Luca Annunziata

SpaceX completa il terzo lancio da Cape Canaveral

Vettore e capsula riutilizzabili testati con successo. Un lancio che significa molto per le prospettive commerciali e di esplorazione dell'azienda di Elon Musk

Milano - SpaceX si prepara ad andare là dove nessuno è mai giunto prima: il terzo lancio completato con successo di un vettore Falcon e di una capsula Dragon, entrambi destinati a essere "riciclati" in lanci successivi, è stato un successo e ciò dovrebbe garantire ottime prospettive ai piani dell'azienda. Piani fatti di nuovi lanciatori, di un piano di attività commerciale per conto NASA da e verso la Stazione Spaziale Internazionale. E pure, manco a dirlo, di esplorazione del Sistema Solare che - sebbene rinviata - resta una priorità.



Iniziamo dall'attualità. Il lancio della combinazione di un vettore Falcon e di una capsula Dragon, quest'ultima destinata al rifornimento della ISS, è avvenuto con successo dalla piattaforma 39A di Cape Canaveral: dopo un primo rinvio, lo scorso sabato finalmente il Falcon si è alzato in volo e ha spedito in orbita il suo payload, per poi fare ritorno in perfetto assetto e senza incidenti a terra. Il lanciatore con sistema di atterraggio è uno dei punti di forza della tecnologia SpaceX: questo è il terzo lancio di fila, su tre, che si conclude con successo e segna un importante punto di arrivo per la sperimentazione di questo sistema che dovrebbe ridurre i costi di esercizio per le attività spaziali.


Il lancio dalla piattaforma storica, la stessa dalla quale prese il volo l'Apollo 11 che portò Armstrong e Aldrin sulla Luna, costituisce un momento particolarmente significativo in vista di un'altra sperimentazione che SpaceX punta a cominciare a cavallo tra primavera ed estate: dopo Falcon 9 toccherà a Falcon Heavy, la combinazione di 3 vettori Falcon in un solo vettore che se porterà a termine il lancio diventerà il più potente vettore in circolazione ed operante. Con quel tipo di vettore in gioco SpaceX potrà iniziare a pensare ancora più in grande: un singolo lancio potrà portare più peso in orbita o spingere il suo carico più veloce e più lontano.

Ci sono due possibili sviluppi futuri per tutto questo. Innanzi tutto la Dragon 2, seconda versione della capsula da lanciare in cima al Falcon: la seconda versione sarà ovviamente più evoluta e, soprattutto, sarà in grado di trasportare esseri umani a bordo. Per arrivare a questo risultato occorrerà garantire una serie di requisiti di sicurezza, naturalmente, e attraversare una sequenza di verifiche e test che NASA imporrà a SpaceX: il supporto e il confronto con l'agenzia spaziale statunitense saranno preziosi per accelerare il processo di sviluppo, in vista di quello che - dopo aver traghettato merci e astronauti da e verso la Stazione Spaziale - sarà il prossimo obiettivo di SpaceX.

Elon Musk e compagni continuano a puntare a Marte: spedire una sonda, una capsula e potenzialmente anche esseri umani sul Pianeta Rosso era un progetto in programma per il 2018, ma ora dall'azienda fanno sapere che tutto subirà un rinvio. L'attenzione è focalizzata su Falcon Heavy e Dragon 2, dunque meglio prendersi tempo per fare le cose per bene: il lancio verso Marte è stato riprogrammato per il 2020, ci sarà più tempo per progettare e perfezionare il sistema di atterraggio (anzi, di ammartaggio) che nel caso di SpaceX prevederà un sistema a reazione che farà adagiare la capsula dolcemente sul suolo marziano.



Luca Annunziata
1 Commenti alla Notizia SpaceX completa il terzo lancio da Cape Canaveral
Ordina