Thomson forgia MP3 con lucchetto

Per lucrare sul più diffuso formato audio digitale, Thomson lancia una tecnologia DRM che potrà essere utilizzata da major e distributori per blindare i file MP3. A chi interessa?

Thomson forgia MP3 con lucchettoRoma - Dopo il completo fiasco del formato MP3Pro, che nelle speranze di Thomson Multimedia avrebbe dovuto succedere al popolarissimo predecessore, la casa francese sta nuovamente tentando di spremere la sua vecchia gallina dalle uova d'oro, il formato MP3, affiancandole una tecnologia anti-copia.

Come ogni altro sistema di digital rights management (DRM), quello di Thomson consentirà ai proprietari della musica di stabilire come e quante volte una canzone può essere copiata. Gli MP3 col lucchetto, ad esempio, non potranno essere trasferiti da un PC all'altro né condivisi con altri utenti, inoltre saranno riproducibili solo con i player che supportano il DRM.

Attraverso il suo nuovo formato MP3 protetto, la società europea intende corteggiare le case discografiche e quelle aziende che, in tempi recenti, hanno dato vita al mercato della distribuzione legale di musica via Internet. Ma il compito, secondo gli analisti, potrebbe rivelarsi assai arduo, se non addirittura impossibile.
Affiancare al termine MP3 il concetto di protezione dalla copia appare a molti come una stonatura, o persino un paradosso. Il formato MP3 è ormai diventato sinonimo stesso di file-sharing, di libera copia, e nel panorama della musica digitale rappresenta una sorta di "lingua franca". Oggi la tecnologia MP3 appare superata se confrontata con quella dei più recenti formati audio, e tuttavia la stragrande maggioranza dei file di musica che vengono scambiati su Internet portano ancora la familiare estensione ".mp3".

"MP3 è un brand che il consumatore medio si aspetta di trovare in un servizio di musica", ha affermato Rocky Caldwell, director of technology marketing, patents and licensing di Thomson, confermando dunque la volontà della propria azienda di fare soprattutto leva sulla popolarità del formato MP3 per veicolare sul mercato il proprio sistema anti-copia.

All'epoca del debutto del nuovo formato MP3Pro la stessa Thomson, per agevolarne al massimo la diffusione, si guardò bene dall'includere nel suo nuovo pargolo la benché minima traccia di lucchetti o museruole digitali. Ora che però il suo obiettivo è fallito, e il formato MP3Pro ha mancato di farle generare profitti attraverso la vendita di licenze ai produttori di player, Thomson ha deciso di cambiare strategia e cercare innanzitutto l'appoggio dell'industria discografica offrendole, seppure con grande ritardo, le briglie attraverso cui poter controllare anche lo storico formato "ribelle".

Se gli utenti potrebbero nutrire ben poca simpatia verso i file MP3 blindati, che sarebbero fra l'altro all'apparenza indistinguibili da quelli tradizionali, gli analisti non sembrano pronosticarne un'accoglienza migliore nell'industria discografica. L'MP3 con lucchetto, che per via del DRM ha perso anche la compatibilità con i player meno recenti, non sembra offrire nulla in più dei formati protetti già in circolazione, come quelli di Microsoft, Apple e RealNetworks.

Il formato MP3, sviluppato dalla società tedesca Fraunhofer IIS, ha fatto il suo debutto ufficiale nel lontano 1993 come componente dello standard MPEG. Da diversi anni Thomson possiede i diritti di sfruttamento intellettuale del formato MP3 e raccoglie royalty da tutti i produttori di dispositivi o di programmi in grado di codificare o decodificare i file MP3.
TAG: p2p
36 Commenti alla Notizia Thomson forgia MP3 con lucchetto
Ordina
  • sì a me interessa vederli mentre falliscono Sorride
    non+autenticato
  • Ma come e` possibile fare un qualcosa del genere al di fuori di un sistema operativo che lo supporta? (Per favore non lanciarsi in invettive contro Longhorn e simili, cerco una risposta, non un flame!). Non vedo modo di limitare in maniera efficace il numero di copie totali... anche perche` una volta che masterizzo o converto in altro formato un pezzo protetto voglio vedere come mi si permette di farne altre copie! E impedirmi di masterizzare un file non e` concepibile al di fuori di un sistema operativo che lo impedisca...


  • - Scritto da: Bejelit
    > Ma come e` possibile fare un qualcosa del
    > genere al di fuori di un sistema operativo
    > che lo supporta? (Per favore non lanciarsi
    anche in user mode dovrebbe essere possibile con un meccanismo di cifratura asimmetrica, ma penso che si crakkerebbe in poco tempo, (il problema è che la chiave privata anche se ben nascosta nel player non possono non dartela), l'ideale sarebbe la ciave in una smartcard
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > anche in user mode dovrebbe essere possibile
    > con un meccanismo di cifratura asimmetrica,
    [cut]
    > (il problema è che la chiave privata
    > anche se ben nascosta nel player non possono
    > non dartela),

    Mi sa che non sai come funziona bene gpg e simili. Loro firmano gli mp3 con la chiave privata e il player ha solo le chiavi pubbliche e verifica che siano stati firmati correttamente.
    non+autenticato
  • potrebbe essere un sistema che crea una chiave asimmetrica in parte random ed in parte basata sui parametri fisici del tuo pc li cripti e poi li mandi ad un player portatile con un programma apposito che farebbe due cose
    1 copiare i file musicali
    2 copiare l'altra chiave (quella per decriptarli) che l'hardware del player userà per suonarli
    in questo modo anche copiando brutalmente tutto il contenuto della memoria del player portatile si avrebbero dei file inutilizzabili per la musica e un file chiave con cui farci ben poco perchè forzarlo occorrerebbe troppo tempo...


    saluti
    non+autenticato
  • Chi compra vota, diceva Beppe Grillo.
    Allora io la mia scelta l'ho fatta, versando la mia umile manciata di euro alle casse di Xiphophorous Foundation, il cui bellissimo slogan è:
    "Protecting essential media tenets from corporate hostage-taking".
    (per chi è vissuto su Marte si tratta della fondazione ombrello ai progetti Ogg, IceCast, Speex, FLAC, Vorbis, Theora, etc.)

    La vita tira avanti anche con la capacità tutta infantile di sognare che possa esistere un mondo migliore. Non necessariamente pirata, soltanto migliore.

    Ho comperato in passato un bellissimo televisore Thomson usato, e sono ancora convinto che in quel settore sia un brand con qualcosa da dire. Ho smesso di essere cliente Thomson quando ha convertito le policies di MP3. E così facendo ho votato.

    Cabina 3, prego si accomodi!
    non+autenticato
  • Anonimo wrote:
    > [...] versando la mia umile manciata di euro alle casse di
    > Xiphophorous Foundation [...]

    E' un vero peccato ke i lettori portatili per Vorbis non li vendano in Italia... e _mi pare_ non si possano nemmeno far importare. In lacrime
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > E' un vero peccato ke i lettori portatili
    > per Vorbis non li vendano in Italia... e _mi
    > pare_ non si possano nemmeno far importare.
    > In lacrime

    Siamo nel Villaggio Globale: importalo da te... Occhiolino

    http://search-desc.ebay.com/search/search.dll?quer...=

  • Tempo fa c'era una petizione online per spingere la Creative a supportare Ogg Vorbis nel MuVo, io l'ho sottoscritta, ma sinceramente credo che sia interesse di Creative NON supportare un formato che potrebbe capitarle tra capo e collo quando qualcuno dovesse vantare diritti pregressi su questa o quell'idea alla base dell'algoritmo.
    Meglio WMA, che se qualcuno alzerà un dito dovrà vedersela con MS mentre Creative se ne laverà le mani!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Tempo fa c'era una petizione online per
    > spingere la Creative a supportare Ogg Vorbis
    > nel MuVo, io l'ho sottoscritta, ma
    > sinceramente credo che sia interesse di
    > Creative NON supportare un formato che
    > potrebbe capitarle tra capo e collo quando
    > qualcuno dovesse vantare diritti pregressi
    > su questa o quell'idea alla base
    > dell'algoritmo.
    > Meglio WMA, che se qualcuno alzerà un
    > dito dovrà vedersela con MS mentre
    > Creative se ne laverà le mani!

    in realtà ci sono motivazioni tecniche per il quale il supporto a OGG è da pochi offerto.
    il decoder OGG hw richiede un certo quantitativo di sdram, e non tutti i lettori ne posseggono. Inoltre è molto esoso in termini di calcoli, e quindi, di consumi (2 volte l'mp3)

  • > in realtà ci sono motivazioni
    > tecniche per il quale il supporto a OGG
    > è da pochi offerto.
    > il decoder OGG hw richiede un certo
    > quantitativo di sdram, e non tutti i lettori
    > ne posseggono. Inoltre è molto esoso
    > in termini di calcoli, e quindi, di consumi
    > (2 volte l'mp3)

    Diciamo che ERA. Tremor, il codec integer di OGG e' in sviluppo, e migliora di giorno in giorno.

    Ci sono gia' diversi lettori che supportano OGG, per inciso.

    Vedi Karma, iRiver, Neuros... ma in italia siamo un mercato insignificante: in america i lettori senza hard disk quasi non si vendono piu'... e costano pure molto meno che da noi...

    Ciao, Renato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > in realtà ci sono motivazioni
    > > tecniche per il quale il supporto a OGG
    > > è da pochi offerto.
    > > il decoder OGG hw richiede un certo
    > > quantitativo di sdram, e non tutti i
    > lettori
    > > ne posseggono. Inoltre è molto
    > esoso
    > > in termini di calcoli, e quindi, di
    > consumi
    > > (2 volte l'mp3)
    >
    > Diciamo che ERA. Tremor, il codec integer di
    > OGG e' in sviluppo, e migliora di giorno in
    > giorno.
    >
    > Ci sono gia' diversi lettori che supportano
    > OGG, per inciso.
    >
    > Vedi Karma, iRiver, Neuros... ma in italia
    > siamo un mercato insignificante: in america
    > i lettori senza hard disk quasi non si
    > vendono piu'... e costano pure molto meno
    > che da noi...
    >
    > Ciao, Renato

    per l'appunto, nei lettori iRiver usare formato ogg significa ridurre l'autonomia del lettore della metà esatta.

  • - Scritto da: avvelenato
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Tempo fa c'era una petizione online per
    > > spingere la Creative a supportare Ogg
    > Vorbis
    > > nel MuVo, io l'ho sottoscritta, ma
    > > sinceramente credo che sia interesse di
    > > Creative NON supportare un formato che
    > > potrebbe capitarle tra capo e collo
    > quando
    > > qualcuno dovesse vantare diritti
    > pregressi
    > > su questa o quell'idea alla base
    > > dell'algoritmo.
    > > Meglio WMA, che se qualcuno
    > alzerà un
    > > dito dovrà vedersela con MS
    > mentre
    > > Creative se ne laverà le mani!
    >
    > in realtà ci sono motivazioni
    > tecniche per il quale il supporto a OGG
    > è da pochi offerto.
    > il decoder OGG hw richiede un certo
    > quantitativo di sdram, e non tutti i lettori
    > ne posseggono. Inoltre è molto esoso
    > in termini di calcoli, e quindi, di consumi
    > (2 volte l'mp3)
    >

    se l'ogg è un mezzo fallimento l'mp3 è la + grande cacca mai esistita...

    e quando parlo di mp3 parlo di lame non della m***a thomson..

    X codificare l'audio io uso solo lame o ogg..... l'ogg a livello di dimensione finale è pari a quella dell'mp3 pro, ma la rikiesta di risorse hw è inferiore a quest'ultimo.... ed in con l'ogg quando sali in bitrate (>128) non esiste codec che si possa definire migliore....A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > se l'ogg è un mezzo fallimento l'mp3
    > è la + grande cacca mai esistita...
    >
    > e quando parlo di mp3 parlo di lame non
    > della m***a thomson..
    >
    > X codificare l'audio io uso solo lame o
    > ogg..... l'ogg a livello di dimensione
    > finale è pari a quella dell'mp3 pro,
    > ma la rikiesta di risorse hw è
    > inferiore a quest'ultimo.... ed in con l'ogg
    > quando sali in bitrate (>128) non esiste
    > codec che si possa definire migliore....A bocca aperta

    mi spiace, ma l'mp3 invece è un successo, pur essendo tecnicamente inferiore.
    l'ogg è difficile da implementare via hw.
    e qualitativamente di meglio, c'è l'mpc e l'aac.
  • utenti! non accettate mai files con il DRM, neanche se ve li regalano! sporcano l'acqua pulita dei files.

    programmatori: create programmi che fanno scan-detect di mp3 con il DRM e li ESCLUDONO automaticamente dal filesharing PREVENTIVAMENTE oppure degli scanner separati, che permettano lo spostamento in una directory, per esempio





    ragazzini, lo sapete vero che WMA è anche lui caratterizzato dalla presenza di DRM vero?
    non+autenticato
  • > ragazzini, lo sapete vero che WMA è
    > anche lui caratterizzato dalla presenza di
    > DRM vero?

    Ma no... davvero???A bocca aperta Che ti aspetti da un formato sviluppato da microsoft... anche i suoi software soffrono del DRM...
  • AAC, MPC, OGG

    ricordate che non ci sono solo formati ultracommerciali



    ricordate anche che mp3pro è ok solo AI BASSI BITRATE!!!! quindi per favore smettetela di codificare in mp3pro (con nero, ad esempio) per poi condividere .... si condivide alla MASSIMA qualità - altrimenti fateveli per voi!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > AAC, MPC, OGG
    >
    > ricordate che non ci sono solo formati
    > ultracommerciali
    >
    >
    >
    > ricordate anche che mp3pro è ok solo
    > AI BASSI BITRATE!!!! quindi per favore
    > smettetela di codificare in mp3pro (con
    > nero, ad esempio) per poi condividere ....
    > si condivide alla MASSIMA qualità -
    > altrimenti fateveli per voi!

    massima qualità, esagerato.
    diciamo un bitrate decente (170vbr)
    non siamo in jappolandia con le linee a 45mbps a 9?/mese... la maggior parte tira avanti col 56k... bisogna scendere a compromessi..
    e alla fine se le cose t'interessano proprio te le compri.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 02/03/2004 9.46.12
  • - Scritto da: avvelenato
    > - Scritto da: Anonimo

    > massima qualità, esagerato.
    > diciamo un bitrate decente (170vbr)

    Spero tu stia parlando di AAC o MPC perche' un mp3 abr 170 e' proprio scarso per il mio impianto
    non+autenticato
  • Anonimo wrote:
    > AAC [...]
    > ricordate che non ci sono solo formati ultracommerciali

    Calma... ancora per poco.Occhiolino
    ___

    Semi-OT
    Ieri Amorim ha rilasciato il risultato del suo ultimo (in tutti i sensoTriste) listening test sugli encoder AAC:
    http://www.rjamorim.com/test/aac128v2/results.html
    http://www.rjamorim.com/test/aac128v2/plot12z.png

    Purtroppo non e' diretamente comparabile con quello della volta scorsa, dato ke questa volta molti encoder son stati fatti funzionare in VBR.

    Il ke la dice lunga sulla qualita' di iTunes/QuickTime, limitato invece al CBR...
    E' appena diventato l' unico prodotto della casa di Cupertino ke apprezzi senza "se" e senza "ma"!A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)