Gaia Bottà

Google monitora l'affollamento in tempo reale

L'afflusso dei consumatori presso le attività commerciali viene ora rappresentato nel suo sciamare. Geolocalizzazione in tempo reale al servizio delle festività e oltre

Roma - In previsione delle greggi di avventori che si riversano nei negozi a ridosso delle festività imminenti, e per offrire agli utenti una soluzione utile a pianificare le proprie attività nei locali pubblici, Google ha aggiornato la propria funzione Popular Times, proposta anche in Italia con la denominazione di Orari di punta attraverso le mappe e nel contesto dei risultati di ricerca che abbiano per oggetto dei locali pubblici, anche a mezzo mobile.

Orari di punta

Il grafico dei dati relativo alle frequentazioni dell'attività commerciale ricercata è visualizzato dallo scorso anno: sulla base dei dati anonimi e aggregati messi a disposizione dagli utenti che abbiano attivata la funzione di geolocalizzazione nella Cronologia delle posizioni, Mountain View stima per ogni giorno della settimana l'affluenza ad un determinato locale pubblico, offrendo all'utente dati orientativi riguardo all'affollamento.
Google ha ora scelto di mostrare questi dati raccolti ed elaborati in tempo reale, così da consentire all'utente di organizzarsi in maniera più precisa in giornate affatto ordinarie, per le quali una stima basata sull'afflusso medio potrebbe non risultare attendibile. Google invita altresì l'utente a collaborare, offrendogli la possibilità di confermare o smentire i dati con la propria testimonianza diretta.

I dati sull'affluenza in tempo reale si vanno così ad aggiungere alle stime declinate sui giorni della settimana e, associati ai dati relativi ai tempi di permanenza medi, potranno agevolare l'utente nella pianificazione delle proprie attività.
Oltre a semplificare la programmazione degli itinerari di consumo per l'avventore, Google permette agli esercenti di offrire informazioni più dettagliate sugli orari di chiusura dei diversi reparti delle attività commerciali e promette loro di sfruttare al meglio i dati di localizzazione degli utenti, massimizzandone l'utilità in funzione dell'advertising.

Gaia Bottà
Notizie collegate