Algieri Luca

Amazon mette AI e uno scudo anti-DDoS sulla sua nuvola

AWS aggiunge deep learning, machine learning, intelligenza artificiale e protezioni avanzate per migliorare la sua piattaforma cloud

Roma - Alla edizione 2016 di AWS re:Invent, la conferenza dedicata agli Amazon Web Services tenutasi a Las Vegas, sono state annunciate nuove funzionalità di intelligenza artificiale e deep learning quali Rekognition, Polly e Lex, che arricchiranno i servizi messi a disposizione su cloud Amazon cercando di limitare il più possibile la crescita dei concorrenti Azure (Microsoft) e Cloud Platform (Google), aumentando nel contempo la protezione contro attacchi DDoS (Distributed Denial of Service).

Amazon Reckognition è un software di deep learning in grado di identificare oggetti e scene come fanno già software analoghi per i cloud di Google e di Microsoft, ma riuscendo a fare associazioni cognitive che cercano di emulare quelle che sono le funzionalità cognitive umane. L'esempio riportato infatti mostra come guardando un'immagine di un cane automaticamente l'algoritmo sarebbe in grado di riconoscere un animale, un cane o persino riconoscere la razza del cane.

Esempio Rekognition

Allo stesso modo Rekognition analizza miliardi di immagini al giorno ed è stato "addestrato" su migliaia di oggetti, scene e volti per poter analizzare l'immagine e restituire una lista di etichette indipendenti. Nel caso di immagini con più volti verranno generati dei riquadri che delimiteranno ogni volto con i relativi attributi, come ad esempio segnalare che nell'immagine analizzata uno dei volti ha gli occhi chiusi o magari che sta sorridendo.
Esempio complesso

╚ possibile utilizzare i Demos Rekognition per testare il servizio prima di tuffarsi nella scrittura di codice utilizzando le API Rekognition.

Amazon Polly è un servizio di sintesi vocale (text-to-speech) che utilizza molta intelligenza artificiale di apprendimento automatico per distinguere le parole nel loro contesto in modo da armonizzarne la pronuncia rendendo più realistico l'audio generato. Come afferma il CEO di AWS Andy Jassy: "Polly è stato progettato per affrontare molti degli aspetti più impegnativi nella costruzione di un discorso. Ad esempio, si consideri la differenza di pronuncia della parola live nelle frasi I live in Seattle e Live from New York: Polly riconosce che questa coppia di omografi è scritta allo stesso modo ma pronunciate diversamente". Polly dispone di 47 voci maschili e femminili e supporta 24 lingue.

Esempio Polly

Amazon Lex è la tecnologia che alimenta il servizio Alexa di Amazon e che consente di creare applicazioni di conversazione con caratteristiche multi-step. Secondo quanto riportato da Amazon: "╚ possibile utilizzare Amazon Lex per costruire chatbot e altri tipi di applicazioni web e mobile che supporteranno coinvolgenti e realistiche interazioni. I vostri bot saranno in grado di fornire informazioni, potenziare la vostra applicazione, snellire le attività lavorative o fornire un meccanismo di controllo per robot, droni e giocattoli".

Lex è profondamente integrato con Lambda e altri servizi AWS e viene fornito anche con una serie di connettori aziendali.Inoltre è integrato con Facebook Messenger, Slack e Twilio e quindi non legato esclusivamente ai dispositivi di Amazon.

Esempio Lex

AWS Shield è un servizio di amministrazione che protegge le applicazioni web da attacchi DDoS di diverso tipo, forma e dimensione e che lavora mettendo assieme un Load Balancing elastico, Amazon CloudFront, e Amazon Route 53.

Shield sembra essere una prima risposta di Amazon ai recenti attacchi DDoS, come quello che ad ottobre ha colpito Dyn Domain Name System (DNS) con un flusso di 1,2 Tera Byte al secondo e che è stato ritenuto come l'attacco più consistente effettuato finora: un avvenimento che in futuro potrebbe diventare più frequente e più corposo grazie all'uso dell'IoT (Internet delle Cose).

Previsti due livelli di servizio: AWS Shield Standard è disponibile per tutti i clienti AWS senza alcun costo aggiuntivo. Protegge dal 96 per cento degli attacchi più comuni ad oggi, tra cui SYN/ACK floods, Reflection attacks e HTTP slow read. AWS Shield Advanced fornisce ulteriori capacità di mitigazione per attacchi DDoS volumetrici, la ricerca intelligente di attacchi e la mitigazione per attacchi indirizzati verso application layer e network layer, e garantisce anche un accesso 24 ore al giorno per 7 giorni a settimana al DDoS Response Team (DRT) di AWS per personalizzare l'attenuazione durante gli attacchi, le metriche e rapporti avanzati in tempo reale oltre a monitorare il costo della protezione DDoS per evitare picchi di fatturazione in seguito ad un attacco.

Luca Algieri

Fonte Immagine: 1,2,3,4
Notizie collegate
  • BusinessGoogle investe ancora per riconoscere le immaginiMountain View ha acquisito la francese Moodstocks, specializzata negli algoritmi di deep learning per il riconoscimento dei volti, di oggetti e prodotti da foto scattate con gli smartphone
  • SicurezzaDNS, il venerdì nero di InternetIl sistema di risoluzione dei nomi di dominio ha passato un pessimo weekend per un attacco DDoS senza precedenti a opera di ignoti. L'ennesimo, e non certo l'ultimo di quella che si prevede una lunga serie di DDoS sferrati con i dispositivi della IoT
  • SicurezzaMirai, pubblico il codice della botnet IoTFiniscono su un forum i sorgenti del trojan che infetta telecamere e altri device per generare imponenti DDoS. ServirÓ d'esempio per creare una nuova pericolosa generazione di malware?
  • SicurezzaLo scudo di Google contro i DDoSMountain View estende la protezione dagli attacchi ai siti di informazione e alle organizzazioni che si battono per i diritti umani, un sistema pensato per sfruttare la rete di Google contro i tentativi di censura tramite forza bruta