Claudio Tamburrino

Equo compenso italiano, mancanze professionali

La Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha giudicato illegittimo il fatto che non siano previste eccezioni per i prelievi per copia privata in ambito professionale e ha giudicato inadatto il sistema di gestione dei rimborsi di SIAE

Equo compenso italiano, mancanze professionaliRoma - La Corte di Giustizia dell'Unione Europea si è espressa nella causa C‑110/15 relativa alla disciplina dell'equo compenso in Italia e ha stabilito - come anticipato dal parere dell'avvocato Generale Nils Wahl - l'illiceità della parte relativa alla sua riscossione per apparecchi utilizzati per uso professionale.

Il caso è quello relativo alla valutazione del cosiddetto Decreto Bondi del 30 dicembre 2009 rispetto all'articolo 5, paragrafo 2, lettera b), della direttiva 2001/29/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 maggio 2001, sull'armonizzazione di taluni aspetti del diritto d'autore e dei diritti connessi nella società dell'informazione ed in particolare prende in esame la questione che vede contrapposti, da un lato, alcune società che producono e commercializzano, in particolare, personal computer e altri sistemi dotati di memoria o atti a registrare contenuti digitali (come Nokia, Hewlett-Packard, Telecom Italia, Samsung, Dell, Fastweb, Sony Mobile e Wind) e, dall'altro, il Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo, la Società italiana degli autori ed editori (SIAE), l'Istituto per la tutela dei diritti degli artisti interpreti esecutori, in liquidazione, l'Associazione nazionale industrie cinematografiche audiovisive e multimediali e l'Associazione produttori televisivi, in merito all'equo compenso che dev'essere versato, tramite la SIAE, agli autori delle opere dell'ingegno per la riproduzione privata, per uso personale, di tali opere e che viene applicato anche al prezzo di acquisto dei prodotti utilizzati non da privati ma da aziende o da professionisti che intendono utilizzarli per fini professionali (per esempio i computer installati in un ufficio).

Il caso, dopo il ricorso respinto dal TAR che aveva equiparato l'equo compenso ad una tassa slegandolo dunque dall'attività di copia privata, ha spinto le aziende a rivolgersi al Consiglio di Stato che, per dirimere la questione, si è rivolto alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea chiedendo se la direttiva 2001/29 fosse compatibile con la disciplina nazionale che attribuisce alla SIAE poteri nel delineare in anticipo eccezioni nel prelievo per dispositivi ad uso esclusivamente professionale e poteri nelle gestione dei rimborsi, concessi alle persone giuridiche acquirenti di dispositivi e supporti, e non ad altri soggetti.
Una volta stabilita la ricevibilità della domanda pregiudiziale ed aver ribadito la liceità dell'istituto dell'equo compenso per copia privata, la Corte è entrata nel merito, stabilendo che "un sistema diretto ad applicare un prelievo del genere risulta conforme all'articolo 5, paragrafo 2, lettera b), della direttiva 2001/29 solo se la sua attuazione è giustificata da difficoltà pratiche e se i debitori dispongono di un diritto al rimborso di tale prelievo, qualora quest'ultimo non sia dovuto". Ciò, pertanto, comporta che detto prelievo non deve applicarsi alla fornitura di apparecchiature, dispositivi e supporti di riproduzione effettuata a favore di soggetti diversi dalle persone fisiche, per scopi manifestamente estranei a quelli della realizzazione di copie per uso privato" (come peraltro stabilito dalla sentenza del 5 marzo 2015, Copydan Bandkopi, C‑463/12, EU:C:2015:144, punto 47 e dalla giurisprudenza ivi citata).

Per quanto, infatti, "gli Stati membri hanno la facoltà di prevedere eccezioni o limitazioni al diritto esclusivo di riproduzione per quanto riguarda le riproduzioni su qualsiasi supporto effettuate da una persona fisica per uso privato e per fini né direttamente né indirettamente commerciali, a condizione che i titolari di tale diritto esclusivo ricevano un equo compenso che tenga conto delle misure tecnologiche di cui all'articolo 6 della predetta direttiva", e per quanto gli Stati membri dispongano di un ampio potere discrezionale per determinare chi sia tenuto (e come) a corrispondere tale compenso, per essere conforme "all'articolo 5, paragrafo 2, lettera b), della direttiva 2001/29, l'equo compenso e dunque il sistema su cui questo si basa devono essere correlati al pregiudizio causato ai titolari dei diritti per effetto della realizzazione di copie private".

Pertanto, un sistema di finanziamento dell'equo compenso risulta compatibile con le esigenze del giusto equilibrio tra i diritti e gli interessi degli autori, beneficiari dell'equo compenso, da un lato, e quelli degli utenti dei materiali, dall'altro, "soltanto nel caso in cui gli apparecchi e i supporti di riproduzione di cui trattasi possano essere utilizzati ai fini della realizzazione di copie private e possano pertanto causare un pregiudizio all'autore dell'opera protetta" e - continua la Corte - "sussiste quindi una correlazione necessaria tra l'applicazione del prelievo per copia privata a detti apparecchi e supporti di riproduzione digitale e l'uso dei medesimi a scopi di riproduzione privata".
Insomma, tali disposizioni non possono essere applicate se non è un privato ad acquistare il dispositivo e ad essere dunque responsabile della copia privata.

La Corte è inoltre critica nei confronti dei sistemi di rimborso previsti in caso di acquisto di prodotti soggetti al balzello da parte di soggetti a cui non spetta, sistema al momento a discrezione quasi assoluta di SIAE: "Tale sistema deve prevedere un diritto al rimborso del prelievo per copia privata che sia effettivo e che non renda eccessivamente difficile la restituzione del prelievo corrisposto. A tale proposito, la portata, l'efficacia, la disponibilità, la pubblicità e la semplicità di esercizio del diritto al rimborso devono consentire di controbilanciare gli eventuali squilibri creati dal sistema del prelievo per copia privata al fine di rispondere alle difficoltà pratiche constatate".

Soprattutto perché "è pacifico che la normativa in esame nel procedimento principale non prevede disposizioni di applicazione generale che esonerino dal pagamento del prelievo per copia privata i produttori e gli importatori che dimostrino che gli apparecchi e i supporti sono stati acquistati da soggetti diversi dalle persone fisiche, per scopi manifestamente estranei a quelli della realizzazione di copie per uso privato."

La decisione è stata accolta con favore da Confindustria Digitale, che ha parlato di una sentenza che conferma l'illegittimità del sistema italiano sugli usi professionali: "In particolare, la sentenza stabilisce sostanzialmente che i prodotti professionali devono essere esentati dal pagamento della copia privata con un meccanismo ex ante e che tale esenzione deve essere assicurata dal legislatore e non può essere lasciata a una negoziazione arbitraria condotta da una parte in causa qual è la SIAE".

Non è dello stesso avviso SIAE, che con una nota ridimensiona la portata della sentenza della Corte affermando che essa "non mette in alcun modo in discussione la legittimità della copia privata né in discussione l'intero decreto Bondi o la correttezza dell'operato di SIAE" dal momento che ribadisce la liceità del Decreto Bondi, considerando incompatibile con la Direttiva Europea solo l'articolo 4, ovvero la mancanza di disposizioni che indichino criteri predeterminati di esenzioni ex ante e metodi conseguenti per ottenere eventuali rimborsi.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • Diritto & InternetEquo compenso italiano, dubbi europeiNessuna eccezione all'applicazione indiscriminata dei prelievi per copia privata, un sistema per la gestione dei rimborsi che conta sulla discrezionalità di SIAE: l'avvocato generale della Corte di Giustizia dell'UE boccia l'Italia
  • AttualitàCopia privata, la conferma del Consiglio di StatoIl Consiglio di Stato conferma la decisione del TAR del Lazio sulla legittimità dell'equo compenso anche per apparecchi polifunzionali, questione sollevata all'indomani dell'approvazione del Decreto Bondi. Ma si chiede consiglio alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea
  • Diritto & InternetUE: copia privata senza se e con un maUna sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea amplia le libertà degli stati membri nello stabilire gli oneri per copia privata. A meno di danno minimo e di vendita a soggetti diversi da privati
48 Commenti alla Notizia Equo compenso italiano, mancanze professionali
Ordina
  • buon lunedì ed ecco le previsioni meteo

    a parte qualche possibile temporale in settimana su piemonte e toscana per il resto farà caldo troppo caldo sopra la media

    http://www.ilmeteo.it

    a tutti quelli he sono felici perchè non devono mettere la giacca ricordo che siamo in autunno e anni fa faceva molto più freddo

    il clima del pianeta sta andando a puttane e noi ci preoccupiamo dell'equo compenso ma per favore
    non+autenticato
  • - Scritto da: pianeta malato

    > il clima del pianeta sta andando a puttane e noi
    > ci preoccupiamo dell'equo compenso ma per
    > favore
    magari potessimo andarci anche noi. per farlo bisogna emigrare in paesi civili (tipo la svizzera )
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: pianeta malato
    >
    > > il clima del pianeta sta andando a puttane e noi
    > > ci preoccupiamo dell'equo compenso ma per
    > > favore
    > magari potessimo andarci anche noi. per farlo
    > bisogna emigrare in paesi civili (tipo la
    > svizzera
    > )

    civili non so, ma in quanto a razzismo la ns lega ha solo da imparare da loro
    non+autenticato
  • E e, non o o.
    Molto più sano
    non+autenticato
  • E nel frattempo il Torino piglia a schiaffi la Roma con 3 pere difficili da digerire ma a pensarci bene loro hanno sempre puntato al secondo posto

    Hanno talmente nel sangue il secondo posto che volevano arrivare secondi anche per la qualificazione della coppa campioni

    MISSIONE COMPIUTA
    non+autenticato
  • se hanno digerito in passato i 7-1 presi dal bayern e dal manchester utd, digerire questa è una passeggiata
    non+autenticato
  • - Scritto da: Toro
    > E nel frattempo il Torino piglia a schiaffi la
    > Roma con 3 pere difficili da digerire ma a
    > pensarci bene loro hanno sempre puntato al
    > secondo posto
    >
    >
    > Hanno talmente nel sangue il secondo posto che
    > volevano arrivare secondi anche per la
    > qualificazione della coppa campioni
    >
    >
    > MISSIONE COMPIUTA

    Il calcio è una religione. La religione è l'oppio dei popoli.
    non+autenticato
  • Ormai lo sappiamo come vanno queste cose: politici corrotti, amministratori corrotti, poteri economici corruttori, aziende che si spiano a vicenda e poi vanno dal cittadino e gli raccontano che piratare è un reato (diventato tale grazie ai politici corrotti da loro)...

    E' inutile cadere dal pero quando sappiamo che in ogni settore (non sfugge nemmeno la cosiddetta "giustizia") si ripete il medesimo pattern: corrotti, corruttori e servi della gleba che forniscono i soldi a entrambi.
    non+autenticato
  • tranquillo che appena la UE farà passare la legge Sdokall si sistemerà tutto

    Occhiolino
    non+autenticato
  • legge Sdokall?
    Ma da dove spunta?
    non+autenticato
  • Policy dei commenti

    Tutti i siti del network di Punto Informatico offrono spazi dedicati per commentare quanto viene pubblicato o per dar vita a nuovi dibattiti. Questo servizio è aperto a tutti.

    Per garantire che siano utili a tutti, questi spazi sono sottoposti ad alcune comuni regole di convivenza civile che possono essere riassunte in poche righe:

    - il commento sia sempre attinente all'argomento di cui si sta parlando (in topic)
    - mai scrivere commenti ingiuriosi e offensivi rispetto a chicchessia
    - moderare il linguaggio, evitare frasi e terminologie volgari, razziste o sessiste
    - usare il buon senso: non rispondere agli attacchi personali e a chi ha l'unico scopo di disturbare e creare zizzannia tra gli utenti (flamer e troll), rispondere significa solo alimentare il livello di rumore
    - evitare come da netiquette di puntualizzare eventuali errori di sintassi o battitura in un post
    - non inserire contenuti che siano diffamanti o violino le leggi italiane
    - evitare di usare il maiuscolo: non è mai leggere chi grida



    In tutti i post è presente il link "Segnala abusi", utile a inviare alla redazione la segnalazione di un commento che a proprio parere disturba lo scambio tra gli utenti e viola la Policy.

    Per garantire la tracciabilità in caso di procedimento legale ad ogni commento viene associato il numero IP dell'utente che lo ha pubblicato.

    La redazione si impegna a seguire per quanto più possibile ciò che viene pubblicato nei forum e provvederà alla cancellazione di qualsiasi post venga giudicato contrario alla Policy.
    non+autenticato
  • L'equo compenso è giusto, e chi afferma il contrario sicuramente lo fa solo per giustificare le proprie ladrate.

    E adesso che vi ho dimostrato che ho ragione, potete rispondere tutto quello che volete tanto si capisce subito che siete solo dei poveracci.
    non+autenticato
  • 0/10 l'arte di trollare non ti appartiene
    non+autenticato
  • - Scritto da: VideoWorld
    > L'equo compenso è giusto, e chi afferma il
    > contrario sicuramente lo fa solo per giustificare
    > le proprie ladrate.

    Come quelle di far pagare anche se si masterizzano cose non protette?
    Come quelle che ci si fa pagare anche per la stampa su CD/DVD con cose non protette?

    > E adesso che vi ho dimostrato che ho ragione,
    > potete rispondere tutto quello che volete tanto
    > si capisce subito che siete solo dei
    > poveracci.

    L'unica cosa che hai dimostrato è che anche tu sei un truffatore legalizzato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: VideoWorld

    > E adesso che vi ho dimostrato che ho ragione,

    Avrai dimostrato di avere ragione soltanto dopo che ti sarai misurato con me, a botte s'intende, e ne sarai uscito vincitore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: VideoWorld
    > L'equo compenso è giusto, e chi afferma il
    > contrario sicuramente lo fa solo per giustificare
    > le proprie ladrate.
    >
    >
    > E adesso che vi ho dimostrato che ho ragione,
    > potete rispondere tutto quello che volete tanto
    > si capisce subito che siete solo dei
    > poveracci.

    Non è giusto, è semplicemente legalizzato in ossequio alle pressioni delle lobby.

    Siamo dei poveracci? Ed il riccaccio saresti tu?
  • - Scritto da: rockroll
    > Siamo dei poveracci? Ed il riccaccio saresti tu?

    Il presidente dell'Uruguay, Pepe Mujica quando gli fanno notare che viene considerato il presidente più povero del mondo, risponde che i veri poveri sono coloro che lo giudicano così.
    Dato che lui si ritiene una persona tutto sommato felice della sua vita sobria, e non gli serve possedere nulla di inutile. La ricchezza non si vede da quello che hai.
    iRoby
    8840
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)