PI Guide/ PrestaShop e l'e-commerce fai da te

Il CMS Open Source permette di creare in pochi clic un negozio virtuale completo, sicuro e altamente personalizzabile. Ecco come fare anche su GNU/Linux

Il ricorso al commercio elettronico per l'acquisto di prodotti e servizi è in costante crescita, in tutta Europa (Italia compresa), nonostante le restrizioni ancora presenti nel settore. Nell'attesa che la tanto annunciata ripresa economica possa realmente concretizzarsi con le auspicate ricadute positive su imprese e lavoratori, qualcuno potrebbe pensare di cavalcare l'onda e di avviare una propria attività imprenditoriale, sfruttando l'emergente e illimitato mercato del Web. Ecco perché in questo articolo, dopo avere compreso il concetto di e-commerce e aver descritto le differenti tipologie di commercio elettronico, mostreremo come sia possibile, dal punto di vista tecnico, implementare un efficiente sistema di e-commerce.

Il commercio elettronico
L'e-commerce, è una metodologia moderna di business finalizzata alla compravendita di prodotti e servizi utilizzando sistemi elettronici come Internet. Il commercio elettronico facilita l'incontro tra offerta e domanda di prodotti e servizi riducendo i costi di gestione degli ordini e delle interazioni con partner, clienti e fornitori, migliora la qualità dei prodotti e dei servizi e incrementa la velocità della consegna.

Esistono diversi tipi di commercio elettronico. Ne citiamo alcuni tra i più diffusi e noti:
Business to Business (B2B): in questo modello, le organizzazioni vendono i loro prodotti ai grossisti i quali a loro volta li rivendono al consumatore finale. Il prezzo in questo caso è basato sulla quantità ordinata ed è spesso negoziato tra le parti;

Business to Consumer (B2C): le aziende vendono i propri prodotti e servizi direttamente al pubblico, utilizzando specifiche applicazioni attraverso le quali vengono catalogati gli articoli che i clienti possono acquistare. I clienti sfogliano il catalogo digitale, scelgono i prodotti da acquistare, pagano la fattura e ricevono a casa i prodotti ordinati, con la possibilità di restituire gli articoli se non dovessero essere soddisfatti;

Consumer to Consumer (C2C): singoli individui utilizzano sistemi pubblicamente accessibili per mettere in vendita i propri prodotti. Pensiamo ad esempio a eBay. Grazie a sistemi di pagamento online come PayPal i venditori possono ricevere dagli acquirenti il denaro relativo alla compravendita di un prodotto;

Consumer to Business (C2B): in questo modello, un consumatore ha la possibilità di contattare diverse organizzazioni indicando loro il tipo di prodotto che desidera acquistare e una stima dell'ammontare di spesa che intende affrontare. Le organizzazioni, se interessate, rispondono al cliente inviando la propria proposta;

Government to Citizen (G2C): questo modello viene utilizzato dalle organizzazioni pubbliche in modo da offrire ai cittadini uno strumento digitale per quei servizi che tipicamente vengono svolti da un ufficio, come il rilascio di certificati di nascita o di matrimonio, in modo da ridurre le eccessive richieste agli uffici della pubblica amministrazione;

Business to Government (B2G): è una variante del modello B2B ma in questo caso viene utilizzato dalle organizzazioni pubbliche che scambiano informazioni con le organizzazioni aziendali;

Vantaggi e svantaggi
Il ricorso al mercato elettronico presenta indiscutibili vantaggi:
- l'ubiquità di Internet permette di estendere i confini di acquirenti e venditori. Un'azienda può raggiungere un ampio target di clienti estendendo in questo modo il mercato sul quale opera con un minimo investimento di capitali;
- non esistono limiti temporali alla compravendita. I servizi di e-commerce sono infatti attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7;
- la possibilità di accedere a grandi cataloghi di prodotti e servizi si riflette su una maggiore possibilità nella scelta dei prodotti da parte del cliente;
- le organizzazioni aziendali non hanno bisogno di grossi centri di stoccaggio come avviene nel caso dei negozi e dei centri commerciali. Questo comporta una significativa riduzione dei costi dei prodotti commercializzati dalle imprese;
- il cliente conosce in tempo reale le opinioni degli altri consumatori in modo da comprendere la qualità del prodotto da acquistare;
- l'impiego del commercio elettronico aiuta l'organizzazione a ottimizzare i propri processi di business rendendoli più veloci ed efficienti;

Purtroppo, non è tutto oro quel che luccica e anche la nascita dell'e-commerce ha portato con sé qualche inevitabile svantaggio. Il ricorso al commercio elettronico ha ridotto o addirittura annullato il contatto tra venditore e acquirente. Per questo motivo, il commercio elettronico risulta essere meno appropriato alla compravendita di quei prodotti e servizi per i quali è fondamentale il contatto umano (si pensi, ad esempio, all'assicurazione sulla vita). La compravendita di prodotti su Internet non consente di toccare con mano il prodotto, oppure di provarlo (ad esempio, un capo d'abbigliamento dove si desidera toccare la morbidezza del tessuto o provarne la misura). Tuttavia una campagna di marketing basata su email può suscitare l'interesse verso l'acquirente il quale potrebbe essere invogliato a visitare un negozio o a contattare il venditore. Ovviamente, in tema di e-commerce non meno importanti sono gli aspetti dipendenti dalla tecnologica, quali sicurezza e privacy.

Cos'è PrestaShop
Sono numerose le piattaforme di e-commerce che sono state sviluppate. Basta una semplice ricerca per scoprire un elevato elenco di prodotti, commerciali e Open Source, che possono soddisfare le più diverse esigenze. In queste pagine ci limiteremo però a parlare solo di PrestaShop, una delle migliori piattaforme Open Source attualmente disponibili in grado di supportare le piccole, medie e grandi imprese, permettendo loro di commercializzare i propri prodotti sul Web.
PrestaShop è scritto in PHP e la sua architettura software si basa sul pattern MVC (Model View Controller) che separa la logica di business dai dati e da come questi vengono renderizzati sulle pagine Web. Il sistema presenta un'architettura modulare: le diverse funzionalità sono infatti raggruppati in moduli facilmente configurabili per adattare le funzionalità del sistema alle esigenze dell'utente. Di default, PrestaShop è già dotato di numerosi moduli, ma molti altri possono essere scaricati gratuitamente o a pagamento dal mercato elettronico di PrestaShop.


L'installazione di PrestaShop è semplice grazie alla presenza di un wizard

Installiamo il CMS sul nostro server GNU/Linux
Dopo aver scaricato dal sito ufficiale del progetto l'ultima versione disponibile, decomprimiamo il pacchetto e spostiamo il suo contenuto all'interno della "document root" di Apache che gira sul nostro server GNU/Linux, nel nostro caso /var/www/html:


unzip prestashop_1.6.1.7_it.zip
sudo mv prestashop /var/www/html/shop
sudo chown -R apache:apache shop/


Accediamo quindi a MySQL e creiamo un nuovo database denominato, ad esempio shop, che ospiterà gli oggetti creati da PrestaShop:


mysql -u root -p
> create database shop;


Apriamo quindi il browser e accediamo alla pagina http://localhost/shop/install. Ovviamente, stiamo ipotizzando che il web server che ospita PrestaShop si trovi sulla medesima macchina alla quale siamo collegati e su cui è in esecuzione MySQL.

Un semplice wizard guiderà l'amministratore nell'installazione e nella configurazione di un ambiente perfettamente funzionante di PrestaShop. Nel primo step è necessario specificare la lingua dell'assistente dell'installazione, quindi bisogna accettare i termini della licenza: PrestaShop viene rilasciato sotto licenza OSL 3.0 mentre i moduli e i temi sono rilasciati sotto licenza AFL 3.0. Lo step successivo verifica la compatibilità del sistema: è necessario risolvere tutte le criticità indicate nella pagine prima di procedere con l'installazione. Quindi, devono essere indicate tutte le informazioni necessarie alla creazione del negozio. In particolare dovrà essere specificato il nome del negozio e il nome, l'indirizzo email e la password dell'utente amministratore che potrà accedere all'interfaccia di gestione della piattaforma. Specifichiamo i parametri di connessione con il database. Nel nostro caso, l'indirizzo del server del database è localhost in quanto sia il Web server che il database sono in esecuzione sulla medesima macchina. Specifichiamo inoltre il nome del database, creato poco fa (nel nostro caso shop) nonché l'username e la password dell'utente dotato dei privilegi di lettura e di scrittura sul DB. Dopo aver inserito tutte le informazioni necessarie, tramite l'apposito pulsante, possiamo verificare la connessione al database. Nel passo finale creiamo le tabelle e le viste, carichiamo i dati di prova e configuriamo il negozio on-line: avviene tutto in automatico.


Durante il wizard di installazione vengono richiesti alcuni dati fondamentali come il nome del negozio

Accesso al negozio virtuale
Il sistema si presenta con una doppia interfaccia: la prima, di front-end, utilizzata dagli utenti finali per accedere al negozio virtuale e acquistare i prodotti; la seconda, di back-end, viene utilizzata dall'amministratore per la gestione del negozio, l'inserimento dei prodotti di vendita, la gestione degli ordini e delle spedizioni. L'accesso al sistema di front-end avviene accedendo alla pagina http://localhost/shop, mentre per effettuare il login in qualità di amministratore è necessario accedere alla pagina http://localhost/shop/adminXYZ/. Al termine del processo di installazione, infatti, viene creata una directory all'interno della document root del sistema che contiene la parte accessibile da amministratore. Nel nostro caso, la directory è denominata admin603pkhffm ed è proprio questo il nome che dovrà essere specificato nell'URL. All'accesso alla sezione di amministrazione viene visualizzato un pannello di controllo che mostra una panoramica delle attività che sono state fatte nell'ultimo periodo dai clienti del negozio virtuale. A sinistra dell'interfaccia grafica è presente un menu attraverso il quale l'amministratore può accedere alle pagine di configurazione dei relativi moduli. Attraverso questo menu, è possibile ad esempio gestire i prodotti, gli ordini e i clienti e ancora le spedizioni, i prezzi e i temi grafici.


Il pannello di controllo di PrestaShop mostra le statistiche di vendita sulla piattaforma

Modalità di pagamento
Una delle prime configurazioni che l'amministratore deve effettuare riguarda la definizione delle differenti modalità di pagamento da parte degli utenti. Nel sistema sono già presenti due moduli che permettono di offrire all'utente due differenti modalità: il primo riguarda il pagamento tramite assegno, il secondo tramite bonifico bancario. Entrambi i moduli dovranno essere configurati.
A tale scopo, dopo aver selezionato Moduli e Servizi, cerchiamo, tramite l'apposita casella di ricerca, la voce Assegno. Verrà visualizzato il corrispondente modulo che può essere configurato tramite il pulsante Configura. Dovremo quindi indicare il nome del beneficiario e l'indirizzo a cui l'assegno dovrà essere inviato.

Seguendo la medesima procedura, cerchiamo il modulo denominato Bonifico Bancario, quindi, dopo aver cliccato su Configura, inseriamo il nome dell'intestatario del conto corrente, il codice IBAN e l'indirizzo della banca. I due metodi di pagamento predefiniti sono piuttosto rari e difficilmente potranno essere accettati dagli utenti perché poco sicuri (un assegno inviato tramite posta potrebbe perdersi) e potrebbero richiedere delle attività aggiuntive che provocano un rallentamento nella consegna dei prodotti ordinati (il manager prima di inviare la merce acquistata da un cliente, deve verificare che quest'ultimo abbia effettuato il bonifico e non sempre questa attività può essere effettuata immediatamente).

Un metodo di pagamento affidabile, sicuro e rapido è invece PayPal utilizzato da centinaia di milioni di utenti in tutto il mondo. Di default il modulo di pagamento di PayPal non è presente su PrestaShop, ma è possibile scaricarlo gratuitamente e ricevere il pagamento in tutta sicurezza. Per installare il modulo è sufficiente collegarsi alla pagina degli addon e scaricare il modulo gratuito denominato PayPal Europa. Per il download del modulo è necessaria la registrazione. Scaricato il file .zip, selezioniamo dal menu la voce Moduli, quindi Moduli e Servizi. Clicchiamo su Aggiungi Nuovo Modulo e, tramite il pulsante Scegli un File selezioniamo il file .zip che abbiamo scaricato. Il nuovo modulo sarà quindi disponibile per l'installazione. Il modulo offre tre differenti modalità di pagamento tramite PayPal: Standard, Pro ed Express. La prima modalità è la più semplice e adatta alla maggior parte dei siti Web: i pagamenti sono gratuiti mentre nel caso del prelievo viene applicata una commissione. Durante la configurazione del modulo, l'amministratore dovrà specificare quale soluzione di pagamento dovrà essere adottata. Affinché si possa utilizzare PayPal, è ovviamente necessario essere in possesso di un account che, eventualmente, può essere creato direttamente dal modulo. A seguito della registrazione, PayPal comunica all'utente una username e una password che dovranno essere specificate nel modulo per completarne la configurazione.


Un utente che vuole effettuare un acquisto deve essere registrato sul sito Web

Mezzi di spedizione
Oltre alle modalità di pagamento, l'amministratore deve specificare anche le modalità di consegna della merce acquista. Ad esempio, la merce potrà essere spedita tramite corriere o ritirata direttamente dal cliente presso uno dei centri di stoccaggio dell'organizzazione aziendale. Per specificare le modalità di consegna, clicchiamo su Corrieri presente nel menu Spedizioni. La creazione di un nuovo vettore si compone di tre step: inizialmente è necessario definire il nome del corriere e il tempo stimato per la consegna; poi dovranno essere indicati i costi di gestione del trasporto ovvero quanto incide il trasporto sul prezzo finale; infine, dobbiamo definire le dimensioni massime dei pacchi che potranno essere trasportati dal corriere. L'elenco dei corrieri inseriti nel sistema verrà visualizzato dall'utente durante il checkout dell'ordine.

L'interfaccia grafica
Per un negozio virtuale è molto importante (quasi fondamentale) mostrare una grafica accattivante che possa conquistare l'utente, semplificandogli la ricerca dei prodotti di suo interesse e mostrando tutte le informazioni di cui necessita per l'acquisto di un prodotto. La progettazione dell'interfaccia grafica deve quindi essere valutata attentamente ed è importante tenere presente i principi di usabilità. Potrebbe ad esempio essere utile modificare il layout predefinito con qualcosa di più adatto al negozio virtuale che si ha in mente. Per fare questo, selezioniamo la voce di menu Preferenze e spostiamoci in Temi. In questa pagina possiamo specificare il tema che il portale dovrà mostrare al cliente. Di default, PrestaShop offre un tema elegante e versatile che può essere modificato senza grosse difficoltà. ╚ possibile tuttavia importare un nuovo template, che può essere scaricato o acquistato nel marketplace di PrestaShop, mentre per gli utenti esperti resta la possibilità di crearne uno da zero.

Per non entrare troppo nei dettagli tecnici, ci limiteremo a mostrare come sia possibile modificare il template esistente al fine di adattarlo alle esigente dell'amministratore. Per prima cosa importiamo il logo dell'organizzazione che apparirà nella home del portale e nell'intestazione delle fatture emesse agli utenti a seguito di un acquisto. Clicchiamo su Aggiungi files e selezioniamo il logo. Se clicchiamo Moduli ci viene mostrato l'elenco dei moduli presenti nel sistema: alcuni di questi sono già attivi ed è sufficiente modificare la relativa configurazione, altri invece devono essere installati e configurati. Tra i moduli ce n'è uno denominato Slide Immagini in home page. Come si intuisce dal nome, questo modulo, se attivato, mostra una sequenza di immagini in scorrimento sulla home page, nella quale inserire le foto dei prodotti più interessati o sui quali si vuole attirare maggiormente l'attenzione dell'utente. Sempre tra i moduli installati, è possibile notare la presenza del modulo Configuratore del tema che permette di definire le immagini che verranno mostrate nelle diverse sezioni. Possiamo ad esempio inserire un paio di immagini nella sezione Top in modo da farle apparire accanto allo slider di immagini che abbiamo configurato al passo precedente.


Ecco un esempio di home page che mostra i principali prodotti venduti

Gestione del catalogo
Modificato il layout dell'interfaccia grafica e aggiunte sezioni e informazioni, possiamo procedere con l'inserimento dei prodotti che dovranno essere commercializzati. I prodotti possono essere raggruppati in categorie: una categoria facilita all'acquirente la ricerca dei prodotti che desidera acquistare. Per ciascun prodotto possono essere definite numerosissime informazioni: il nome, la descrizione, il prezzo di acquisto e di vendita, l'IVA, la quantità di pezzi disponibili, eventuali modalità di spedizione, l'immagine associata e la sezione nella quale si desidera mostrare il prodotto (ad esempio nella home page o in una sezione secondaria). Ovviamente, maggiori saranno le informazioni inserite, maggiore sarà la probabilità che un cliente acquisti l'articolo; per cui è fortemente sconsigliato limitarsi a inserire informazioni minimali come la descrizione e il prezzo: i clienti potrebbero ritenere l'articolo non adatto alle proprie esigenze e rivolgere l'attenzione su un altro store elettronico. L'accesso al catalogo dei prodotti avviene attraverso l'omonima voce presente nella barra dei menu. L'inserimento di una categoria e di un prodotto è molto semplice: dopo aver cliccato su Prodotti, usiamo il pulsante che appare a destra per inserire un nuovo prodotto.

Dalla parte del front-end
La visualizzazione dei prodotti inseriti in PrestaShop è libera: tutti gli utenti possono navigare all'interno delle diverse categorie, visualizzare i prodotti, leggere le caratteristiche di ciascun articolo e confrontare i prezzi. Tuttavia per inserire i prodotti nel carrello e procedere all'acquisto è necessario effettuare il login al sistema. Per la creazione dell'account è sufficiente riempire i campi obbligatori mostrati dal wizard (ovvero i dati anagrafici e di residenza, indirizzo email che sarà utilizzato come login al sistema e relativa password). Eseguito il login, sarà possibile inserire nel carrello i prodotti e completare l'operazione di checkout specificando l'eventuale indirizzo di destinazione se diverso da quello specificato durante la fase di registrazione, definendo le opzioni di spedizione e le modalità di pagamento.

Analisi statistiche
Tutte le organizzazioni aziendali di successo hanno bisogno di una corretta e completa base di conoscenze a supporto del processo decisionale. Le decisioni del manager, infatti, non devono solo basarsi sul "fiuto imprenditoriale" ma devono soprattutto derivare da un adeguato processo di analisi delle informazioni di business. Solo in questo modo, il manager può individuare le migliori azioni in grado di consentire il raggiungimento degli obiettivi strategici che permettono di portare la realtà aziendale al successo competitivo. Questo è sicuramente noto al team di sviluppatori PrestaShop che, oltre ai moduli tradizionali, hanno sviluppato un intero package dedicato all'analisi dei dati presenti nella piattaforma. Attraverso infatti un processo di aggregazione delle informazioni, PrestaShop è in grado di fornire utili dettagli informativi da non trascurare durante il processo decisionale imprenditoriale. ╚ possibile conoscere l'andamento temporale degli ordini, i prodotti maggiormente acquistati, individuare eventuali relazioni tra le caratteristiche anagrafiche degli utenti e le relative preferenze, o ancora informazioni tecnologiche relative al browser o al sistema operativo utilizzato dal cliente, il numero degli accessi quotidiani e chi è attualmente presente sul sito Web.

In conclusione...
L'arena competitiva su cui le aziende oggi si trovano a sfidarsi non è più la stessa di quella di mezzo secolo fa. Un'azienda di successo non può limitarsi ad essere presente solo nel mondo reale: è fondamentale offrire la possibilità al crescente numero di internauti di acquistare prodotti e servizi direttamente sul mondo virtuale. Internet offre una grande opportunità che numerose organizzazioni italiane stanno già sfruttando. Come abbiamo avuto modo di scoprire, gli strumenti tecnologici in grado di supportare questo processo innovativo non solo sono disponibili ma sono anche facilmente accessibili. Tuttavia, quanto abbiamo mostrato di PrestaShop è soltanto una piccolissima parte delle numerose funzionalità che la piattaforma di e-commerce è in grado di offrire: abbiamo fornito le basi per realizzare un'attività di successo e, soprattutto, basata su una piattaforma Open Source sicura e performante.
Notizie collegate
1 Commenti alla Notizia PI Guide/ PrestaShop e l'e-commerce fai da te
Ordina