Claudio Tamburrino

Apple Pay, contestata la violazione di 13 brevetti

La startup Universal Secure Registry denuncia Cupertino e Visa per violazione di proprietÓ intellettuale. Al centro del contendere la crittografia del sistema che da pochi giorni ha fatto il suo esordio anche in Italia

Roma - Quasi in concomitanza con lo sbarco in Italia di Apple Pay, Cupertino si ritrova ad aver a che fare con accuse di violazione di proprietà intellettuale legata alla tecnologia alla base del suo funzionamento.

Il servizio, che è arrivato sul mercato italiano la settimana scorsa anche se al momento con l'integrazione di poche banche e carte di redito (e con solo Unicredit tra i grandi istituti), è il metodo di pagamento mobile messo a disposizione da Apple tramite app e conferma con Touch ID.

A denunciare Apple e il suo partner Visa è una piccola startup con base a Boston specializzata in crittografia, Universal Secure Registry, che ha presentato la sua denuncia presso la Corte distrettuale del Delaware.
Secondo l'accusa il suo CEO Kenneth P. Weiss, inventore tra l'altro della tecnologia crittografica RSA SecurID, avrebbe ottenuto 13 brevetti relativi a sistemi di autenticazione biometrici per smartphone, basati su impronte digiali e token usa e getta per condurre transazioni finanziarie.

Secondo quanto si legge nella denuncia, Weiss avrebbe anche incontrato nel 2010 dirigenti di Visa per parlare di una possibile collaborazione proprio sul fronte di tale tecnologia: in quell'occasione era stato firmato un accordo di riservatezza per consentire a Visa l'accesso alla tecnologia di Universal Secure Registry. Tutto questo non aveva tuttavia portato alla formalizzazione di un rapporto e da allora Weiss aveva contattato anche Apple per cercare di offrire la sua tecnologia in licenza (non ricevendo mai risposta). Tre anni dopo, Visa ha iniziato a lavorare con Cupertino, arrivando a far esordire Apple Pay nel 2014.

Apple e Visa non hanno al momento commentato l'accusa, che afferma di voler trovare un accordo, ma di aver agito innanzitutto con la denuncia su suggerimento dei propri legali. Il caso di specie, visto il curriculum e quanto affermato da Weiss, si discosterebbe in ogni caso dalle temerarie denunce avanzate dai cosiddetti patent troll, le cosiddette entità non praticanti che fanno della ricerca di roylaty a seguito di denunce presentate a tappeto sulla base del proprio portafoglio brevettuale il proprio business.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessImagination e Apple alle porte del tribunaleFallito il tentativo di accordo, le due aziende si preparano a una contesa legale sempre pi¨ probabile: Imagination gioca la carta della risoluzione del contratto prima di rivolgersi alla giustizia. Nel mentre, tra Qualcomm e Cupertino si combatte a suon di royalty
  • BusinessPatent troll, attacco ad Apple passando per NokiaAcacia torna alla carica contro Cupertino chiamando in causa la violazione di brevetti ottenuti da Nokia per essere sfruttati in tribunale. Apple aveva denunciato la finlandese proprio per la collaborazione con entitÓ non praticanti
  • BusinessQualcomm al contrattacco: tutte le accuse per AppleApple e Samsung, secondo il chipmaker, avrebbero attaccato solo per non pagare il giusto prezzo per le sue tecnologie. Una questione di definizione di condizioni FRAND. E di rapporti commerciali
7 Commenti alla Notizia Apple Pay, contestata la violazione di 13 brevetti
Ordina
  • ma come ancora che nessuno che commenta la notizia ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: bugiardino
    > ma come ancora che nessuno che commenta la
    > notizia
    > ?

    Che cosa c'e' da commentare?
    Apple che non paga per utilizzare le innovazioni tecnologiche fatte da altri sarebbe una notizia?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: bugiardino
    > > ma come ancora che nessuno che commenta la
    > > notizia
    > > ?
    >
    > Che cosa c'e' da commentare?
    > Apple che non paga per utilizzare le innovazioni
    > tecnologiche fatte da altri sarebbe una
    > notizia?

    No dai, i brevetti software sono palta da qualunque parte provengano. Anch'io provo una certa soddisfazione a vedere Apple che prende un po' di quelle bastonate che da sempre tira molto volentieri agli altri, ma il sistema è proprio sbagliato.
    Izio01
    4674
  • ╚ il sistema che premia i primi e quelli con più soldi...
    Vedremo come evolverà con Apple...
    iRoby
    9694
  • - Scritto da: Izio01

    > > Che cosa c'e' da commentare?
    > > Apple che non paga per utilizzare le innovazioni
    > > tecnologiche fatte da altri sarebbe una
    > > notizia?
    >
    Sai leggere? Forse Apple si è beccata la causa, ma in questo caso sono stati quelli della VISA a raccogliere le informazioni sul brevetto, sono loro che devono spiegare perchè poi li hanno ignorati.


    > No dai, i brevetti software sono palta da
    > qualunque parte provengano. Anch'io provo una
    > certa soddisfazione a vedere Apple che prende un
    > po' di quelle bastonate che da sempre tira molto
    > volentieri agli altri, ma il sistema è proprio
    > sbagliato.

    Ammetto che non so quanto seri siano questi brevetti. Ma se fai una riunione dove ti mostrano le loro soluzioni e ci metti la firma sopra poi se non vuoi fare un accordo almeno dovresti spiegare perchè. Pensavano che non fosse un'idea brevettabile? Avevano già implementato la stessa idea?
    Vediamo che dicono ora.
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > Apple che non paga per utilizzare le innovazioni
    > tecnologiche fatte da altri sarebbe una
    > notizia?

    Che é quello che fai tu da una vita ma a te nessuno ti si caca.

    Sei solo geloso. A bocca aperta
    non+autenticato
  • Perché è palesemente sbagliata: Apple inventa, non copia.

    Pensa ad esempio all'acqua calda. Chi credi che l'abbia inventata?
    E pensa alla vita prima della invenzione delle mutande! Pensa ai nostri nonni che tirando su la zip... zak! prendevano dentro i gioielli di famiglia! Dolore! Poveretti...

    Per fortuna che Apple c'è!
    non+autenticato