Android, l'ultimatum russoGoogle ha poco più di un mese di tempo per modificare il contratto con i produttori e sollevarli dai vincoli che avvantaggiano i propri servizi, dal motore di ricerca alle app
  • BusinessAntitrust, Android cambierà per la Russia?La giustizia russa ha respinto la richiesta di appello di Google contro la decisione dell'antitrust, che imponeva un cambiamento nel regime delle preinstallazioni a cui Mountain View vincola gli OEM, o una multa cospicua
  • BusinessAndroid, le accuse formali dell'UEGoogle, con i contratti e le condizioni per produttori e operatori, con dinamiche solo parzialmente open, avrebbe sviluppato un ecosistema con cui è impossibile competere. A farne le spese, sospetta la Commissione Europea, sono gli utenti
  • BusinessGoogle e antitrust UE, non c'è due senza treSi concretizzano le nuove accuse per Google: stavolta al centro delle indagini europee ci sono AdSense ed i contratti con le parti terze, che favorirebbero i propri servizi
14 Commenti alla Notizia Russia, multa antitrust per Android
Ordina
  • Mi sembra giusto, Yandex non può competere alla pari se il motore di ricerca di google è installato di default. Poi non capisco l'autore dell'articolo che fa della sottile ironia sulle decisioni dei tribunali russi: crede che quelli italiani o americani siano migliori?
    non+autenticato
  • Mi spiegate perché per Safari non c'è monopolio.
    Ma spiegatemelo bene perché sono non ci arrivo da solo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Non capisco
    > Mi spiegate perché per Safari non c'è monopolio.
    > Ma spiegatemelo bene perché sono non ci arrivo da
    > solo.
    Perchè conta come il due di coppe con briscola a denari.
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Non capisco
    > Mi spiegate perché per Safari non c'è monopolio.
    > Ma spiegatemelo bene perché sono non ci arrivo da
    > solo.
    Safari è un Browser, non un motore di ricerca.
    Pazzesco come ci si stia riducendo con questi millennials.
    E su Safari si può mettere il motore di ricerca che si preferisce.

    Il problema di Google è sempre lo stesso, o prendi tutto il loro pacchetto, o nulla.
    E poiché non esiste concorrenza in determinati servizi, pare proprio che Google sia sfruttando il suo monopolio in certi settori per creare un quasi-monopolio anche in settori diversi.

    Ciò si chiama abuso di posizione dominante, in cui chiave sono i termini "abuso" e "dominante".
    Di per sé non si sanzionano né l'abuso, né l'essere dominanti, si sanziona l'accoppiata.

    Apple è stata sanzionata non tanto sui motori di ricerca, quanto sui suoi Store Online. Vedi il caso di iBook Store, dove nonostante stesse creando un negozio virtuale migliore di quello di Amazon, è stata ugualmente multata e non dall'Antitrust russo, ma direttamente da quello americano.
    non+autenticato
  • Quindi: qualunque browser metto su un iCoso ha come base Safari e questo non è abuso?

    Dai, va là va!
  • - Scritto da: Non capisco
    > Mi spiegate perché per Safari non c'è monopolio.
    > Ma spiegatemelo bene perché sono non ci arrivo da
    > solo.

    Perché è 1 programma, su 1 dispositivo, di 1 produttore. Con centinaia di altre case che fanno smartphone/PC, dove sta il monopolio?
    Shiba
    3923
  • - Scritto da: Shiba

    > Perché è 1 programma, su 1 dispositivo, di 1
    > produttore.

    e tutto questo ha un market share che non supera il 15%

    a questa gente mi sa che non e' chiaro il concetto di monopolio ( e/o posizione dominante )
    non+autenticato
  • Sono i classici casi di chi guarda la pagliuzza nell'occhio altrui e non vede la trave nel proprio.
    iRoby
    8360
  • - Scritto da: iRoby
    > Sono i classici casi di chi guarda la pagliuzza
    > nell'occhio altrui e non vede la trave nel
    > proprio.

    Amen. Angioletto
    non+autenticato
  • - Scritto da: punto
    > Mi sembra giusto, Yandex non può competere alla
    > pari se il motore di ricerca di google è
    > installato di default. Poi non capisco l'autore
    > dell'articolo che fa della sottile ironia sulle
    > decisioni dei tribunali russi: crede che quelli
    > italiani o americani siano
    > migliori?

    perché la decisione era già presa prima di iniziare l'indagine per motivi solo politici, la sentenza serviva solo a darle apparente legittimità.

    e questo dimostra anche l'asservimento della magistratura russa al potere politico. Non che possano fare altrimenti in una dittatura.
    non+autenticato
  • e' il concetto di obbligo che non ti e' chiaro
    non+autenticato