Luca Annunziata

USA, arresti a Hong Kong per gli hacker dell'insider trading

Violate le email di studi legali che si occupano di fusioni aziendali. Per trarre profitto indebito dalla compravendita di azioni

Milano - Sono accusati di aver violato i sistemi informatici di importanti studi legali statunitensi, e di averne tratto vantaggio con opportuni investimenti in Borsa, i tre cittadini cinesi di cui uno dei quali fermato a Natale e in attesa di estradizione negli USA. Avrebbero approfittato delle falle nella posta elettronica di non ancora identificati consulenti nelle fusioni aziendali, ottenendo informazioni preziose per poter lucrare sulle operazioni in corso e ancora coperte da segreto.

C'è anche una celebre acquisizione-fusione tra quelle citate dalla stampa d'Oltreoceano: ovvero quella che ha visto Intel prendere il controllo di Altera, segnando di fatto l'ingresso in grande stile di Santa Clara nel mercato dei chip ARM. In quella occasione, approfittando delle informazioni sottratte, i tre accusati (tutti residenti tra Macao e Hong Kong: rispondo ai nomi di Iat Hong, l'unico fermato, Bo Zhen e Chin Hung) avrebbero acquisito circa 210mila azioni Altera poi rivendute con un profitto di circa 1,4 milioni di dollari. In altre operazioni analoghe erano riusciti a far fruttare lo spionaggio un totale di quasi 4 milioni dollari, rovistando in oltre 2,8 gigabyte di dati sottratti.

L'indagine è stata portata avanti dalla SEC, l'organismo di controllo della Borsa USA che ha anche avviato una causa civile per recuperare parte del bottino, e dal procuratore di New York Preet Bharara. Da entrambi viene un monito chiaro agli studi legali, coinvolti o meno in questa vicenda: nei loro server, nella loro posta elettronica, sono conservate informazioni preziose e riservate che vanno conservate con cura, e col crescere della natura digitale delle transazioni e delle trattative è imperativo adottare misure di protezioni (tecnologiche e umane) sempre più perfezionate per tenere al sicuro certe informazioni che non devono essere rese pubbliche anzitempo.
Attraverso gli stessi studi legali transitano inoltre anche dettagli sui piani di business di startup pubbliche o ancora in modalità "stealth": altro materiale che i tre avrebbero razziato, provando a farlo fruttare. In questo caso, comunque, non pare emergere alcuna motivazione politica dietro il reato: gli accusati avrebbero agito spinti unicamente dal desiderio di trarre profitto economico dalle proprie azioni.

Luca Annunziata
2 Commenti alla Notizia USA, arresti a Hong Kong per gli hacker dell'insider trading
Ordina