Luca Annunziata

Galileo, problemi con gli orologi di bordo

ESA ha comunicato che diversi componenti a bordo dei satelliti hanno ceduto. Si investiga sulle cause, ma è probabile si tratti di un problema nato prima del lancio

Milano - Alcuni satelliti della costellazione Galileo, la risposta europea a GPS e GLONASS, soffrono di un problema all'orologio di bordo: lo ha annunciato la stessa Agenzia Spaziale Europea (ESA), confermando nove disservizi che per ora non hanno comunque ancora limitato le funzioni della rete satellitare. Come spesso accade in questo tipo di apparecchi, infatti, a bordo ci sono sistemi ridondanti proprio per ovviare a questo tipo di incidenti: ma ora occorre investigare sulle cause di quanto sta capitando, per comprendere come agire nel prossimo futuro.

I satelliti Galileo dispongono di due diversi orologi di bordo, entrambi doppi: uno è un classico orologio atomico a rubidio, una tecnologia consolidata, mentre l'altro è basato su un maser a idrogeno. Quest'ultimo è il vero asso nella manica della rete europea: la sua precisione dovrebbe essere superiore a quella degli altri sistemi, GPS in primis, garantendo una qualità della geolocalizzazione superiore.

Il meccanismo di geolocalizzazione via satellite è infatti basato sulla triangolazione, e la fornitura dell'ora esatta è una informazione fondamentale per completare il processo. Per questo ci sono due diversi sistemi con ridondanza a bordo dei satelliti Galileo: purtroppo l'orologio a maser di idrogeno, quello che dovrebbe fare la differenza rispetto alla concorrenza, è quello che ha subito il maggior numero di malfunzionamenti (sei casi su nove) e in un caso addirittura uno dei satelliti in orbita è rimasto con solo due sistemi attivi su quattro funzionanti.
ESA ha spiegato di stare investigando le possibili cause di questi malfunzionamenti. Informazioni sono state scambiate con l'agenzia spaziale indiana, che utilizza a bordo di alcuni suoi satelliti degli orologi simili, ma al momento non sono stati rilevati problemi su quei velivoli. Non è neppure chiaro, in questa fase, se si tratti nel caso di Galileo di un problema irrisolvibile o se invece sia possibile in qualche modo intervenire da terra per far ripartire gli orologi difettosi.

I problemi, grazie alla doppia ridondanza, non hanno per ora fermato alcuno dei 18 satelliti in orbita: ESA tuttavia sta valutando se sia opportuno lanciare i restanti 6, in programma nei prossimi mesi per completare la costellazione da 24 prevista entro il 2020, o se invece sospendere i lanci per venire prima a capo della questione. È possibile che si tratti di un problema di assemblaggio a terra, quindi risolvibile effettuando una revisione delle procedure di costruzione dei satelliti, ma mancando indicazioni specifiche su quale sia la natura del problema occorre procedere con ulteriori indagini.

Luca Annunziata
Notizie collegate
  • AttualitàLa prima volta di GalileoIl sistema di geolocalizzazione europeo diventa operativo. Ci sono voluti 17 anni e milioni di euro per venire a capo di un progetto che dovrebbe superare i limiti del GPS
21 Commenti alla Notizia Galileo, problemi con gli orologi di bordo
Ordina
  • La tripla ridondanza e' l'unica soluzione, un componetne si puo' sempre rompere, ma avere ancora una riserva per avere tempo per intervenire e' sempre utile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giulia
    > La tripla ridondanza e' l'unica soluzione, un
    > componetne si puo' sempre rompere, ma avere
    > ancora una riserva per avere tempo per
    > intervenire e' sempre utile.

    La tripla ridondanza ha senso quando sono tutti attivi e la puoi impiegare per sistemi di livello superiore, non per orologi di questo genere che "daranno" sempre tutti un'orario leggermente diverso anche quando funzionano correttamente.

    In questo caso (l'articolo lo accenna) ci sono in realtà 4 orologi, due all'idrogeno e due al rubidio, in ridondanza fredda, cioè si può passare dall'uno all'altro se necessario, e così infatti hanno fatto. La cosa fondamentale è capire se la natura dei malfunzionamenti potrà verificarsi anche sugli altri orologi dello stesso satellite, cosa che alla fine farebbe perdere il satellite stesso.
  • ...quegli orologi li ha progettati er giaguaro!!1!
    Rotola dal ridere
  • - Scritto da: Albedo 0,9
    > ...quegli orologi li ha progettati er giaguaro!!1!
    > Rotola dal ridere
    No biancaneve (0.9)!
    Non c'è granchè da "progettare" un contatore è un affare che fa +1 tutte le volte che un sensore gli rivela un evento... la somma degli eventi contati misura il tempo (gli orologi funzionano così)...

    Nel mondo di Biancaneve invece il "tempo" non si sa cosa sia ne come si "misura"... e non ha niente a che fare con la frequenza di quegli eventi ne con la loro ripetizione....
    non+autenticato
  • - Scritto da: giaguarevol issimevolm ente
    > - Scritto da: Albedo 0,9
    > > ...quegli orologi li ha progettati er
    > giaguaro!!1!
    > > Rotola dal ridere
    > No biancaneve (0.9)!
    > Non c'è granchè da "progettare" un contatore è un
    > affare che fa +1 tutte le volte che un sensore
    > gli rivela un evento... la somma degli eventi
    > contati misura il tempo
    (gli orologi funzionano
    > così)...
    >

    Rotola dal ridere

    Ho contatore quarzato, fino ad ora ha contato 3 milioni di tick.
    Quanto tempo è passato?

    Rotola dal ridere
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 24 gennaio 2017 16.28
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Albedo 0,9

    > Ho contatore quarzato, fino ad ora ha contato 3
    > milioni di
    > tick.
    > Quanto tempo è passato?
    Quanto ne dice la frequenza dei tick mi pare assai semplice!
    Che infatti è 1/tick sec.
    Vorrei farti notare che l'unica incognita è proprio la frequenza nella tua domanda!
    Una volta detta la frequenza hai detto esattamente il tempo!
    Perchè?
    Ma perchè è la stessa cosa PIRLA!
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: giaguarevol issimevolm ente
    > - Scritto da: Albedo 0,9
    >
    > > Ho contatore quarzato, fino ad ora ha
    > contato
    > 3
    > > milioni di
    > > tick.
    > > Quanto tempo è passato?
    > Quanto ne dice la frequenza dei tick mi pare
    > assai
    > semplice!
    > Che infatti è 1/tick sec.

    Spiacente, non sta girando a frequenza di 1Hz.
    PISELLO! Rotola dal ridere


    > Vorrei farti notare che l'unica incognita è
    > proprio la frequenza nella tua
    > domanda!

    Ah, quindi ora la frequenza ti serve? Rotola dal ridere

    Ok, te la ripropongo.

    Il mio orologio, che gira a 10MHz, ha contato N cicli del suo clock.
    Quanto tempo è passato?
  • - Scritto da: Albedo 0,9
    > Quanto tempo è passato?

    2 metri e mezzo. Giusto ?

    A bocca aperta
  • - Scritto da: aphex_twin
    > - Scritto da: Albedo 0,9
    > > Quanto tempo è passato?
    >
    > 2 metri e mezzo. Giusto ?
    >
    > A bocca aperta
    "Minuto secondo (o un secondo s.m., simbolo s ), unità fondamentale di misura dell'intervallo di tempo, storicamente corrispondente alla 86.400ª parte del giorno solare medio, definita attualmente come la durata di 9.192.631.770 periodi della radiazione emessa dall'atomo dell'isotopo 133 del cesio in una transizione energetica specifica.

    9.192.631.770 periodi
    Ci arrivi a capire che è una frequenza?
    E quindi che un secondo è una frequenza?
    Ci arrivi a capire che la rotazione terrestre (aka giorno) è un periodo cioè una frequenza?
    non+autenticato
  • - Scritto da: giaguarevol issimevolm ente
    > "Minuto secondo (o un secondo s.m., simbolo s ),
    > unità fondamentale di misura dell'intervallo di
    > tempo, storicamente corrispondente alla
    > 86.400ª parte del giorno solare medio,
    > definita attualmente come la durata di
    > 9.192.631.770 periodi della radiazione emessa
    > dall'atomo dell'isotopo 133 del cesio in una
    > transizione energetica
    > specifica.
    >
    > 9.192.631.770 periodi
    > Ci arrivi a capire che è una frequenza?
    > E quindi che un secondo è una frequenza?
    > Ci arrivi a capire che la rotazione terrestre
    > (aka giorno) è un periodo cioè una
    > frequenza?

    Il periodo si misura come tempo, la frequenza è il reciproco del periodo

    Invece non è vero questo:
    frequenza = periodo

    L'affermazione che: 1 secondo = 9.192.631.770 periodi
    significa che la somma di 9.192.631.770 periodi dà un secondo, non che un periodo è una frequenza.
    Piuttosto un periodo di quella radiazione è: 1/9.192.631.770 secondi.

    Fai troppi giochi di parole, per questo ti confondi le idee da solo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: fdbd

    > Piuttosto un periodo di quella radiazione è:
    > 1/9.192.631.770
    > secondi.
    Che guarda caso corrisponde esattamente a 9,192631770 Ghz!
    A bocca aperta
    In altri termini 1 secondo=9.192.631.770 cicli di emissione del cesio!
    oppure a 1/86.400 cicli medi di rotazione terrestre...
    Il "secondo" non esiste se non esiste la frequenza e viceversa!
    Perchè essendo uno il reciproco dell'altro nessuno dei due sarebbe misurabile dato che sono la stessa grandezza fisica!
    del resto sono rapporti (multipli e sottomultipli) della stessa grandezza ovvero il tempo!
    Fattene una ragione!
    non+autenticato
  • - Scritto da: giaguarevol issimevolm ente
    > - Scritto da: fdbd
    >
    > > Piuttosto un periodo di quella radiazione è:
    > > 1/9.192.631.770
    > > secondi.
    > Che guarda caso corrisponde esattamente a
    > 9,192631770
    > Ghz!
    > A bocca aperta
    > In altri termini 1 secondo=9.192.631.770 cicli di
    > emissione del
    > cesio!
    > oppure a 1/86.400 cicli medi di rotazione
    > terrestre...
    > Il "secondo" non esiste se non esiste la
    > frequenza e
    > viceversa!
    > Perchè essendo uno il reciproco dell'altro
    > nessuno dei due sarebbe misurabile dato che sono
    > la stessa grandezza
    > fisica!
    > del resto sono rapporti (multipli e
    > sottomultipli) della stessa grandezza ovvero il
    > tempo!
    > Fattene una ragione!

    Non ce n'è bisogno di farsi una ragione su una cosa che ho io scritto e che tu hai ripetuto.
    Piuttosto dovrò farmi una ragione sul fatto che nel tuo Universo Parallelo
    il tempo si misura in Hz e l'altezza delle note in metri Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: fdbd

    > Non ce n'è bisogno di farsi una ragione su una
    > cosa che ho io scritto e che tu hai
    > ripetuto.
    > Piuttosto dovrò farmi una ragione sul fatto che
    > nel tuo Universo Parallelo
    >
    > il tempo si misura in Hz e l'altezza delle note
    > in metri
    >Occhiolino
    L'universo parallelo è il tuo dove la frequenza è una "altezza" (vorrei sapere di casa è "l'altezza") e si ...mi spiace ma la altezza si misura in metri ... la frequenza... no si misura in tempo!
    e dove il tempo si può misurare senza frequenza!
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    Peccato che non pensi così il "Bureau international des poids et mesures"
    Di cui ti ho riportato (parola per parola) la definizione!
    Ficoso
    non+autenticato
  • L'italia è contagiosa.
    Gli altri dovrebbero vaccinarsi per tempo...
    Anche qui c'è stato un problema, e anche qui già si sapeva e comunque non è così importante (già, non è importante: è fondamentale!).
    non+autenticato