Claudio Tamburrino

Geohot, niente auto senza pilota

Le pressioni giÓ subite dalle autoritÓ fanno rallentare il progetto di Hotz. La burocrazia soffoca l'innovazione? Ma Uber guarda giÓ al cielo

Roma - Geohot, al secolo George Hotz, l'hacker noto per il jailbreak di iPhone, ha annunciato la cancellazione del suo primo progetto con al centro le auto senza pilota, "Comma One".



George Hotz aveva convinto uno dei più prestigiosi finanziatori della Silicon Valley, Andreesen Horowitz ed il suo gruppo a16z, a concedergli un finanziamento da 3,1 milioni di dollari per lavorare al suo personalissimo progetto dedicato alle auto senza pilota: una fotocamera da 13 dollari ed un sofisticato software chiamato Comma.ai, destinati - secondo il piano originale - ad essere venduti sotto forma di kit da appena mille dollari in grado di trasformare ogni veicolo in un'auto senza pilota.

A spingerlo ora ad abbandonare i suoi ambiziosi progetti sembrano essere state le istituzioni a stelle e strisce: l'hacker ha letto le prime domande poste dalle autorità come minacce. Nel documento inviatogli dalla National Highway Traffic Safety Administration si legge la richiesta di precise informazioni per garantire la sicurezza del prodotto o di attendersi multe fino a 21mila dollari al giorno.
George Hotz ha dunque deciso di non voler combattere con questa burocrazia, "meglio una vita trascorsa a costruire fantastiche tecnologie - scrive su Twitter - che passata ad aver a che fare con avvocati e regolatori".

Mentre, dunque, aziende come Uber già immaginano la possibilità di un sistema di trasporto on demand volante (si chiama VTOL e sarebbe un hovercraft che prende il volo ed atterra verticalmente come un elicottero) le istituzioni appaiono ancora spaventate dalla prospettiva di veder circolare sulle strade auto senza pilota.

L'abbandono di Comma One non significa che l'hacker non si impegnerà più in questo settore, ma che dovrà rimodulare le sue possibilità e valutare - dice - eventuali nuovi prodotti e mercati.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • TecnologiaGeoHot è un fuggitivo?Secondo Sony il giovane hacker avrebbe rimosso componenti fondamentali dagli hard disk sequestrati, per poi scappare con le donazioni PayPal dei fan
  • BusinessAuto driverless, il sogno di GeoHotLe prime indiscrezioni che volevano George Hotz al lavoro su un'automobile driverless sono confermate dai denari degli investitori. Che non lesinano nel finanziare l'avanzamento del settore
3 Commenti alla Notizia Geohot, niente auto senza pilota
Ordina
  • Società come Google, Tesla, Uber, oltre le note case automobilistiche, stanno investendo miliardi dollari per garantire un livello di sicurezza adeguato ad una tecnologia che cambierà radicalmente il modo di concepire la mobilità negli anni a venire.

    Un'auto a guida automatica sarà letteralmente farcita di sensori, radar , lidar, videocamere e chi più ne ha più ne metta, dio ci scampi dall'idea del genio di turno di creare dei kit DIY (Do It Yourself) da pochi dollari per convincere le persone a togliere le mani dal volante e concedersi l'ebbrezza dell'autoguida low cost.
    Che lo facciano in un circuito privato ma non certo sulle strade pubbliche.

    E' quindi ragionevole il ripensamento del valente hacker, sono certo che potrà mettere a frutto il suo talento in altri fantastici progetti innovativi.

    Tamerlano
    non+autenticato
  • Che i burostolti, non sorvegliati, paralizzino ogni cosa è esperienza quotidiana di tutti; questa nazione non riparte proprio grazie a loro.

    Il problema con i burosauri è che sono dei malati di mente lasciati liberi in mezzo ai (quasi) normali, facendo danni imponenti, e questa è una responsabilità degli altri psicopatici che governano.
    Eletti da noi, che evidentemente non siamo poi messi così bene.
    non+autenticato
  • - Scritto da: orgosolo
    > Che i burostolti, non sorvegliati, paralizzino
    > ogni cosa è esperienza quotidiana di tutti;
    > questa nazione non riparte proprio grazie a
    > loro.
    >
    > Il problema con i burosauri è che sono dei malati
    > di mente lasciati liberi in mezzo ai (quasi)
    > normali, facendo danni imponenti, e questa è una
    > responsabilità degli altri psicopatici che
    > governano.
    > Eletti da noi, che evidentemente non siamo poi
    > messi così
    > bene.


    Di progetti per auto senza pilota ne hanno approvati parecchi negli stati uniti.
    Questa mi sembra più una scusa per giustificare il fallimento di un progetto dilettantesco.
    non+autenticato