Stefano De Carlo

Lenovo dimezza Motorola

Il produttore cinese annuncia l'ennesima tornata di licenziamenti, questa volta focalizzati principalmente su Motorola. La base resta a Chicago, ma ancora per quanto?

Roma - Dopo i 3.200 dell'anno scorso, ora Lenovo conferma un altro giro di licenziamenti, che questa volta impatteranno principalmente Motorola. I numeri degli esuberi sono importanti: si tratta di più del 50 per cento della forza lavoro complessiva di Motorola Mobility Group (MBG), 700 dipendenti circa su 1.200 complessivi.

La mossa fa parte di quello che Lenovo chiama "snellimento del proprio portafoglio prodotti" e che prevede lo spostamento della ricerca e sviluppo di MBG all'interno della divisione smartphone del colosso cinese allo scopo di ridurre i costi. Per il momento però Lenovo rassicura che Motorola manterrà la base di Chicago anziché trasferirsi in North Carolina dove la componente americana del gruppo cinese ha sede.

Lenovo sta dunque cercando di consolidare il suo business e a farne le spese è il gruppo Motorola, in una situazione finanziaria che nell'ultimo trimestre è stata complessivamente stazionaria per Lenovo, con una perdita operativa del 12 per cento.
Negli ultimi anni Motorola ha fatto sua una delle linee più popolari del mercato smartphone, la serie Moto G che ha fatto dell'ottimo rapporto qualità/prezzo il suo cavallo di battaglia. Un successo che non è stato replicato dal più recente Moto Z, che avrebbe garantito margini molto più alti e che ha invece deluso le attese.

Appena prima dell'acquisizione da parte di Google nel 2012, Motorola contava 20.000 dipendenti (che Mountain View tagliò quasi immediatamente di 4.000 unità). Lenovo ha preso in mano MBG con una forza lavoro che si era già ridotta a 3.500 unità. Ora siamo a 500, e questi ultimi esuberi sono già stati salutati da qualcuno come l'inizio della fine per lo storico brand della telefonia americana.

Stefano De Carlo
Notizie collegate
  • BusinessLenovo: trimestre solido, mercato difficileIl colosso cinese ha reso noti i risultati economici per l'ultimo trimestre fiscale, un periodo in cui la corporation ha dovuto vedersela con un mercato parecchio ostico per i PC e non solo. Tagli su personale e dispositivi in vista
  • TecnologiaLenovo Moto Z, la nuova vita di MotorolaPrestazioni garantite da uno Snapdragon di ultima generazione. Ma, soprattutto, device sottilissimo e un sistema di cover modulari per ampliarne le funzioni
  • BusinessLenovo, quel che resta di MotorolaLo storico marchio statunitense, a quasi due anni dall'acquisizione da parte dell'azienda cinese, si sintetizzerà nel semplice Moto. Il brand Motorola non figura sulle confezioni degli smartphone dal 2013
6 Commenti alla Notizia Lenovo dimezza Motorola
Ordina
  • Quando una multinazionale (o anche meno) acquisisce un'azienda è interessata solo ai prodotti ed ai brevetti, delle persone non gliene può fregare di meno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Quando una multinazionale (o anche meno)
    > acquisisce un'azienda è interessata solo ai
    > prodotti ed ai brevetti, delle persone non gliene
    > può fregare di
    > meno.
    Google ha distrutto tutto.
    non+autenticato
  • È il capitalismo che distrugge l'uomo. Le aziende devono rispettare le regole di questo sistema infame se vogliono sopravvivere.

    Applicato ad industrie importanti per la vita umana come quelle alimentari e farmaceutiche questo è più distruttivo che mai.

    Se tra due aziende che producono dolci per bambini una ha dirigenti più onesti che usano prodotti di qualità superiore e non vogliono usare i grassi trans, e l'altra ha una dirigenza interessata solo al profitto e usa porcherie, il mercato premia la seconda perché fa più utili e da dividendi agli azionisti.
    La prima inevitabilmente fallirà.

    Quelli che ci perderanno saranno milioni di bambini lentamente avvelenati. Vedi la Nutella che ormai è tutta zucchero e olio di palma.

    Poi quella farmaceutica è una contraddizione unica quando la stessa azienda produce pesticidi e additivi alimentari, e poi anche farmaci.
    Ha la possibilità di avvelenarti per poi farti dipendere dai farmaci.
    E sta certo che non c'è etica del commercio che regga. Non l'ho mai vista un'etica tra i dirigenti di queste aziende, solo psicotici accumulatori di denaro.
    iRoby
    9147
  • e contestualmente affermi che non lo aggiornerai. Neanche il pollo per definizione te lo compra.

    Ma va bene così: non c'è proprio bisogno di queste aziende.
    non+autenticato
  • Non è proprio vero.
    Il Moto G4 è molto più avanti dei suoi predecessori, e sarà aggiornato fino ad Android O. Quindi almeno 4 anni di vita utile.

    Costa un po' più di 200 euro contro i 180, a cui erano sempre venduti i suoi predecessori all'uscita. Ma è perché ha display più grande fullHD, fotocamera migliore, doppio di memoria e CPU octa core.
    iRoby
    9147
  • - Scritto da: iRoby
    > Non è proprio vero.
    > Il Moto G4 è molto più avanti dei suoi
    > predecessori, e sarà aggiornato fino ad Android
    > O. Quindi almeno 4 anni di vita
    > utile.

    Confermo
    Motorola fa ottimi telefoni.
    Forse costano qualche eruo in più ma la soddisfazione di avere un dispositivo prodotto da dipendenti e non da schiavi ripagava.

    Motorola e' l'ennesima vittima della globalizzazione.
    non+autenticato