Gaia Bottà

Facebook e WhatsApp, la condivisione dati è questione antitrust

L'Europa ritiene che il social network, al momento dell'acquisizione, abbia presentato il quadro in maniera forviante. La sovrapposizione dei dati degli utenti delle due piattaforme era già nei piani di Facebook?

Roma - L'acquisizione miliardaria di WhatsApp da parte di Facebook è conclusa da tempo, con il benestare delle autorità, ma la condivisione dei dati fra i due servizi è una iniziativa relativamente recente, capace di far fruttare un accordo che era stato descritto come una semplice operazione espansiva, capace di scompaginare gli equilibri sul mercato, creando una entità dotata di un bacino di utenze ancor più ampio, ancor più profilato, ancor più appetibile per gli inserzionisti. È per questo motivo che, alla luce dell'inatteso annuncio dell'incrocio dei dati tra Facebook e WhatsApp, la Commissione Europea ha inviato una comunicazione degli addebiti: il social network avrebbe omesso dei dettagli determinanti, al momento delle indagini.

Facebook, annunciate le proprie intenzioni espansive nel 2014, aveva giocato d'anticipo con l'Europa sollecitando un'indagine sul mercato: l'UE aveva sondato i pareri dei concorrenti e aveva accordato il via libera all'operazione, giudicando che non rappresentasse un ostacolo alla competizione sul mercato delle comunicazioni, delle piattaforme di social networking, dell'advertising online.

Nonostante il mercato sia evoluto nel corso dei mesi, nonostante Facebook abbia immaginato per i propri servizi un futuro ancora più redditizio, l'Europa non intende ora tornare sui propri passi: lo statement of objection per Facebook non riguarda l'acquisizione e non ha influenza sull'acquisizione, ma a che fare con le informazioni contestuali all'operazione fornite da Facebook alla Commissione Europea.
Si tratterebbe di informazioni "non corrette o forvianti", secondo l'antitrust UE: si spiega che la Commissione, nel 2014, aveva preso in esame anche la possibilità che Facebook collegasse gli account dei propri utenti a quelli degli utenti di WhatsApp. Aveva chiesto chiarimenti al social network, il quale aveva spiegato che "non sarebbe stato in grado di stabilire collegamenti automatici affidabili tra gli account degli utenti delle due aziende".
Alla luce del recente cambio di policy che ha aperto la strada alla condivisione dei dati fra i due servizi, la Commissione ritiene che Facebook abbia illustrato il quadro in maniera erronea nel 2014: "a differenza delle dichiarazioni di Facebook e delle risposte offerte da Facebook durante l'analisi - spiega l'antitrust UE - la possibilità tecnica di collegare automaticamente gli ID degli utenti di Facebook con quelli degli utenti di WhatsApp esisteva già nel 2014". Il social network, dunque, "intenzionalmente o per negligenza" avrebbe fornito informazioni non corrette o forvianti.

Facebook, nei mesi scorsi, è già finita nel mirino di diverse autorità europee, compresi il Garante Privacy e l'AGCM, impensierite dalle implicazioni sui diritti dei consumatori della condivisione dei dati fra il social network e WhatsApp. Per questo motivo ha provveduto alla temporanea sospensione della sovrapposizione dai dati, fatta eccezione per le funzioni atte a contrastare lo spam. Ciò non sembra però avere alcun effetto sulle accuse preliminari formulate dall'antitrust: Menlo Park avrà tempo fino alla fine di gennaio per rispondere all'Europa, che potrebbe decidere di infliggerle una sanzione pari all'1 per cento del fatturato annuale. Il social network, per il momento, confida nel fatto che la successiva analisi del quadro "confermerà che Facebook ha agito in buona fede".

Gaia Bottà
Notizie collegate
40 Commenti alla Notizia Facebook e WhatsApp, la condivisione dati è questione antitrust
Ordina
  • Ma lor signori utenti di piattaforme "gratuite", non già distribuite ed open ma proprietarie, di singole aziende il cui statuto non parla di "società no-profit votate alla pubblica filantropia", che credono?

    Se il servizio viene offerto è perché da esso l'azienda che lo offre trae profitto. Ed il profitto di FB/Google/Yahoo/* qual'è?
    non+autenticato
  • - Scritto da: xte
    > Ma lor signori utenti di piattaforme "gratuite",
    > non già distribuite ed open ma proprietarie, di
    > singole aziende il cui statuto non parla di
    > "società no-profit votate alla pubblica
    > filantropia", che
    > credono?
    >
    > Se il servizio viene offerto è perché da esso
    > l'azienda che lo offre trae profitto. Ed il
    > profitto di FB/Google/Yahoo/*
    > qual'è?

    Questo è il modello di business di facebook. Whatsapp prometteva qualcosa di leggermente diverso prima di essere acquisita.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Non ti scuso
    > - Scritto da: xte
    > > Ma lor signori utenti di piattaforme
    > "gratuite",
    > > non già distribuite ed open ma proprietarie,
    > di
    > > singole aziende il cui statuto non parla di
    > > "società no-profit votate alla pubblica
    > > filantropia", che
    > > credono?
    > >
    > > Se il servizio viene offerto è perché da esso
    > > l'azienda che lo offre trae profitto. Ed il
    > > profitto di FB/Google/Yahoo/*
    > > qual'è?
    >
    > Questo è il modello di business di facebook.
    > Whatsapp prometteva qualcosa di leggermente
    > diverso prima di essere
    > acquisita.

    prima di essere acquisita...... Appunto!!

    Ma poi non è che non si sappia da chi è stata acquisita!(per i tardoni acquisita dal gov. USA)
    non+autenticato
  • Muhahahaahah!!!

    Io incrocio i vostri dati! E voi, piccoli esseri, non potete di certo impedirmelo!

    Muhahahaahah!!!
    non+autenticato
  • Più che una multa mi chiedo se questo può essere usato come precedente la prossima volta, perché ci sarà una prossima volta, queste aziende campano risucchiando i pesci più piccoli. Però a questo punto sarebbe il caso di impedirgli di comprare altre aziende.
    non+autenticato
  • E di grazia chi glielo impedirebbe?

    Il sistema neoliberista è definito anche neofeudalesimo proprio perché permette l'accentramento di ricchezza in sempre meno mani. Ossia è come una lunghissima partita a Monopoli dove alla fine tutti finiscono i soldi tranne uno.

    Veramente, non scherzo, è un sistema che può permettere realmente ad un soggetto che sia un individuo piuttosto che una famiglia o un enorme fondo di investimento di assimilare talmente tante ricchezze immobiliari, liquidità, aziende, oro, ecc. Da divenire padrone del mondo.

    Il neoliberismo è stato provato più volte privo di qualsiasi fondamento scientifico, e totalmente false le premesse di ridistribuzione della ricchezza e del benessere che i suoi sostenitori affermano.
    iRoby
    8617
  • - Scritto da: iRoby
    > E di grazia chi glielo impedirebbe?
    >
    Que sto è un articolo sull'anti-trust europeo.

    > Il sistema neoliberista ...

    Adesso non c'è un particolare sistema economico ci sono solo un pugno di elites che stanno consolidando il loro potere mentre le popolazioni con la pancia piena hanno smesso di lottare senza rendersi conto che se non difendono continuamente la loro democrazia gliela tolgono da sotto il culo.

    Se vuoi capire che sta succedendo lascia perdere teorie economiche strampalate. C'è un libro di due economisti del MIT che rende molto meglio la situazione (e calza molto bene per la situazione italiana):

    https://en.wikipedia.org/wiki/Why_Nations_Fail

    http://norayr.am/collections/books/Why-Nations-Fai...
    non+autenticato
  • - Scritto da: vthvtbyn
    > - Scritto da: iRoby
    > > E di grazia chi glielo impedirebbe?
    > >
    > Que sto è un articolo sull'anti-trust europeo.
    >
    > > Il sistema neoliberista ...
    >
    > Adesso non c'è un particolare sistema economico
    > ci sono solo un pugno di elites che stanno
    > consolidando il loro potere mentre le popolazioni
    > con la pancia piena hanno smesso di lottare senza
    > rendersi conto che se non difendono continuamente
    > la loro democrazia gliela tolgono da sotto il
    > culo.
    >
    > Se vuoi capire che sta succedendo lascia perdere
    > teorie economiche strampalate. C'è un libro di
    > due economisti del MIT che rende molto meglio la
    > situazione (e calza molto bene per la situazione
    > italiana):
    >
    > https://en.wikipedia.org/wiki/Why_Nations_Fail


    Scritto da due economisti della scuola di Chicago, tempio del liberismo e del globalismo, uno è pure un libertario armeno che vuole la droga libbbera.

    Muori. Ma in fretta però.
    non+autenticato
  • > Scritto da due economisti della scuola di
    > Chicago, tempio del liberismo e del
    > globalismo,


    MIT != University of Chicago

    https://en.wikipedia.org/wiki/Chicago_school_of_ec...

    Basta dare un'occhiata ai contenuti del libro per rendersene conto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tfvcrgvc
    > > Scritto da due economisti della scuola di
    > > Chicago, tempio del liberismo e
    > del
    > > globalismo,

    >
    > MIT != University of Chicago
    >
    > https://en.wikipedia.org/wiki/Chicago_school_of_ec
    >
    > Basta dare un'occhiata ai contenuti del libro per
    > rendersene
    > conto.

    TUTTE le facoltà d'economia di Chicago sono collettivamente note per supportare il liberismo più totale, senza alcuna distinzione.

    E il tizio che ha scritto quella robaccia, casualmente premiata da goldman sachs, è un libertario turco-armeno di quelli della serie "mondo e mercato globbbale e libbberale, via i confini, immigrazione libbbera, droga libbbera".
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > - Scritto da: tfvcrgvc
    > > > Scritto da due economisti della scuola di
    > > > Chicago, tempio del liberismo e
    > > del
    > > > globalismo,

    > >
    > > MIT != University of Chicago
    > >
    > >
    > https://en.wikipedia.org/wiki/Chicago_school_of_ec
    > >
    > > Basta dare un'occhiata ai contenuti del libro
    > per
    > > rendersene
    > > conto.
    >
    > TUTTE le facoltà d'economia di Chicago
    > sono collettivamente note per supportare il
    > liberismo più totale, senza alcuna
    > distinzione.
    >
    >
    > E il tizio che ha scritto quella robaccia,
    > casualmente premiata da goldman sachs, è
    > un libertario turco-armeno di quelli della serie
    > "mondo e mercato globbbale e libbberale, via i
    > confini, immigrazione libbbera, droga
    > libbbera".



    E allora diciamogli li mortacci tua liberi!!!!!!!!!!
    E che crepi nel peggiore dei modi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il fuddaro
    > - Scritto da: ...
    > > - Scritto da: tfvcrgvc
    > > > > Scritto da due economisti della scuola di
    > > > > Chicago, tempio del liberismo
    > e
    > > > del
    > > > > globalismo,

    > > >
    > > > MIT != University of Chicago
    > > >
    > > >
    > >
    > https://en.wikipedia.org/wiki/Chicago_school_of_ec
    > > >
    > > > Basta dare un'occhiata ai contenuti del libro
    > > per
    > > > rendersene
    > > > conto.
    > >
    > > TUTTE le facoltà d'economia di Chicago
    > > sono collettivamente note per supportare il
    > > liberismo più totale, senza alcuna
    > > distinzione.
    > >
    > >
    > > E il tizio che ha scritto quella robaccia,
    > > casualmente premiata da goldman sachs, è
    > > un libertario turco-armeno di quelli della serie
    > > "mondo e mercato globbbale e libbberale, via
    > i
    > > confini, immigrazione libbbera, droga
    > > libbbera".

    >
    >
    > E allora diciamogli li mortacci tua
    > liberi!!!!!!!!!!
    > E che crepi nel peggiore dei modi.

    Magari bastasse il desiderio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tfvcrgvc
    > > Scritto da due economisti della scuola di
    > > Chicago, tempio del liberismo e
    > del
    > > globalismo,

    >
    > MIT != University of Chicago
    >
    > https://en.wikipedia.org/wiki/Chicago_school_of_ec

    James Robinson insegna proprio in quella università, pirla:
    https://en.wikipedia.org/wiki/James_A._Robinson_%2...

    La " C. school of economics" è semplicemente la facoltà d'economia dell'Università di Chicago.
    non+autenticato
  • > > MIT != University of Chicago

    > James Robinson insegna proprio in quella
    > università, pirla:
    > https://en.wikipedia.org/wiki/James_A._Robinson_%2
    >

    Dal 2015. Il libro è stato pubblicato nel 2012
    non+autenticato
  • - Scritto da: ftgvhydr
    > > > MIT != University of Chicago
    >
    > > James Robinson insegna proprio in quella
    > > università, pirla:
    > >
    > https://en.wikipedia.org/wiki/James_A._Robinson_%2
    > >
    >
    > Dal 2015. Il libro è stato pubblicato nel 2012

    Ah ecco, e notoriamente l'università di chicago tra il 2012 e il 2015 è passata dall'essere il tempio dell'ideologia liberista ad una succursale del Partico Comunista Cubano, vero?!

    Ovviamente assumono quelli che la pensano come loro.

    GRazie per aver confermato che voi piddini siete i veri estremisti di destra, quella liberista, la peggiore di tutte.
    non+autenticato
  • ... anti EU non c'è?

    Ha iniziato le ferie di natale?
  • Siccome lui non c'è ti metti a rompere i pollioni tu. Un genio!
    non+autenticato
  • a parte qualche sfigato siamo tutti anti-ue.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rock n troll
    > a parte qualche sfigato siamo tutti anti-ue.
    è un "pluralia maiestatis" alla "otelma" vero?
    Il "tutti" sta per i multinick dello stesso idiota vero?
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: giaguarevol issimevolm ente
    > - Scritto da: rock n troll
    > > a parte qualche sfigato siamo tutti anti-ue.
    > è un "pluralia maiestatis" alla "otelma" vero?
    > Il "tutti" sta per i multinick dello stesso
    > idiota
    > vero?
    > Rotola dal ridereRotola dal ridere


    No zecca radicale, sono sondaggi della commissione ue (eurobarometro). Solo il 33% degli Italiani ritiene positivo far parte della ue, minimo storico:
    http://www5.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altren...

    E secondo lo stesso Eurobarometro, sull'euro l'Italia è anche l'unico paese in cui i contrari superano i favorevoli, 47% a 41%..

    E già che ci siamo infiliamoci un bel sondaggino sull'immigrazione, gli Italiani sono i più contrari d'europa:
    https://yougov.co.uk/news/2016/12/05/many-european.../

    In sintesi voi europeisti siete ridotti a piccola minoranza, e quelli come te pro-immigrazione invece ridotti a livello di centro sociale.Ficoso
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > No zecca radicale, sono sondaggi della
    > commissione ue (eurobarometro). Solo il
    > 33% degli Italiani ritiene positivo far
    > parte della ue, minimo
    > storico:
    > http://www5.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altren

    Già, ma se si votasse davvero, chissà...

    I sondaggisti hanno mostrato qualche limite di recente.
  • - Scritto da: seven
    > - Scritto da: ...
    > > No zecca radicale, sono sondaggi della
    > > commissione ue
    > (eurobarometro). Solo
    > il
    > > 33% degli Italiani
    > ritiene positivo
    > far
    > > parte della ue, minimo
    > > storico:
    > >
    > http://www5.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altren
    >
    > Già, ma se si votasse davvero, chissà...
    >
    > I sondaggisti hanno mostrato qualche limite di
    > recente.

    Vero, ma hanno errato nel senso di sottovalutare il voto di protesta, non nel senso opposto: Brexit era data in svantaggio, Trump pure, e al referendum costituzionale il No era solo in lieve vantaggio, non 18 punti come poi è successo.

    Notare che sempre secondo Eurobarometro gli Italiani sono più euroscettici dei Britannici (!!!). Facciamolo anche noi il referendum, e vediamo come finisce...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Notare che sempre secondo Eurobarometro
    > gli Italiani sono più euroscettici dei
    > Britannici (!!!).
    Facciamolo anche
    > noi il referendum, e vediamo come
    > finisce...

    Abbiamo la fortuna di avere delle cavie da testare, vediamo come va agli inglesi.

    Sempre che escano davvero.
  • - Scritto da: seven
    > - Scritto da: ...
    > > Notare che sempre secondo Eurobarometro
    > > gli Italiani sono più euroscettici
    > dei
    > > Britannici (!!!).
    Facciamolo
    > anche
    > > noi il referendum, e vediamo come
    > > finisce...
    >
    > Abbiamo la fortuna di avere delle cavie da
    > testare, vediamo come va agli
    > inglesi.
    >
    > Sempre che escano davvero.


    Per adesso il mero effetto-annuncio ha reso la borsa di londra la migliore del continente negli ultimi 6 mesi.
    non+autenticato
  • >
    > Per adesso il mero effetto-annuncio ha reso la
    > borsa di londra la migliore del continente negli
    > ultimi 6 mesi.

    Ma la cosa tira per le lunghe. Sapremo i risultati tra più di due anni (se si levano dalle balle sul serio).
    non+autenticato
  • - Scritto da: tgyfrvt
    > >
    > > Per adesso il mero effetto-annuncio ha reso
    > la
    > > borsa di londra la migliore del continente
    > negli
    > > ultimi 6 mesi.
    >
    > Ma la cosa tira per le lunghe. Sapremo i
    > risultati tra più di due anni (se si levano dalle
    > balle sul
    > serio).

    Tra più di due anni semmai sapremo se la UE esisterà ancora. Ormai la valanga è partita, il 23 giugno 2016 è come il 9 novembre 1989.Annoiato
    non+autenticato