Alfonso Maruccia

EFF, la privacy nel 2017

L'organizzazione statunitense anticipa quelle che a suo dire dovrebbero essere le prioritÓ dei colossi tecnologici. E non Ŕ solo questione di tenere sotto controllo Trump

Roma - Il 2016 è quasi terminato ed Electronic Frontier Foundation (EFF) pensa già al prossimo futuro, un futuro in cui occorrerà lavorare ancora più duramente con l'obiettivo di preservare la privacy degli utenti e i diritti digitali in Rete e non solo. Il grosso del lavoro, dice EFF, spetta alle principali aziende di settore.

L'organizzazione non-profit californiana ha infatti stilato una sua lista dei desideri per il nuovo anno, un elenco parziale delle cose che a detta di EFF i player di settore dovrebbero impegnarsi a fare per salvaguardare gli utenti. Il 2017 si prospetta come un anno duro per i diritti in rete, anticipa EFF, e le corporation possono aiutare non poco a lottare per la loro difesa.

EFF chiama direttamente in causa colossi del calibro di Google, Twitter e Apple, chiedendo a Mountain View di abilitare l'autenticazione a doppio fattore senza numero di cellulare e di interrompere la raccolta dei dati dai Chromebook per studenti a fini pubblicitari; il network dei cinguettii dovrebbe invece disabilitare l'opzione per resettare la password via SMS, Apple dovrebbe abilitare la verifica out-of-band per iMessage e Facetime, e Facebook dovrebbe smetterla di imporre la politica dei "nomi autentici" ai suoi utenti.
I desiderata elencati in questi giorni verranno verificati nel corso del 2017, anticipa EFF, e fanno parte di un'iniziativa più ampia nata dopo l'inattesa elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti. Trump ha da sempre dichiarato le proprie antipatie per la net-neutrality e la passione per il tecnocontrollo della NSA, dice EFF, per questo gli esperti di tecnologia - pur consultati dal nuovo inquilino della Casa Bianca in tempi recenti - devono far sentire la propria voce e far pressione fin dentro lo studio ovale.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàEFF difende gli studenti da GoogleGli strumenti che Mountain View mette al servizio dell'istruzione, dai Chromebook alla suite di applicazioni, rappresentano una minaccia per i minori. Gli attivisti insegnano loro a prendere provvedimenti
  • AttualitàEFF critica il nuovo database biometrico dell'FBIIl rapporto dell'agenzia governativa GAO evidenzia la scarsa accuratezza della tecnologia di identificazione e poco rispetto per la privacy. Associazioni sul piede di guerra
  • AttualitàEFF porta in tribunale il DMCAQuestione di incostituzionalitÓ per la sezione 1201 della celebre legge USA sul diritto d'autore. Limiterebbe la libertÓ di espressione, e in troppi la usano per nascondere le proprie magagne in fatto di sicurezza
  • AttualitàEFF: Windows 10 bocciato in privacyLa fondazione non-profit se la prende con Microsoft per la nuova politica sulla riservatezza degli utenti del nuovo OS. In mezzo ci finisce anche la politica sugli aggiornamenti
1 Commenti alla Notizia EFF, la privacy nel 2017
Ordina
  • "E non è solo questione di tenere sotto controllo Trump"

    E chi vorrebbe controllare il presidente degli stati uniti facci capire?

    "Trump ha da sempre dichiarato le proprie antipatie per la net-neutrality e la passione per il tecnocontrollo della NSA"

    Dove? Quando?

    Raccontiamola tutta: il negher ha raso al suolo la net neutrality e voi scribacchini ce la menate con Trump... in 8 anni di obama il web è diventato una me*da come nonlo è mai stato prima.

    Facci sapere Maruccia.
    non+autenticato