Project Jacquard, veramente indossabile

Dopo gli annunci degli scorsi anni, Google e Levi's mostrano la prima giacca con tessuto senziente frutto della loro collaborazione

Roma - Google e Levìs hanno presentato al pubblico Levìs Commuter Trucker Jacket, capo di abbigliamento che permette di controllare le app dello smartphone (come ad esempio le mappe e la musica) interagendo con la manica, anche mentre si è in bicicletta o in altre situazioni in cui lo smartphone è difficile da utilizzare.

Giacca Levis Commuter Trucker

Durante l'evento SXSW che si sta tenendo ad Austin in questi giorni, Google e Levìs hanno svelato che il nuovo capo d'abbigliamento interattivo avrà un prezzo di 350 dollari, e sarà nei negozi per la stagione autunnale.


Il nuovo prodotto a marchio Levìs parte dalla collaborazione con il Project Jacquard di Google, iniziativa in corso da anni in seno a Google ATAP: l'obiettivo è l'interazione tramite il tocco e i gesti con le fibre tessili comunemente utilizzate per i vestiti, realizzata con l'integrazione di speciali fibre composte da leghe metalliche che conducono elettricità. Queste sono in grado di recepire l'input dell'utente sotto forma di gesture personalizzabili, eseguite direttamente sul capo e trasmesse via Bluetooth all'app messa a punto per interpretarle e impartire ordini allo smartphone collegato. Fra la possibilità offerte dall'indumento c'è la gestione delle chiamate e l'avviso per la ricezione di messaggi, comunicati con una leggera vibrazione trasmessa al polso, la fruizione delle playlist musicali, il controllo dell'ora, l'ottenimento di indicazioni stradali.
I tessuti risultanti sono indistinguibili da quelli tradizionali, confermano coloro che hanno effettuato le prime prove, e il sistema necessario per la connettività è miniaturizzato in dispositivi estraibili (sia per essere ricaricati che per il lavaggio del capo).
La durata della batteria dichiarata è di due giorni, e il dispositivo può essere facilmente estratto e caricato via USB, azione necessaria anche per poter lavare il capo.



Fin da principio, lo scopo dell'interfaccia Jacquard è quello di rendere più naturale l'interazione con servizi, prodotti e applicazioni, permettendo a designer e creativi di aumentare le potenzialità di vestiti e arredamenti che contengono fibre tessili, attraverso funzioni smart.
L'invisibilità e la facilità di integrazione di soluzioni come Project Jacquard potrebbero contribuire a incentivare il trend di crescita delle tecnologie indossabili, che cercheranno di rendersi sempre più utili nella vita di tutti i giorni.

Valerio Callegaro

Fonte immagine
Notizie collegate
  • TecnologiaGoogle I/O, non c'è solo Android Wear 2.0Nuova major realease per la variante dell'OS destinata agli smartwatch. Che diventano quasi indipendenti dallo smartphone. Ma è solo il primo passo per il wearable di Mountain View
  • BusinessIDC: i wearable continuano a crescereIDC propone i dati di vendita dei dispositivi indossabili riguardanti l'ultimo trimestre del 2016. FitBit si aggiudica ancora una volta il gradino più alto del podio, seguito a ruota da una promettente Xiaomi
  • TecnologiaGoogle ATAP, dalle interfacce alla sicurezzaI tessuti senzienti di Project Jacquard e gli input gestuali di Project Soli, la microSD per blindare la propria vita digitale e l'autenticazione multimodale: ecco ciò che bolle in pentola presso la divisione di Google incaricata di costruire il futuro
2 Commenti alla Notizia Project Jacquard, veramente indossabile
Ordina