Gaia Bottà

Diritto all'oblio, i reati gravi non si dimenticano

Il Garante Privacy concorda con Google e nega a un cittadino italiano la deindicizzazione di una manciata di URL che danno conto di certi trascorsi giudiziari per reati contro la Pubblica Amministrazione

Diritto all'oblio, i reati gravi non si dimenticanoRoma - Il diritto all'oblio concorre naturalmente con il diritto dei cittadini ad informarsi, e ci sono delle vicende di cui è bene non dimenticare: il Garante della Privacy ha respinto un ricorso formulato da un cittadino italiano che avrebbe voluto vedere deindicizzati alcuni risultati di ricerca corrispondenti al proprio nome, chiamato in causa nell'ambito di un'indagine per corruzione e truffa nella Pubblica Amministrazione.

Il protagonista del caso è un ex consigliere comunale, coinvolto in una vicenda giudiziaria avviata dieci anni fa: l'uomo, ricostruisce l'Authority, era coinvolto "in associazione delittuosa con altri e con ruolo non da comprimario, in reati contro la Pubblica amministrazione, quali la corruzione e la truffa, perpetrati a danno della sanità regionale negli anni 2004-2006, mediante l'illecita sottrazione di ingenti risorse finanziarie pubbliche". Nel 2012 la vicenda giudiziaria per l'uomo era giunta a conclusione con una sentenza di patteggiamento e con una pena interamente coperta da indulto e, nel frattempo, il cittadino si era dimesso dalla propria carica per intraprendere una carriera nel settore immobiliare privato. In tempi più recenti, però, quello che per l'uomo rappresentava ormai un caso chiuso era riemerso sulle pagine delle cronache giudiziarie, richiamato da fatti d'attualità relativi a inchieste in materia di corruzione. È così che il cittadino si è rivolto a Google, chiedendo la deindicizzazione di una serie di URL che il motore di ricerca restituisce all'inserimento del suo nome come parola chiave.

Google, sulla base di meccanismi disposti all'indomani della dibattuta sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea e ormai consolidati, ha analizzato le istanze dell'uomo e ha stabilito di non procedere alla deindicizzazione, eccezion fatta per tre URL segnalati dall'utente, che già nel mese di giugno non figuravano più nella SERP. È così che il cittadino italiano si è rivolto al Garante Privacy per presentare ricorso.
Nell'esporre le proprie motivazioni al cospetto del Garante, il ricorrente ha fatto leva sul fattore tempo, vale a dire la lontananza nel passato dei fatti in cui è stato coinvolto, sulla mancanza di un interesse pubblico rispetto alle notizie relative alla propria persona, avendo abdicato all'incarico nell'amministrazione comunale. La mancata rimozione degli URL, sottolineavano i legali del ricorrente, avrebbe inferto danni "all'immagine, alla riservatezza e alla vita privata e lavorativa" dell'uomo, che riteneva dunque di dover essere tutelato dall'adempimento da parte del motore di ricerca del suo esercizio del diritto all'oblio.

L'Authority, che in passato si è mostrata spesso in linea con l'orientamento del motore di ricerca, ha confermato la posizione di Google, negando all'uomo la deindicizzazione.
Il Garante, nella propria analisi, ha ricordato che l'elemento del trascorrere del tempo "incontra un limite quando le informazioni per le quali viene invocato risultino riferite a reati gravi": considerato che la vicenda giudiziaria per il ricorrente si è conclusa nel 2012, quindi in tempi relativamente recenti; considerata la "particolare gravità" dei reati ascritti al soggetto ricorrente e considerato che l'attualità di certi URL testimonia il vivo interesse pubblico rispetto agli intrighi che affliggono la sanità a livello regionale, l'Authority italiana ha ritenuto infondata la richiesta di rimozione degli URL.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • Diritto & InternetIl terrorista non può rivendicare l'oblioIl Garante della Privacy si è espresso contro il ricorso di un condannato per atti di terrorismo che aveva chiesto a Google la deindicizzazione dei link ai contenuti relativi al suo passato
  • Diritto & InternetDiritto all'oblio, Google e il link che non diffamaIl Tribunale di Roma respinge la prima richiesta di deindicizzazione passata per la giustizia ordinaria: la libera circolazione dell'informazione, soprattutto se di interesse pubblico, vince sulla privacy. E non ha nulla a che vedere con la diffamazione
  • AttualitàGoogle, trasparenza sull'oblioMountain View divulga i dati sulle richieste di rimozione di risultati ricevute in base alla peculiare normativa europea sulla privacy. La maggior parte degli URL punta a social network e affini
  • Diritto & InternetUE: Google sia arbitro dell'oblioI dati personali citati da siti terzi sono anche responsabilità di Google, che li rende accessibili. I cittadini potranno chiedere ai motori di ricerca di scomparire dalla Rete, i motori di ricerca avranno la responsabilità di valutare i diritti in gioco. La sentenza della corte di Giustizia dell'UE
69 Commenti alla Notizia Diritto all'oblio, i reati gravi non si dimenticano
Ordina
  • leggo < VISTO il ricorso presentato il 16 maggio 2016 con il quale XY, rappresentato e difeso dall'avv. Grazia Volo >

    ma la Volo sara' mica la moglie di Paolo Liguori, alias avvocato "di grido", difensore di Cesare Previti, Stefano Ricucci e gianni Alemanno, tra i tanti?
    non+autenticato
  • Perché ci devono essere sempre di mezzo tanti cavilli? Il garante avrebbe solo dovuto dire che per i reati confermati in cassazione il diritto all'oblio non vale.
    Invece con questa storia dello sviluppo temporale il condannto tra 5 o 6 anni tornerà alla carica.
    non+autenticato
  • Se facessero sentenze e leggi non contorte darebbe finito lo scopo primario della giustizia italiana, cioè far guadagnare agli avvocati e ai periti quanto più possibile.
    non+autenticato
  • Ricordate tempo fa quella manciata di articoli su come l'Irlanda avesse COMUNICATO (ovvero deciso ed eseguito, senza previa approvazione) alla BCE che stava stampando euro per risolvere almeno al parte di crisi relativa alla liquidità fisica? Era uscito sul Telegraph e pochi altri, in Italia mi pare solo su Il Fatto. Adesso non si trova più.

    Idem molte altre notizie, a cominciare dalle famose "armi chimiche di Assad dai suoi usate contro i civili" che poi vari giornali (in Italia l'Espresso) avevano sbugiardato ricostruendo addirittura che le armi in oggetto esistevano, erano passate dall'Italia all'Arabia Saudita e poi in Turchia (il perché del giro è, per quanto ne so, ignoto) per poi arrivare in mano all'IS ed essere da quest'ultimo usate?

    Forse per certi contenuti l'oblio è garantito automaticamente dai motori di ricerca...
    non+autenticato
  • Manipolazione dell'informazione. Che è sempre più facile da attuare, siccome la gente è sempre più rincoglionita da social network, TV spazzatura, partite combinate, ecc...
    non+autenticato
  • - Scritto da: mela marcia
    > Manipolazione dell'informazione. Che è sempre più
    > facile da attuare, siccome la gente è sempre più
    > rincoglionita

    Non è solo un problema di gente rincoglionita, è un problema di concentrazione. In Italia tutti i mezzi di comunicazione sono in mano ad una manciata di familglie di industriali o ex-industriali. In america sono sotto il controllo di sei megacorporations. Nel resto del mondo occidentale le cose non sono tanto meglio.
    Servrirebbe un nuovo anti-trust globale per i mezzi di comunicazione che metta una soglia a meno del 10% del mercato invece di considerare la solita soglia vicina al 50%.
    non+autenticato
  • e però si torna al fatto che la gente è rincoglionita, perchè con un minimo di iniziativa si può andare a cercare le informazioni su siti alternativi e non pilotati, come don chisciotte.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rock n troll
    > e però si torna al fatto che la gente è
    > rincoglionita, perchè con un minimo di iniziativa
    > si può andare a cercare le informazioni su siti
    > alternativi e non pilotati, come don
    > chisciotte.


    Rincoglioniti fino ad un certo punto. Passare da un mezzo di informazione ufficialmente controllato dagli oligarchi ad uno dei milioni di siti civetta messi su per intrappolare chi cerca un'informazione diversa cambia poco.
    La prima cosa è ragionare e prendere sempre in maniera critica tutto quello che si legge. Non illudersi di essere più intelligenti solo perché si trova il sitarello di nicchia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tfyhdrvg
    > La prima cosa è ragionare e prendere sempre in
    > maniera critica tutto quello che si legge.
    Esatto, ma io sono convinto che i 2/3, se non i 3/4 della popolazione non abbiano i requisiti per ragionare...
    non+autenticato
  • - Scritto da: tfyhdrvg
    > - Scritto da: rock n troll
    > > e però si torna al fatto che la gente è
    > > rincoglionita, perchè con un minimo di
    > iniziativa
    > > si può andare a cercare le informazioni su siti
    > > alternativi e non pilotati, come don
    > > chisciotte.
    >
    >
    > Rincoglioniti fino ad un certo punto. Passare da
    > un mezzo di informazione ufficialmente
    > controllato dagli oligarchi ad uno dei milioni di
    > siti civetta messi su per intrappolare chi cerca
    > un'informazione diversa cambia
    > poco.
    > La prima cosa è ragionare e prendere sempre in
    > maniera critica tutto quello che si legge. Non
    > illudersi di essere più intelligenti solo perché
    > si trova il sitarello di
    > nicchia.

    E vero! Sono proprio quei siti civetta che fanno gridare al gomblotto(i tanti rincoglioniti che sanno dire solo quello)sparandola molto ma molto più grossa e volutamente derisibili notizie che fanno passare per ciarliere quelle poche verità che ancora circolano in rete!

    L'elitè nel tempo ha imparato tutto quanto serve a tenere nascosto sotto gli occhi di tutti le verità, mentre il popolo rincoglionito scorda sempre di più! Capito Aphex?
    non+autenticato
  • ben si guarda dal citare nome e cognome del tipo.
    Ma lo sappiamo che per voi "palle" sta ad indicare solo x^2+y^2+z^2=1
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > ben si guarda dal citare nome e cognome del tipo.
    > Ma lo sappiamo che per voi "palle" sta ad
    > indicare solo
    > x^2+y^2+z^2=1

    Ho provato a cercare consiglieri comunali condannati per corruzione e truffa e mi sono usciti milioni di record.

    Allora ho provato a restringere la ricerca cercando consiglieri comunali DEL PD condannati per corruzione e truffa, ma il numero che mi ritorna google e' praticamente lo stesso.
  • > Ho provato a cercare consiglieri comunali
    > condannati per corruzione e truffa e mi sono
    > usciti milioni di
    > record.
    >
    > Allora ho provato a restringere la ricerca
    > cercando consiglieri comunali DEL PD
    >
    condannati per corruzione e truffa,
    > ma il numero che mi ritorna google e'
    > praticamente lo
    > stesso.

    A parte il fatto che non sai come funziona la ricerca di google, adesso prova a fare la ricerca per percentuali e dopo vai a comprarti il maloox
    non+autenticato
  • ma guarda c'è ancora un piddino in giro, che non è andato a nascondersi dopo le innumerevoli figuracce. il mio dubbio è solo uno, alle prossime elezioni vincerà il m5s o la lega?
    non+autenticato
  • - Scritto da: rock n troll
    > il mio dubbio è solo uno, alle
    > prossime elezioni vincerà il m5s o la
    > lega?

    Di logica, se si andasse a votare oggi vincerebbe il M5S con Lega e PD a contendersi l'opposizione. Ma la logica deve fare i conti con la follia, pertanto non mi stupirei se il PD, col suo zoccolo duro (specialmente di testa) di elettori, non facesse il colpaccio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rock n troll
    > ma guarda c'è ancora un piddino in giro, che non
    > è andato a nascondersi dopo le innumerevoli
    > figuracce. il mio dubbio è solo uno, alle
    > prossime elezioni vincerà il m5s o la
    > lega?

    Nono sono piddino, sono leghista e tra poco voteremo per l'autonomia veneta, mica continua a pagare pantalone dall'emilia in giù....
    non+autenticato
  • Eh se si conoscesse la storia ... magari anche quella del banco delle due sicilie e della sua riserva in oro ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lorenzo
    > Eh se si conoscesse la storia ... magari anche
    > quella del banco delle due sicilie e della sua
    > riserva in oro
    > ...

    Ho rispetto della storia e conosco anche quella del banco delle due sicilie, il problema che di anni da allora ne son passati e sia i veneti che i siciliani adesso sono persone diverse, quelli di allora sono morti e sepolti. Altrimenti andiamo indietro fino ad adamo ed eva a recriminare questo o quello.
    non+autenticato
  • Si quelli di allora sono morti e sepolti , quelli di oggi pagano ancora la politica da conquistatori ( altro che fratelli ) seguita all'unita' d'italia ... il tempo e' passato ma le conseguenze sono ancora qui tra noi , per dirne una il sud italia e' passato da avere per primo la ferrovia a non avere collegamenti ferroviari decenti ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: lorenzo
    > Si quelli di allora sono morti e sepolti , quelli
    > di oggi pagano ancora la politica da
    > conquistatori ( altro che fratelli ) seguita
    > all'unita' d'italia ...

    E nel 2219 sarà ancora colpa dei Savoia.

    > il tempo e' passato ma le
    > conseguenze sono ancora qui tra noi , per dirne
    > una il sud italia e' passato da avere per primo
    > la ferrovia a non avere collegamenti ferroviari
    > decenti...

    Le bubbole sul sud paradiso in terra convincono solo chi ci vuole credere, la ricchezza non era certo nelle mani della popolazione, o credi che i pastori e gli agricoltori nuotassero nell'oro, mentre le fontane gettavano latte e miele?
    Di fatto sono decenni che c'è un flusso unidirezionale di denaro da nord a sud, e quello non lo vogliamo considerare? Dati ufficiali, eh, il residuo fiscale è liberamente consultabile.
    http://www.wikispesa.it/Residuo_Fiscale_Regioni

    Quello che è sotto gli occhi di tutti è l'atteggiamento furbesco del chiagni e fotti. Napoli invasa dai rifiuti, la gente ha cercato di limitare il problema? No, vedevi le strade invase da divani, lavatrici e quant'altro, perché la gente ha pensato bene di approfittare della situazione per buttare di tutto e di più senza fare la fatica di andare all'isola ecologica. E poi a frignare che il resto d'Italia levasse loro le castagne dal fuoco. Cosa puntualmente successa: abbiamo pagato noi, come sempre, perché i rifiuti di Napoli venissero smaltiti all'estero, visti i continui sabotaggi alle discariche.
    E così praticamente in tutti i casi - ma la colpa è dei Savoia, che bello avere la scusa pronta!
    Izio01
    4255
  • Sono meridionale, detto questo condivido in pieno quanto da te scritto.

    Qui al sud abbimao bisogno di un bel calcio in c**o che ci proietti direttamente nella realtà del 2017.
    non+autenticato
  • niente indulto per chi ruba, spero che in futuro vengano puniti anche quelli che scaricano illegalmente materiale audio/video.
    non+autenticato
  • contento tu fratello bianco... noi rubare, stuprare e spacciare ed essere sempre impuniti, stato itagliano pagare anche noi, a noi andare bene così. io stare bene in itaglia, io telefonato a miei 15 fratelli con telefono dato da stato, loro arrivare con prossimo barcone.
    non+autenticato
  • - Scritto da: IO SONO UN IMMIGRATO
    > contento tu fratello bianco... noi rubare,
    > stuprare e spacciare ed essere sempre impuniti,
    > stato itagliano pagare anche noi, a noi andare
    > bene così. io stare bene in itaglia, io
    > telefonato a miei 15 fratelli con telefono dato
    > da stato, loro arrivare con prossimo
    > barcone.

    E il leghista hai voglia a fare il coglione!! E lui parla di Emilia in giù.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 666
    > niente indulto per chi ruba, spero che in futuro
    > vengano puniti anche quelli che scaricano
    > illegalmente materiale
    > audio/video.

    Prima di dire "illegalmente" ci vuole una sentenza.
    E a quanto mi risulta, in italia NESSUNA SENTENZA ha mai condannato qualcuno per aver scaricato materiale audio/video.

    Sentiti pure libero di smentirmi pubblicando link a sentenze di quel genere, oppure annega nella tua vergogna.

    IL DOWNLOAD NON E' REATO.
    NON LO E' MAI STATO.
    MAI LO SARA'.

    (Se ti occorre del maloox, la farmacia all'angolo e' sempre aperta).
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: 666
    > > niente indulto per chi ruba, spero che in
    > futuro
    > > vengano puniti anche quelli che scaricano
    > > illegalmente materiale
    > > audio/video.
    >
    > Prima di dire "illegalmente" ci vuole una
    > sentenza.
    > E a quanto mi risulta, in italia NESSUNA SENTENZA
    > ha mai condannato qualcuno per aver scaricato
    > materiale
    > audio/video.
    >
    > Sentiti pure libero di smentirmi pubblicando link
    > a sentenze di quel genere, oppure annega nella
    > tua
    > vergogna.
    >
    > IL DOWNLOAD NON E' REATO.
    > NON LO E' MAI STATO.
    > MAI LO SARA'.
    >
    > (Se ti occorre del maloox, la farmacia all'angolo
    > e' sempre
    > aperta).

    Quei tipi non hanno bisogno di maloox, ma di "SPUTOX"!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa

    > (Se ti occorre del maloox, la farmacia all'angolo
    > e' sempre
    > aperta).
    Probabilmente... si gli serve.... fa fatica a digerire il Kebab!
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: 666
    > niente indulto per chi ruba, spero che in futuro
    > vengano puniti anche quelli che scaricano
    > illegalmente materiale audio/video.

    Veramente dell'indulto il ladro ha beneficiato eccome, schivando la galera.
    "Nel 2012 la vicenda giudiziaria per l'uomo era giunta a conclusione con una sentenza di patteggiamento e con una pena interamente coperta da indulto ".
    Quello su cui ha preso ceffoni è il diritto all'oblio, che è tutta un'altra cosa.
    Izio01
    4255
  • - Scritto da: 666
    > niente indulto per chi ruba, spero che in futuro
    > vengano puniti anche quelli che scaricano
    > illegalmente materiale audio/video.

    Quello che ha rippato per prima ha comprato: quindi è plurivision.

    http://www.videotecheweb.it/pvs/
    non+autenticato