Claudio Tamburrino

Cuba, censura d'altri tempi

L'isola caraibica, dove Internet non è ancora per tutti, filtra gli SMS contenenti certe parole sgradite. La denuncia degli attivisti

Roma - Secondo quanto riferisce un rapporto di alcuni attivisti cubani, il Governo de L'Avana ha predisposto un sistema di filtro per gli SMS inviati tramite la rete telefonica nazionale che blocca tutti i messaggi contenenti determinate parole.

La riapertura dei rapporti tra USA e Cuba non significa ancora che l'isola caraibica sia pronta ad accogliere tutto quello che viene dall'Occidente: in questo senso Internet mobile, anche se la sua diffusione è in crescita, rappresenta ancora un'utopia per la gran parte dei suoi cittadini e così il controllo delle comunicazioni via SMS appare un'efficace misura di censura di ogni possibile opposizione politica da parte dei cittadini. D'altra parte, se non a livello tecnologico, Cuba sembra in questo modo allinearsi a tutti i quei Paesi impensieriti dalle idee, dalle parole e dalle comunicazioni dei propri cittadini che, nel nome delle più diverse ragioni di stato, stanno predisponendo sistemi per vigilare sui messaggi inviati attraverso i sistemi di messaggistica cifrati come WhatsApp, Telegram e affini.

A riferire del sistema di filtro è il gruppo d'opposizione Somos Mas guidato da Eliecer Avila che riferisce che da principio attribuiva i mancati recapiti fossero all'inefficienza della rete cellulare dell'isola fornita dalla compagnia statale ETECSA. Tuttavia gli attivisti hanno iniziare a testare effettivamente tale ipotesi, accorgendosi che gli unici SMS che non giungevano a destinazione erano quelli contenenti alcune parole, tra cui quelle spagnole per "democrazia", "diritti umani", "Generazione Y" e "Yoani Sanchez", il nome della più nota blogger e attivista cubana.



Claudio Tamburrino
Notizie collegate
14 Commenti alla Notizia Cuba, censura d'altri tempi
Ordina
  • ma che me ne frega a me!
    non+autenticato
  • Saluti a tutti i kompagni di sinistra che dominano incontrastati questo sito! Che bello il kommunismo... Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > Saluti a tutti i kompagni di sinistra che
    > dominano incontrastati questo sito! Che bello il
    > kommunismo...


    Postare 2 commenti con 2 nick diversi, a distanza di un solo minuto, di sabato, per giunta in un articolo poco commentato come questo, è sintomo di grave deficienza mentale, caro Mr. Bil/Nome e cognome/chissà quanti altri.
    non+autenticato
  • Somos Mas? Yoani Sanchez? Qualcuno crede ancora a quei gran cretini a libro paga della CIA? Sono sputtanati da decenni ormai.Annoiato
    non+autenticato
  • Non potete capire cosa è Cuba.
    Se ci siete stati potreste comunque non averlo capito, quindi era meglio che non ci andavate.

    A Cuba ci sono almeno 10 modi per fare le stesse cose, e la stessa cosa può costare un centesimo o 50 CUC (euro).
    Se andate alla ETECSA per avere una tessera da Internet, dovete lasciargli Nome congnome, passaporto, firmare una paio di moduli e alla fine con 2 euro vi danno una tessera da un'ora per internet.

    Se andate all'albergo vicino ve la vendono per lo stesso prezzo, senza manco dargli il nome.

    Se andate in piazza e siete cubani, trovate uno che ha comprato la tessera all'albergo e condivide la connessione tra tutti.

    Non hanoo il sapone, non hanno da vestirsi, fanno la coda per il pane, ma hanno whatsapp che è criptato Point To Point, bastano pochi bytes al secondo, e non è censurato, perchè se anche qualcuno sa come fare, è talmente scazzato da lasciare perdere.

    Ne consegue che probabilmente l'articolo è una montatura, per far vedere quanto i rivoluzionari sono brutti, sporchi e cattivi, a differenza dei Cinesi che censurano veramente e di brutto, ma sono brava gente produttiva, che fa bene all'economia.

    In alternativa significa che i Cinesi gli hanno sbolognato un vecchio router (ovviamente cinese che sono gli unici che commerciano con loro) per gli SMS di 10 anni fa.

    Poi qualche incaricato, che in un mese guadagno meno di una pu**ana in un'ora ha cambiato le offese cinesi alle offese a Fidel.

    Quindi puoi mandare un SMS ed essere sgamato o collegarti a Watshapp dialogare con la CIA senza che se accorga nessuno, e hai almeno altri 8 modi diversi per fare la stessa cosa.
    non+autenticato
  • Se davvero il tracert (windows?) ti ha detto che i dati passano dalla Florida hanno fatto qualcosa di straforo.
    Fino al 2015 non esisteva collegamento tra Cuba e Florida a causa delle sanzioni. L'anno scorso hanno messo un cavo con l'accordo che sarebbe stato usato solo per i servizi voce. Fino a poco più di un decennio fa Cuba non aveva nessun collegamento via cavo, poi hanno messo un collegamento con Jamaica e Venezuela, ma la capacità era limitato.
    Il tutto grazie alle sanzioni americane. Quello che noto è che tutti descrivono Cuba come un paese che si isola dal resto del mondo, quando in realtà è stato isolato di forza dagli americani.
    non+autenticato
  • Scusa. Ho risposto al thread sbagliato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xdgcreg
    > Scusa. Ho risposto al thread sbagliato.

    Nessun problema, anzi condivido ciò che hai scritto. Il collegamento principale è comunque con l'unico paese veramente alleato del Sud America dal quale arrivano vari prodotti e anche l'unico canale alternativo alla TV di stato ed è il Venezuela.
    D'altra parte ti sembrerà strano, ma le conversazioni telefoniche passano dalla AT&T americana e c'era in progetto un cavo di collegamento tra Miami e l'Avana. Poi non so se l'hanno fatto.
    non+autenticato
  • Sono stato all'Havana per le vacanze e mi è sembrato di tornare indietro 20 anni, connessioni Wifi ma in dialup solo nei pressi degli alberghi più famosi. Una sola compagnia telefonica di stato la ETECSA, compri una schedina da 2 CUC con un codice da grattare che è la tua password valida per 1h...un po come i vecchi abbonamenti TIN.IT. Velocità di navigazione appena 1,2 mega. E indovina un po facendo un tracert...tutto passa per la vicina Florida.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mr.Bil
    > Connessioni
    > Wifi ma in dialup solo nei pressi degli alberghi
    > più famosi.


    Sei sicuro di essere stato a Cuba la settimana scorsa ?

    Perchè, premesso che una connessione dialup oggettivamente non arriva a 1/2 mbit al secondo, in tutte le piazze di Cuba comprese le zone rurali, c'è un accesso Wi-Fi, accessibile con la tessera, ovunque l'hai comprata (quindi la puoi usare in più zone diverse).

    Che poi a volte non funzionino o che ti mangino tutto il credito, quello a Cuba è normale.

    Piuttosto se facciamo il paragone con l'Italia dove la tecnologia è sicuramente piu sviluppata, non mi sembra esistano molti paesini dove vai in piazza e ti puoi collegare ad Internet, in modo completamente anonimo comprando la tesserina in contanti al bar, quindi starei attento a fare paragoni.
    non+autenticato
  • Ho usato erroneamente il termine "dialup" dovevo scrivere "captive portal", rimane il fatto che se anche fosse una connessione a 1gb ma non "always on" ma a richiesta, è in dialup. Quando hai la fortuna di ri-beccare il popup per la disconnessione riesci a non fregarti il credito, quando il portale risulta irraggiungibile ti giochi i 2 CUC spesi senza usarli.
    In modo completamente anonimo direi proprio di no. Nei mini-punto ETECSA ti chiedono il passaporto per la schedina, in villaggio turistico ti chiedono il numero della camera, la tesserina non la compri al bar. I punti wifi li riconosci alla sera da agglomerati di persone con la faccia illuminata dal display del telefonino, e all'Avana li conti sulla punta delle dita, qualche Hotel di "lusso" e qualche corner mini-etecsa, a Varadero nel villaggio dove ho trascorso qualche giorno, mi hanno detto che è da gennaio che hanno installato gli access point, nelle zone rurali neanche l'ombra del wifi...io sono sicuro di esserci stato a Cuba la scorsa settimana...tu non lo so
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mr. Bil
    > Ho usato erroneamente il termine "dialup" dovevo
    > scrivere "captive portal", rimane il fatto che se
    > anche fosse una connessione a 1gb ma non "always
    > on" ma a richiesta, è in dialup. Quando hai la
    > fortuna di ri-beccare il popup per la
    > disconnessione riesci a non fregarti il credito,
    > quando il portale risulta irraggiungibile ti
    > giochi i 2 CUC spesi senza
    > usarli.
    > In modo completamente anonimo direi proprio di
    > no. Nei mini-punto ETECSA ti chiedono il
    > passaporto per la schedina, in villaggio
    > turistico ti chiedono il numero della camera, la
    > tesserina non la compri al bar. I punti wifi li
    > riconosci alla sera da agglomerati di persone con
    > la faccia illuminata dal display del telefonino,
    > e all'Avana li conti sulla punta delle dita,
    > qualche Hotel di "lusso" e qualche corner
    > mini-etecsa, a Varadero nel villaggio dove ho
    > trascorso qualche giorno, mi hanno detto che è da
    > gennaio che hanno installato gli access point,
    > nelle zone rurali neanche l'ombra del wifi...io
    > sono sicuro di esserci stato a Cuba la scorsa
    > settimana...tu non lo
    > so



    A parte che l'Avana non fa testo, perché pretendere di capire Cuba da lì è come pretendere di conoscere la Grecia avendo visitato Atene.

    Se a te hanno detto che nelle zone rurali non c'è il Wi-Fi è normale ma non è vero.

    Io sono stato diverse volte a Cuba e l'ho girata in lungo e in largo. Il Wi-Fi nelle piazze c'è da un anno e mezzo circa perché una mattina Fidel di è svegliato e ha deciso di fare la banda stretta, e il giorno dopo erano tutti a montare sti cacchio di rottami.

    Ultimamente in tutte le cittàdine dove sono andato, c'erano sempre due costanti : una Casa della Trova, e una o due piazze piene di gente che chattava coi cellulari. Di solito c'era anche una coda di persone di fronte ad un tizio con un PC che aveva avuto la tesserina e condivideva la connessione per qualche peso e stai tranquillo che l'aveva avuta in modo anonimo.

    E non ti parlo solo di Cienfuegos o Plaza Major a Santiago de Cuba dove è scontato, ma se vai a Güines, Trinidad, Baracoa Holguin, e persino Remedios trovi una piazza coperta dal Wi-Fi.

    Poi io ho provato ad entrare negli Hotel e le carte me le hanno date senza problemi ma probabilmente come dicevo nell'altro post, ho solo trovato un altro dei 10 modi diversi per averle.

    In ogni caso, puoi collegarti con traffico criptato, puoi usare whatsapp, puoi persino probabilmente usare TOR senza che nessuno ti rompa le scatole, quindi la storia della censura degli SMS è una vera ca**ata, e il fatto che un noto quotidiano nazionale famoso per queste uscite, l'abbia rilanciata, non fa altro che confermarne l'origine.

    La verità è ben altra e riguarda il fatto che dopo l'89 quando hanno chiuso i rapporti con la Russia (perché non gli servivano più), stavano morendo tutti di fame ed hanno piano piano riformato lo stato, hanno lasciato spazio all'iniziativa privata e tra un po`saranno come le altre coste dei Caraibi.

    Per quanto riguarda la censura di regime, c'è ma è presa molto alla leggera.

    Un giorno ero in una casa particular a Trinidad e passando ho visto i due gestori che ridevano di fronte allo schermo di un PC mentre vedevano un film.

    Gli ho chiesto cosa fosse e mi hanno spiegato che era un film fatto da Cubani, che prendeva in giro la situazione Cubana, che era stato censurato ma si era comunque diffuso per tutta Cuba. Se lo passavano con le chiavette USB

    In Cina o in Tibet la situazione è molto più seria, anche perché là i mezzi ce li hanno e hanno anche la voglia di usarli.
    non+autenticato
  • Se davvero il tracert (windows?) ti ha detto che i dati passano dalla Florida hanno fatto qualcosa di straforo.
    Fino al 2015 non esisteva collegamento tra Cuba e Florida a causa delle sanzioni. L'anno scorso hanno messo un cavo con l'accordo che sarebbe stato usato solo per i servizi voce. Fino a poco più di un decennio fa Cuba non aveva nessun collegamento via cavo, poi hanno messo un collegamento con Jamaica e Venezuela, ma la capacità era limitato.
    Il tutto grazie alle sanzioni americane. Quello che noto è che tutti descrivono Cuba come un paese che si isola dal resto del mondo, quando in realtà è stato isolato di forza dagli americani.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mr.Bil
    > Sono stato all'Havana per le vacanze e mi è
    > sembrato di tornare indietro 20 anni, connessioni
    > Wifi ma in dialup solo nei pressi degli alberghi
    > più famosi. Una sola compagnia telefonica di
    > stato la ETECSA, compri una schedina da 2 CUC con
    > un codice da grattare che è la tua password
    > valida per 1h...un po come i vecchi abbonamenti
    > TIN.IT. Velocità di navigazione appena 1,2 mega.
    > E indovina un po facendo un tracert...tutto passa
    > per la vicina
    > Florida.

    2 mbps su un dial-up? C'era per caso in omaggio un cubano che fischiettava al telefono a velocità supersonica per velocizzare il modem a 56K? E come facevi a sapere che era un dial up, se tu ti connettevi tramite wifi? Oppure, più semplicemente, sei solo un povero CAZZARO? Dì la verità, dov'è che sei stato: a Riccione, vero?
    Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere
    non+autenticato