Alfonso Maruccia

Opera, la VPN è anche su Android

La casa norvegese annuncia la disponibilità del proprio servizio di navigazione sicura anche sull'OS mobile di Google. A costo zero, pagato dalla pubblicità

Roma - A qualche mese di distanza dall'arrivo sui gadget iOS, la VPN (Virtual Private Network) di Opera fa ora il suo debutto anche su Android promettendo agli utenti di schermare la loro presenza online. Il servizio, gratuito, dovrebbe quindi rendere più sicura la navigazione Web soprattutto all'interno di reti wireless pubbliche.

Opera VPN non impone limiti di traffico per la navigazione, non richiede login o sottoscrizioni e garantisce protezioni avanzate per l'accesso alle reti WiFi; un'offerta completa e molto diversa rispetto alla concorrenza, sostiene il presidente di Opera SurfEasy VPN Chris Houston.

Il servizio di VPN è stato integrato sulla piattaforma di Opera proprio a partire dall'acquisizione di SurfEasy nel 2015, include il camuffamento della geolocalizzazione su uno dei cinque paesi "virtuali" supportati (USA, Canada, Germania, Singapore, Paesi Bassi) e garantisce il blocco del tracciamento delle abitudini di navigazione dell'utente.
In realtà la visualizzazione di un po' di advertising "leggero" è l'unico prezzo richiesto per l'utilizzo del servizio, mentre per quanto riguarda l'impatto della rete virtuale sulle performance telematiche si parla di riduzioni sensibili - e tipiche quando si utilizza una VPN - ma non eccessive nella velocità di navigazione.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • SicurezzaUna VPN per OperaL'azienda norvegese ha acquisito SurfEasy, insieme ai suoi servizi di navigazione anonima: il browser punta a conquistare i netizen atterriti dal tecnocontrollo e limitati dalle censure dei paesi di mezzo mondo
  • TecnologiaOpera, VPN anche per iOSOpera presenta una nuova offerta per gadget Apple con VPN integrata, un servizio che gli utenti potranno sfruttare per difendersi dal tracciamento ma anche per camuffare la loro posizione in rete. A costo zero
5 Commenti alla Notizia Opera, la VPN è anche su Android
Ordina
  • Ci pensano loro a tracciarti, infatti.
    Dalle VPN passa tutto, anche dati sensibili e sensibilissimi, oltre alle abitudini complete di navigazione del fesso che le usa.
    non+autenticato
  • C'è un solo 'modo' di risparmiare, è secondo me il più sensato.

    Non navigare da smartphone, anche perché non ha senso con quello scatolino, poi con gli ads il traffico dati viene 'assorbito' quasi esclusivamente dalle loro api.

    Caso estremo per chi deve forzatamente usarlo per lavoro. La maggior parte degli utenti/caproni di smartphones il traffico dati lo spreca con yuotube. Propri il più paco nel succhiare banda.
    non+autenticato
  • Si utilizza la vpn nelle wifi pubbliche e quindi eviti di essere presente in una lan per essere presente in un altra.. e cioè in quella di opera.

    Mentre in quella pubblica ci devi trovare proprio lo sniffer di turno... In opera VPN è tutto messo a tavolino.

    La vpn secondo me ha modo di esistere solo in 2 casi:

    1 : Ti colleghi alla lan aziendale o in qualsiasi altra lan per poi poter accedere a determinati computer in lan

    2 : Anonimato, e per anonimato intendo anche verso il gestore VPN, quindi niente log di navigazione, niente tracciabilità...

    Altrinenti preferisco vedere gli ads che far circolare nella loro rete i dati che scambia il mio apparato.
  • Io stimo Opera browser, ma in generale l'affermazione "costo zero perchè c'è pubblicità" è quanto di più falso abbia mai sentito.
    1- le reti mobili, pubblicità significa molto consumo di banda, ergo se pago 20 euro al mio provider, molti di questi vengono "drenati" dagli ads.
    2- il tempo è denaro, quantificabile col mio reddito diviso il tempo di visione degli spot o banner. Se guadagno dieci euro/ora, e passo due ore a navigare, di cui un ora a vedere ads e un ora a vedere quello che mi interessa, sono dieci euro al giorno che spendo. Indirettamente, ma li spendo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rico
    > Io stimo Opera browser, ma in generale
    > l'affermazione "costo zero perchè c'è pubblicità"
    > è quanto di più falso abbia mai
    > sentito.
    > 1- le reti mobili, pubblicità significa molto
    > consumo di banda, ergo se pago 20 euro al mio
    > provider, molti di questi vengono "drenati" dagli
    > ads.
    > 2- il tempo è denaro, quantificabile col mio
    > reddito diviso il tempo di visione degli spot o
    > banner. Se guadagno dieci euro/ora, e passo due
    > ore a navigare, di cui un ora a vedere ads e un
    > ora a vedere quello che mi interessa, sono dieci
    > euro al giorno che spendo. Indirettamente, ma li
    > spendo.

    Minchia come sei paranoioco.
    Non uscire di casa ... potrebbero consumarsi le suole delle scarpe.