Gaia Bottà

Google, CAPTCHA e non più CAPTCHA

Mountain View si avvia verso gli Invisible reCAPTCHA: gli umani spiccheranno sui bot anche senza interagire con enigmi e box di conferma?

Roma - Nessun enigma, nessun compito da svolgere per certificare la propria natura umana in Rete: i nuovi ReCAPTCHA, anticipa laconicamente Google, saranno invisibili ad esseri umani e bot, ma li sapranno discernere sulla base delle interazioni con la pagina Web che li ospita.

Invisible ReCAPTCHA

I tempi in cui erano i caratteri distorti lo strumento principale per discriminare fra uomini e macchine nel sistema di Google sono ormai lontani: Mountain View ha ritenuto che le macchine fossero ormai più versate dell'uomo nell'interpretare segni surreali e nel 2014 ha introdotto No CAPTCHA reCAPTCHA, una soluzione per sistemi desktop che nutre la propria analisi preliminare di numerosi parametri, come l'indirizzo IP dell'utente, al quale è chiesto semplicemente di inserire un segno di spunta, l'analisi delle combinazioni di sistema operativo e browser dell'utente e dei cookie che conserva, i tempi di reazione e il tracciamento del puntatore del mouse nell'interagire con il box di conferma.

Nonostante la fallibilità dei No CAPTCHA reCAPTCHA, Google ora promette l'avvento degli Invisible reCAPTCHA, che pare non richiedano all'utente alcuna interazione: i webmaster interessanti possono già aderire al programma in vista della prossima disponibilità delle API, ma i dettagli sulle tecnologie a monte del servizio per il momento scarseggiano.
È plausibile immaginare che per il servizio siano state affinate le misure di controllo su cui si basano i No CAPTCHA reCAPTCHA, vale a dire gli algoritmi di Advanced Risk Analysis impiegati per il primo controllo sull'utente al momento della spunta sul checkbox. Per ora non è dato sapere se e quanto il sistema a cui Google sta lavorando scavi fra i dati degli utenti e nella loro storia online per determinarne la natura umana e se gli Invisible reCAPTCHA, a differenza dei No CAPTCHA reCAPTCHA, risultino affidabili anche su sistemi mobile.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • TecnologiaAmazon, pagamenti col sorrisoLo store online ha brevettato un sistema di pagamento con autenticazione tramite selfie: all'utente è richiesta un'espressione per dimostrare che si tratti di un umano in carne ed ossa
  • TecnologiaGoogle e la cacciata dei CAPTCHAMountain View presenta la propria versione rinnovata dei box di dialogo antispam, una tecnologia che si affranca dai caratteri distorti e monitora i comportamenti degli utenti nell'interagire con l'interfaccia
  • TecnologiaGoogle, il reCAPTCHA e Street ViewUn algoritmo sviluppato per migliorare l'abbinamento tra foto e mappe si rivela quasi infallibile nel risolvere i rompicapo grafici anti-spam. Migliorando entrambi i servizi
7 Commenti alla Notizia Google, CAPTCHA e non più CAPTCHA
Ordina