Alfonso Maruccia

Telegram, update pieno di novità

La popolare app di messaggistica sicura si aggiorna con una nuova release particolarmente ghiotta di nuove funzionalità, mentre nella madrepatria russa si prospetta il blocco del servizio a opera delle autorità

Roma - Telegram è arrivato alla versione 4.0, nuova major release di uno dei servizi di messaggistica istantanea "sicura" più popolari che intende offrire funzionalità sempre più versatili ai suoi utenti. Alle chat testuali si aggiungono ora quelle video con tanto di cloud storage, così come vengono previste nuove opportunità di business sia per le aziende telematiche che per gli utenti consumer.


Come sottolineato anche dal blog ufficiale, le principali novità di Telegram 4.0 includono prima di tutto i messaggi video: gli utenti potranno attivare l'icona del microfono per passare in "modalità videocamera" e poi tenere premuto per registrare clip veloci, oppure scorrere con il dito verso l'alto per registrare senza mani; è prevista la possibilità di catturare note solo audio, così come il salvataggio di messaggi video accessibili dai canali di chat pubblici grazie alla nuova piattaforma Telesco.pe.

Con Telegram 4.0 - disponibile prima di tutto su Android e iOS - arrivano poi i pagamenti per i bot, con gli esercenti telematici che potranno interagire con gli utenti e accettare transazioni finanziarie per ordinare pizze, acquistare vestiti e forse in futuro - specula Telegram - anche pagare le bollette per le forniture domestiche.
L'ultima novità di peso della nuova release di Telegram, infine, riguarda la piattaforma Instant View tramite la quale sarà possibile "formattare" gli articoli per il Web e renderli accessibili in maniera ottimizzata sulla piattaforma di IM. Si tratta in sostanza di un servizio concorrente degli articoli istantanei di Facebook e di Google AMP, con Telegram impegnata a promuovere la nuova possibilità con un sostanzioso premio in denaro (200.000 dollari) a chi sarà in grado di aprire le porte di Instant View all'intero Web.

Telegram 4.0 si dà parecchio da fare per andare oltre il "semplice" mondo della messaggistica testuale tra chat private, anche se la vocazione alla sicurezza delle comunicazioni dovrebbe continuare a rappresentare il focus della società sviluppatrice. Poco importa che Telegram rischi di finire al bando proprio in Russia, Paese che ha dato i natali al creatore del servizio (Pavel Durov) e che si è dotato di leggi particolarmente severe quando si tratta di fornire alle autorità l'accesso ai dati degli utenti.

Alfonso Maruccia

fonte immagine
Notizie collegate
5 Commenti alla Notizia Telegram, update pieno di novità
Ordina