Alfonso Maruccia

Oculus, Carmack e Zuckerberg interrogati in tribunale

La contesa legale tra ZeniMax e Facebook approda davanti al giudice, con quest'ultima costretta a difendere il Rift dall'accusa di furto di proprietÓ intellettuale

Roma - La causa intentata da ZeniMax contro Oculus (e quindi Facebook che ha acquisito l'azienda) arriva nella sua fase dibattimentale, e il publisher videoludico statunitense dice di avere a disposizione prove "solide" che dimostrerebbero la natura truffaldina della tecnologia alla base del visore Rift.

La versione commerciale del caschetto per la realtà virtuale su PC è frutto di un vero e proprio frutto della proprietà intellettuale altrui, accusano gli avvocati di ZeniMax e non solo; Oculus avrebbe in particolare approfittato del codice e delle specifiche realizzate da John Carmack, geniale sviluppatore che quattro anni fa ha lasciato iD Software (ora di proprietà di ZeniMax) proprio per approdare a Oculus. Il contributo di Carmack sarebbe stato fondamentale, spiegano ancora da ZeniMax, per trasformare quello che era poco più di un prototipo in un prodotto commerciale spendibile sul mercato. Il problema è che Carmack avrebbe usato tecnologia di proprietà del publisher, violando quindi la legge sulla "ownership" del suo codice sorgente e non solo.

La risposta di Carmack? Una vicenda "assurda": il programmatore ammette di aver copiato "migliaia di e-mail" su un hard disk personale durante il suo ultimo giorno di lavoro presso ZeniMax, ma in quanto al riutilizzo del codice proprietario rispedisce le accuse al mittente.
Dopo la testimonianza di Carmack è poi venuto il turno di Zuckerberg, e anche in questo caso si è assistito a una difesa su tutta la linea del comportamento del management e dei dipendenti di Oculus: il fondatore di Facebook dice di non aver mai sentito parlare di ZeniMax - un colosso videoludico ben noto nel settore - e definisce l'idea che il Rift sia basato su tecnologia altrui come semplicemente "sbagliata."

ZeniMax vorrebbe in realtà approfittare dell'acquisizione di Oculus da parte di Facebook per passare all'incasso, sostiene Zuckerberg, mentre il suo interesse per la realtà virtuale e per il Rift è genuino: l'interazione immersiva tramite caschetto è il "futuro" del computing, dice il miliardario statunitense, e Facebook ha intenzione di investire 3 miliardi di dollari per far si che la nuova piattaforma si diffonda tra i consumatori mainstream entro i prossimi 10 anni.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàJohn Carmack lascia iD SoftwareLo studios da lui fondato, e che ha dato i natali a blockbuster come Doom e Quake, dovrÓ fare a meno di lui. Le attenzioni del celebrato sviluppatore saranno tutte per Oculus VR
  • BusinessOculus, nuove accuse in vistaLe seconda denuncia si abbatte su Oculus: il visore sarebbe frutto di tecnologie sviluppate da aziende terze. E' ora il turno delle rivendicazioni di Total Recall Technologies
  • AttualitàOculus Connect, novità virtualiLa sussidiaria VR di Facebook ha presentato le novitÓ in arrivo per l'omonima piattaforma, con prodotti giÓ fatti e finiti che hanno condiviso il palco assieme a prototipi non ancora pronti per la fase di realizzazione