Mirko Zago

Netflix e il download per visioni offline

Il servizio di streaming introduce la possibilità di scaricare i video dalla sua piattaforma. Ma ci si aspettano nuove migliorie e opportunità, che forse tarderanno ad arrivare

Roma - Netflix offre un'interessante opportunità ai suoi abbonati. Il noto servizio di streaming, apprezzato soprattutto per le sue Serie TV in esclusiva, permette ora di scaricare i contenuti video per fruirne quando meglio si crede, anche senza connessione Internet. L'implementazione di questa nuova funzione è stata presentata con un messaggio sul sito ufficiale: "Guardare Netflix nella comodità di casa propria è una delle attività preferite dei nostri abbonati, ma sappiamo che molti vorrebbero proseguire il binge-watching di serie come Stranger Things anche quando sono in aereo o in altri luoghi dove l'accesso a Internet è limitato o molto costoso. Ora basta cliccare sul tasto del download nella pagina dei dettagli di un film o di una serie TV per poterli guardare senza connessione Internet in un momento successivo".

netflix

Si tratta di una caratteristica interessante per molti utenti, nonché una tendenza cavalcata da molti altri player del mercato, tra i quali spicca Rai che di recente ha rivisto la sua piattaforma di erogazione di contenuti ribattezzandola RaiPlay. All'estero, in alcuni casi, questa opportunità è già offerta da diversi anni, come Amazon Video (per utenti Prime) che propone il download di default.

I contenuti scaricabili su Netflix sono al momento limitati (perlopiù le produzioni Netflix) ma la possibilità verrà estesa a tutto il catalogo. La compatibilità su mobile è garantita su sistemi Android 4.4.2 o superiori e iOS a partire dall'8.0. Per sfruttare la novità è necessario aggiornare l'app all'ultima versione per fruirne da dispositivi mobili. È possibile scegliere fra due tipi di qualità, una standard e una elevata (nel caso dei dispositivi Android è possibile anche approfittare di qualità HD qualora il titolo sia originariamente disponibile anche in questo formato).
Il motivo per cui è così difficile offrire contenuti scaricabili è presto detto. Si tratta di questioni legate ai diritti d'autore da rinegoziare con i relativi proprietari. È questo uno dei motivi per cui Netflix ha prestato così tanta attenzione nello sviluppare autoproduzioni: differenziazione, ma anche più opportunità commerciali. Marlee Tart, portavoce di Netflix ha confermato che l'azienda "sta lavorando con molti partner a livello globale per ottenere i diritti necessari a permettere il download. Si tratta di uno sforzo continuo, i consumatori chiedono questa possibilità e stiamo lavorando per accontentarli". E pensare che nel 2014 aveva escluso ogni possibilità in tal senso.

Qualcuno vede in questa mossa l'opportunità di conquistare i mercati emergenti. In molte aree del pianeta l'accesso alla Rete è ancora limitato. Permettere il download dei contenuti quando si ha l'opportunità di collegarsi a un hotspot WiFi, ad esempio, va incontro alle esigenze specifiche di utenti che vivono in queste aree geografiche. Ne è convinto Tony Gunnarsson, analista di Ovum specializzato in TV e video. Un'ipotesi forse un po' esagerata, ma è certo che Netflix dovrà concentrarsi su ulteriori implementazioni se vorrà differenziarsi dalla concorrenza. Manca ad esempio la possibilità di schedulare i download, caratteristica fondamentale per agevolare il pubblico di appassionati.

Mirko Zago

fonte immagine
Notizie collegate
  • BusinessNetflix alla conquista del mondoLa piattaforma di streaming si proietta in una dimensione globale, ma non universale. 190 i paesi del mondo raggiunti dal servizio, ognuno con le proprie specificità
  • TecnologiaNetflix, via al geoblockingIl network di streaming passa dalle parole ai fatti e avvia la nuova azione di contrasto all'utilizzo di proxy e VPN. L'accesso ai contenuti deve attenersi ai contratti di distribuzione, dice Netflix, ma i servizi di aggiramento fanno spallucce