Napster 2 scopre che la vita è dura

Il jukebox musicale a pagamento sostiene di aver venduto fin qui cinque milioni di brani. Ma il suo rosso si allarga mentre Roxio prova a metterci una pezza tagliando costi e personale

New York (USA) - Ci sta provando Roxio ma l'avventura cominciata con l'acquisto di Napster e il lancio di Napster 2 sta rivelandosi molto difficile per l'azienda delle tecnologie multimediali. Il jukebox a pagamento sparato su internet con il simbolo universale del gattone, infatti, vende bene, vende tanto ma, evidentemente, non ancora abbastanza per far dormire sonni tranquilli al management.

Napster 2 afferma di aver venduto online cinque milioni di brani musicali dal lancio del servizio, avvenuto lo scorso ottobre. Si tratta certo di una cifra che testimonia una notevole capacità di marketing e che, probabilmente, capitalizza il nome del servizio, a suo tempo pioniere delle tecnologie di file-sharing.

Roxio sostiene che entro il primo anno di attività le entrate complessive del suo music business totalizzeranno 20 milioni di dollari.
Al contrario del leader del settore, Apple, che punta sul proprio jukebox per vendere i suoi player mp3 iPod, Roxio ha configurato il proprio business sulla musica da scaricare, una strategia che sta cercando di rafforzare realizzando accordi con istituzioni ed organizzazioni, come le università della Pennsylvania e di Rochester che hanno già firmato accordi per consentire ai propri iscritti di scaricare musica da Napster a condizioni di favore.

Ma non tutto va per il meglio per Roxio, visto che all'inizio di questo mese ha dovuto ancora licenziare personale dopo una prima "ristrutturazione" a gennaio. Secondo i dati forniti dal San Jose Mercury, Napster ha perso nei primi due mesi di attività 15 milioni di dollari e ha acquisito, fin qui, il 12 per cento del mercato di settore, dominato da Apple con il 56 per cento.
13 Commenti alla Notizia Napster 2 scopre che la vita è dura
Ordina
  • Io ci ho pensato spesso, ma non comperei mai musica online. Non e' affatto conveniente. Cominciamo con la qualita'? per lo stesso motivo per cui un cd masterizzato e' qualitativamente inferiore, tantopiu' se il file originale e' compresso... la differenza c'e' ed e' evidente.
    Ma poi anche sorvolando (!) su questo aspetto... niente cd, niente libretto... e comunque 15-18 euro sono stati spesi, piu' il tempo di scaricamento.
    Non lo so, saro' retrogado, preferisco il buon vecchio cd originale e, anche se la legge non me lo consente, qualche cd masterizzato con la massima cautela. Cordialmente vostro.
    non+autenticato
  • bah io ci godo mi spiace per i dipendendi ma o la capiscono che fanno una flat mensile con la possibilità di scaricare tutto quello che vuoi a buona qualità (almeno 192Kbps) io personalmnte sarei disposto a spendere fino a 30-50? al mese ma voglio 3 cose

    1 nessuna limitazione sui file che scarico
    2 qualità elevata minimo 192kbpsù
    3 scelta il che significa nn solo le solite c4g4t1n3 commerciali ma bensi anche roba nn commerciale tipo il metal ecc (anche perchè io sento solo quello e se spendessi 30-50 ? al mese voglio essere ben servito)

    questo è il futuro nn quello che vogliono farci andare bene a suon di denuncie vedi la riia
    non+autenticato
  • Il godere del fallimento di una azienda senza tener conto delle persone che perdono il posto è da delinquenti.
    Quanto al fatto che il progetto fallisse era ovvio , dagli unici post mandati finora si evince che siamo in un mondo di ladri.
    Dato che qualli di Napster svolgono un lavoro è giusto che ricevano una retribuzione ma voi no, voi dovete avere tutto gratis eh???
    Allora perchè domani mattina non vi alzate ed andate a lavorare senza retribuzione.
    La cosa penso vi scoccerebbe alquanto.
    Però se succede agli altri......chissenefrega.

    Siete schifosi
    non+autenticato
  • ...possono nulla contro la stupidita' degli uomini.

    Lascia perdere e non te la prendere, non capiranno mai che se non si crea un circolo virtuoso di ricchezza, o quanto meno un innalzamento del livello medio di ricchezza (lavoro bene quindi guagagno bene e percio' posso spendere e comperare il lavoro di altri...), questo tipo di economia si risolvera' nello sfruttare solo chi e' ancora piu' povero di noi (Cina e Sud del Mondo) .

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Quanto al fatto che il progetto fallisse era
    > ovvio , dagli unici post mandati finora si
    > evince che siamo in un mondo di ladri.
    > Dato che qualli di Napster svolgono un
    > lavoro è giusto che ricevano una
    > retribuzione ma voi no, voi dovete avere
    > tutto gratis eh???

    Dunque...

    - Qualcuno fa il sistema Napster (vecchio)
    - Le major lo fanno chiudere
    - Lo riaprono per specularci sopra

    Se tu fossi un utente che usava il sistema precedente e sa cosa è successo, supporteresti il sistema o lo boicotteresti?

    Se tu fossi una persona qualunque e ti propongono di andare a lavorare in Napster 2, sai i fatti come sono andati e sei ben conscio che il posto è assolutamente a rischio, ci andresti?

    Non andare in giro a dire "Ladri, schifosi, vergogna" a destra e a manca, Napster 2 non è l'unico sistema per acquistare musica online, solo che il suo passato "oscuro" ha fatto in modo che una buona parte di potenziali acquirenti boicottassero il sistema.

    A me dispiace per i dipendenti, ma cosa ci posso fare? E' stata una loro scelta di andare a lavorare per una cosa che è nata con lo scopo di essere boicottata. Se lo sapevano, sono masochisti. Se non lo sapevano, che prima si informino un po' per sapere dove vanno a lavorare...

    Prima di sputare sentenze, pensa a queste due situazioni e dicci cosa faresti te:

    Se un gestore di un negozio ti manda a fanculo (e sai che lo ha fatto con tutti gli altri clienti), andresti a comprare da lui sapendo che dall'altra parte della strada c'è un negozio che vende le stesse identiche cose?

    Andresti a lavorare nel primo negozio che, secondo gli analisti del settore, è in grande crisi e tempo 6 mesi rischia di chiudere?

  • > Se tu fossi un utente che usava il sistema
    > precedente e sa cosa è successo,
    > supporteresti il sistema o lo boicotteresti?
    >
    perchè no? se un sistema da gratuito passa a pagamento sta a me decidere se accettarlo o no, certo se non lo accetto solo perchè voglio tutto gratis allora significa che non ho cpaito ancora come funzione il mondo.

    > Se tu fossi una persona qualunque e ti
    > propongono di andare a lavorare in Napster
    > 2, sai i fatti come sono andati e sei ben
    > conscio che il posto è assolutamente
    > a rischio, ci andresti?
    >
    perchè no? è un progetto come altri, che ha fatto 5 milioni di vendite, perchè non dovrei andare a lavorarci? il lavoro è poco e difficile e si fa cosa si può.

    > Non andare in giro a dire "Ladri, schifosi,
    > vergogna" a destra e a manca, Napster 2 non
    > è l'unico sistema per acquistare
    > musica online, solo che il suo passato
    > "oscuro" ha fatto in modo che una buona
    > parte di potenziali acquirenti boicottassero
    > il sistema.

    hanno solod etto che ancor anon basta vendere 5 milioni di brani in 4 mesi per rendere attiva questa azienda.

    >
    > A me dispiace per i dipendenti, ma cosa ci
    > posso fare? E' stata una loro scelta di
    > andare a lavorare per una cosa che è
    > nata con lo scopo di essere boicottata. Se
    > lo sapevano, sono masochisti. Se non lo
    > sapevano, che prima si informino un po' per
    > sapere dove vanno a lavorare...
    >
    una scelta è quando tu hai tante possibilità, quando prendi il primo lavoro che ti passa davanti perchè le bollette e il supermercato lo devi pagare non è una scelta.

    > Prima di sputare sentenze, pensa a queste
    > due situazioni e dicci cosa faresti te:
    >
    > Se un gestore di un negozio ti manda a
    > fanculo (e sai che lo ha fatto con tutti gli
    > altri clienti), andresti a comprare da lui
    > sapendo che dall'altra parte della strada
    > c'è un negozio che vende le stesse
    > identiche cose?

    quando un negoziante ti manda a fare in c--o e poi chiude e uno rileva il nome e i locali e riapre certo che ci vado a comprare s emi itneressa il prodotto. Roxio non era il fondatore di napster, ma ha comprato il brand e le tecnologie. come comprare un nome ad insegna e le attrezzature.

    >
    > Andresti a lavorare nel primo negozio che,
    > secondo gli analisti del settore, è
    > in grande crisi e tempo 6 mesi rischia di
    > chiudere?

    si certo se non ho altre speranze e per sei mesi comunque lavoro e mi pagano, in ogni caso se la musica in vendita va poco non è perchè l'azienda non sa fare il suo lavoro ed è fallimentare ma forse perchè se un tot di gente ha comprato 5 milioni di brani, il 99,9 periodico degli utenti della rete pensa sia giusto invece scaricarla gratis da kazaa, winmx ecc piuttosto che pagarla.

    contro questa mentalità si può fare ben poco, come contro la mentalità che leggere un libro faccia male alla salute.
    non+autenticato
  • > contro questa mentalità si può
    > fare ben poco, come contro la
    > mentalità che leggere un libro faccia
    > male alla salute.

    Frase infelice, se leggi il primo articolo di P.I. di oggi...
    Già da ora sul p2p comincio a cercare libri.

    Marco
    non+autenticato
  • il vero sharing non passa per le loro manine
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > il vero sharing non passa per le loro manine

    Infatti non e' mica un programma di condivisione, serve a scaricarsi a pagamento dei file musicali.
    non+autenticato
  • Uahhahahahahahaha!!!!
    Napster 2 ........ è nato cadavere!!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)