Apple/ Uno sguardo ad iLife 2004

di D. Galimberti. Ecco una breve recensione dei pacchetti e delle più importanti funzionalità inclusi nella nuova suite di Apple per la creazione e la gestione di contenuti digitali

Roma - Presentata lo scorso gennaio in occasione del MacWorld Expo di San Francisco, iLife 2004 è la nuova versione della suite di prodotti che Apple dedica agli utenti consumer. Della suite fanno parte diverse applicazioni, fra le quali iTunes, iPhoto, iMovie e iDVD, dedicate alla creazione, alla gestione e all'archiviazione dei contenuti digitali.

iTunes non presenta alcuna variazione rispetto alla già esistente versione 4.2, e resta l'unica applicazione ancora liberamente scaricabile dal sito Apple, sia in versione Mac che in versione Windows. Non potrebbe essere diversamente, visto che iTunes rappresenta anche l'interfaccia necessaria per accedere all'iTunes Music Store, il "negozio" di musica on-line che a breve (dopo aver superato lo scoglio burocratico delle diverse legistazioni) sbarcherà anche in Europa.

iMovie 4 mantiene la stessa impostazione alla quale siamo abituati, ma sotto l'apparenza si nasconde un programma ampliamente migliorato. Innanzitutto sono stati definitivamente risolti tutti i problemi che avevano afflitto le prime release della versione precedente (problemi che, ad onor del vero, erano comunque già stati eliminati da alcuni aggiornamenti), ma quello che si nota lavorandoci è un decisivo incremento di prestazioni nel rendering di effetti e transizioni.
A livello di funzionalità, possiamo notare diverse migliorie a livello di editing, come un nuovo sistema di sincronizzazione audio/video, o la possibilità di eseguire trimming diretto non distruttivo (sia audio che video) direttamente nella timeline. Non mancano infine le aggiunte di nuovi effetti, in particolare suoni e titolazioni (tra le più gettonate possiamo sicuramente menzionare le scritte con effetto alla "Star Wars").

Infine è stata implementata la possibilità di registrare filmati in tempo reale da iSight, la webcam firewire di Apple: si tratta di una funzione che probabilmente non sarà molto sfruttata, ma per i casi in cui dovesse servire è una possibilità in più che non poteva mancare.

La nuova versione di iPhoto, pur nella sua semplicità, è uno dei programmi che ha beneficiato di un maggiore restyling. A livello di organizzazione, la crezione degli Album è ora in tutto simile a quella del Playlist di iTunes, e possiamo creare nuove raccolte in maniera automatica in base alle parole chiave o ai voti che abbiamo associato alle nostre foto. La sezione di editing si arricchisce di un nuovo comando per creare un effetto seppia sulle immagini.

Pur comprendendo la natura "semplicistica" dell'applicazione, che non vuole essere un programma di fotoritocco ma un semplice programma di correzione e achiviazione delle immagini, sarebbe stata apprezzabile anche l'aggiunta di qualche comando extra per la correzione manuale della gamma di colore o della saturazione; attualmente l'utente può accedere solo ai parametri di luminosità e contrasto (oltre che al ritaglio), mentre il bilanciamento dei colori viene eseguito solo in automatico.

La modalità presentazione è stata anch'essa arricchita con nuovi effetti di transizione derivati in modo evidente da Keynote, mentre per la colonna sonora è possibile utilizzare una qualsiasi canzone presente nella libreria di iTunes.

Una delle possibilità più interessanti di iPhoto è sempre stata quella di realizzare delle raccolte, cioè di creare dei "libretti" con diversi stili e composizioni, aggiungendo anche i commenti che descrivono i propri scatti; grazie ad una serie di centri convenzionati, è poi possibile ordinare la stampa della propria raccolta, così come quella delle singole foto. Con l'introduzione della versione 4 questo servizio viene reso disponibile anche in Europa, anche se al momento attuale pare che in Italia il servizio non sia ancora pienamente attivo.

Proseguendo nell'esame della nuova versione di iLife, si può notare come iDVD sia l'applicazione che probabilmente porta con sé il più cospicuo numero di aggiornamenti. Quelli che saltano subito all'occhio sono una maggior selezione di temi e la possibilità di visualizzare una mappa panoramica dell'intero progetto. Per quanto riguarda l'editing, sono state incrementate le possibilità di personalizzazione di pulsanti e testi, ed è stato allungato il tempo di animazione dei menù. Inoltre è stata aggiunta la possibilità di eseguire un filmato in automatico all'inserimento del DVD nel lettore, mentre il sistema di codifica professionale consente di registrare fino a 90 minuti di filmato.

Con iDVD 4 è possibile creare e registrare i propri progetti, questo anche se non si dispone di un'unità SuperDrive, consentendo poi di trasferirli su un altro computer per realizzare il DVD vero e proprio.

Tutte le applicazioni di iLife sono strettamente interconnesse tra di loro. Per esempio, da iPhoto possiamo scegliere una canzone che ci faccia da colonna sonore durante le presentazione direttamente dalla libreria di iTunes, mentre basta premere un pulsante per trasferire le foto di un album in un progetto di iDVD, dove potremo aggiungere transizioni e colonna sonora. Allo stesso modo in iMovie (così come nella versione precedente) possiamo importare audio da iTunes, e foto alle quali applicare il suggestivo effetto Ken Burns, mentre anche qui è sufficiente la pressione di un tasto per trasferire il filmato in progetto di iDVD. Quest'ultimo diventa di fatto l'applicazione che raccoglie tutti i tipi di media che abbiamo importato, creato ed elaborato; da iDVD possiamo richiamare tutti i files delle altre applicazioni iLife per realizzare nella maniera più semplice un progetto completo.

Infine, playlist di iTunes e album di iPhoto possono essere condivisi in rete con una semplice impostazione; con la stessa semplicità possiamo anche esportare foto, musica e filmati sul nostro sito ".mac" o su un qualsiasi dispositivo che possa riceverli (per esempio palmari e cellulari bluetooth).
TAG: apple
21 Commenti alla Notizia Apple/ Uno sguardo ad iLife 2004
Ordina
  • potrò fare le dissolvenze a stella?
    D'OH
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > potrò fare le dissolvenze a stella?
    > D'OH

    Sinceramente non ho controllato se può fare questa "sofisticatissima e utilissima" performance, ma ho visto un DVD con titoli e scene e musiche di una bambina di 12 anni, ridotto da un film che in origine erano centinaia di spezzoni sparsi e mi è sembrato discreto.
    Pare che fosse la prima volta che vedeva il sistema..
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > potrò fare le dissolvenze a stella?
    > D'OH

    Ma un effetto meno schifoso non potevi sceglierlo?
    FDG
    10910

  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > potrò fare le dissolvenze a
    > stella?
    > > D'OH
    >
    > Ma un effetto meno schifoso non potevi
    > sceglierlo?

    gli effetti di questi programmilli sono tutti schifosi e alla lunga anche noiosi.
    non+autenticato

  • > gli effetti di questi programmilli sono
    > tutti schifosi e alla lunga anche noiosi.

    Boh, mi sembrano bellissimi invece.
    E gratis!

  • - Scritto da: BigSam
    >
    > > gli effetti di questi programmilli sono
    > > tutti schifosi e alla lunga anche
    > noiosi.
    >
    > Boh, mi sembrano bellissimi invece.
    > E gratis!

    che fortunato che sei, a me non ne hanno mai regaliti di mac all'apple store....
    se mi dici dove li regalano ci vado subitoooooooooooo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    >
    > che fortunato che sei, a me non ne hanno mai
    > regaliti di mac all'apple store....
    > se mi dici dove li regalano ci vado
    > subitoooooooooooo

    No carino, tiri fupri i soldini e li compri, come del resto tutti gli altri computer
  • volta la pagina...
    non+autenticato
  • cmq l'effetto a stella a me lo fà però ho installato qualche plug-in aggiuntivo non sò se è un effetto base o aggiunto=?
  • - Scritto da: Anonimo

    > gli effetti di questi programmilli sono
    > tutti schifosi e alla lunga anche noiosi.

    Si, perché alla fine piuttosto che riempire il video di inutili effetti, preferisci limitarti ad inserire ogni tanto quà e la una dissolvenza, giusto per dare l'idea che tra le due scene intercorre un certo intervallo di tempo (trucco cinematografico).
    FDG
    10910

  • - Scritto da: Anonimo
    > potrò fare le dissolvenze a stella?
    > D'OH

    :D

    Bellissimo quell'episodio dei Simpsons...

    E' la puntata in cui muore la moglie di Flanders?
    non+autenticato
  • iDVD4 permette di creare progetti di 2 ore, il limite di un'oraemmezza era per la vecchia versione.
    Ho letto dappertutto, e oggi anche qui, che Garageband è avido di risorse......e allora come mai sul mio iMac@800 con "soli" 512MB di ram non ho problemi a portare avanti brani con 20/25 tracce mentre masterizzo il brano precedente, scarico da internet, scrivo i testi in M$Word e ho perfino Konfabulator aperto con una decina di widget, tra cui gli avidissimi eBayMaster e TrekForecast?
    Eppure la mia non è certo la macchina più prestante del mondo.
    Forse che si vuole spingere all'aggiornamento HW anche chi non ne ha bisogno?
    non+autenticato
  • penso l'articolo si riferisse ai vecchi G3 e i G4 dal pwermac blu in giuOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > Ho letto dappertutto, e oggi anche qui, che
    > Garageband è avido di risorse......e
    > allora come mai sul mio iMac@800 con "soli"
    > 512MB di ram non ho problemi a portare
    > avanti brani con 20/25 tracce mentre
    > masterizzo il brano precedente...

    Io ho avuto problemi nel play realtime dei brani d'esempio per G4/G5 con un PowerBook 550 con 256MB di ram. Che il problema stia nella ram o nella velocità del disco? Tra i suggerimenti dati dalla documentazione c'è quello di usare se possibile un disco esterno più veloce, nel caso in cui non si riescano ad ottenere prestazioni accettabili.
    FDG
    10910

  • - Scritto da: Anonimo
    > iDVD4 permette di creare progetti di 2 ore,
    > il limite di un'oraemmezza era per la
    > vecchia versione.

    OK, spero mi vogliate concedere una svista...Sorride
    Dopotutto non ho avuto tempo/possibilità di creare un nuovo DVD di tale lunghezza per testare in dettaglio ogni funzione della nuova versione (a quanto pare le informazioni che avevo in tal senso non erano corrette, informazioni che potrebbero anche arrivare dallo stesso help di iDVD, che parla di 90 minuti...)

    > Ho letto dappertutto, e oggi anche qui, che
    > Garageband è avido di risorse......e
    > allora come mai sul mio iMac@800 con "soli"
    > 512MB di ram non ho problemi a portare
    > avanti brani con 20/25 tracce mentre
    > masterizzo il brano precedente, scarico da
    > internet, scrivo i testi in M$Word e ho
    > perfino Konfabulator aperto con una decina
    > di widget, tra cui gli avidissimi eBayMaster
    > e TrekForecast?
    > Eppure la mia non è certo la macchina
    > più prestante del mondo.
    > Forse che si vuole spingere
    > all'aggiornamento HW anche chi non ne ha
    > bisogno?

    Ti assicuro che personalmente non ci guadagno niente quando Apple vende nuovo hardware, e ti assicuro che durante le prove col mio Powerbook 12" , a un certo punto "sono stato avvisato" che c'erano poche risorse disponibili. Certo, il portatile era impostato su "prestazioni limitate" per risparmiare la batteria, ma ho più memoria di te, e le applicazioni aperte erano solo GarageBand e Texedit (forse iPhoto... non ricordo). Inoltre ho appesantito il calcolo applicando vari effetti su tracce analogiche, non mi sono limitato ad aggiungere tracce MIDI "pulite".
    La tua macchina, pur non essendo tra le più prestanti, è sicuramente superiore a qualsiasi eMac, qualsiasi iBook, e probabilmente anche al mio PowerBook12"; inoltre è comunque dotata del doppio della RAM attualmente di serie sull'iMac entry-level.
    Ba buon Mac-fanatico (non so se hai letto "Macintosh, la verità nuda e cruda"), ti assicuro che pur essendo un'ottima applicazione, GarageBand avrebbe bisogno ancora di qualche piccolo ritocco e ottimizzazione: è normale visto siamo alla prima release, e a parte l'ottimizzazione ci sono molti particolari che potrebbero essere migliorati.
    iLife è un'ottima suite ad un prezzo vantaggiosissimo, ma non dobbiamo prendere per oro colato ogni cosa che arriva da Apple, serve anche spirito critico per riuscire ad ottenere qualcosa di meglio.

    --
    Domenico Galimberti
    non+autenticato
  • > avanti brani con 20/25 tracce mentre
    > masterizzo il brano precedente, scarico da
    > internet, scrivo i testi in M$Word e ho
    > perfino Konfabulator aperto con una decina
    > di widget, tra cui gli avidissimi eBayMaster

    cioè, mentre pensi a scrivere un testo in word fai un brano musicale e ti aiuti a concentrare tenendo aperte diverse conversazioni, in più per non sprecare cicli di cpu e altre risorse fai fare altre cose in bkgrnd...
    ok, ok, buona come dimostrazione di multitasking, ma non ti viene mal di testa OGNI VOLTA CHE USI IL COMPUTER?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > iDVD4 permette di creare progetti di 2 ore,
    > il limite di un'oraemmezza era per la
    > vecchia versione.
    > Ho letto dappertutto, e oggi anche qui, che
    > Garageband è avido di risorse......e
    > allora come mai sul mio iMac@800 con "soli"
    > 512MB di ram non ho problemi a portare
    > avanti brani con 20/25 tracce mentre
    > masterizzo il brano precedente, scarico da
    > internet, scrivo i testi in M$Word e ho
    > perfino Konfabulator aperto con una decina
    > di widget, tra cui gli avidissimi eBayMaster
    > e TrekForecast?
    > Eppure la mia non è certo la macchina
    > più prestante del mondo.
    > Forse che si vuole spingere
    > all'aggiornamento HW anche chi non ne ha
    > bisogno?

    Il peso di garage band è tutto nell'interfaccia grafica. Prova a chiudere la parte dove vedi i vu meter con i volumi delle tracce, o addirittura riduci ad icona garage band mentre è in play tenendo attivo il monitoraggio attività, e vedrai.
    Il motore audio ciuccia il 25%, il resto è l'interfaccia grafica. Quindi già con 8 tracce vedi la cpu a palla, ma poi puoi continuarne ad aggiungere 20, 30 ecc. e l'unico effetto visibile è uno scattonamento della GUI.
    Cmq a giorni sul sito di musimac pubblicheremo un articolo molto dettagliato proprio a riguardo di questo problema.
    Bye
    non+autenticato
  • Vi informo che da giorni è disponibile un update Apple che dovrebbe eliminare i fastidiosi problemi di cui sopra..nonchè eliminare il messaggio che su certi mac con più di 300 font installati avvisava di doverli ottimizzare...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > Vi informo che da giorni è
    > disponibile un update Apple che dovrebbe
    > eliminare i fastidiosi problemi di cui
    > sopra..

    Io l'ho già fatto e le traccie per G4 non riesco a sentirle lo stesso.
    FDG
    10910

  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: Anonimo

    > Io l'ho già fatto e le traccie per G4
    > non riesco a sentirle lo stesso.

    Probabilmente perché il tuo PB ha un disco molto lento (4200rpm).
    diciamo che solo 256 mb di ram con un disco cosi lento non é la situazione ideale con GarageBand.
    le altre applicazioni (iLife04) con il tuo pb funzionano bene?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > > Io l'ho già fatto e le traccie per G4
    > > non riesco a sentirle lo stesso.
    >
    > Probabilmente perché il tuo PB ha un
    > disco molto lento (4200rpm).
    > diciamo che solo 256 mb di ram con un disco
    > cosi lento non é la situazione ideale
    > con GarageBand.
    > le altre applicazioni (iLife04) con il tuo
    > pb funzionano bene?

    Ovvero, aggiornamento a parte (che di sicuro migliora qualcosa), "l'installazione su macchine non troppo prestanti non è consigliata", così com'era segnalato nella notizia/recensione

    Bye
    non+autenticato