Via dà battaglia ai Celeron

Il primo processore di Via sarà Joshua e si posizionerà nella stessa fascia di mercato dei Celeron di Intel

Los Angeles (USA) - E ' ufficiale: sarà Joshua il processore che, come già anticipato, andrà a combattere con i Celeron di Intel situandosi nella stessa fascia di mercato.

A produrlo è Via che, come si ricorderà, è divenuta, grazie all'acquisto di Cyrix da parte di National Semiconductor http://www.national.com]] avvenuto alcuni mesi fa, il "terzo incomodo" nella furente lotta dei microprocessori. Il gioco ritorna quindi a tre e questo non può che far ulteriormente bene alle tasche dei consumatori.

Maggiori dettagli forniti in questi ultimi giorni fanno sapere che Joshua uscirà a Gennaio, girerà alle frequenze di clock di 433, 466 e 500 MHz, integrerà 256 KB di cache L2 e, cosa assai interessante, utilizzerà le stesse schede a circuiti stampati dei Celeron.
Joshua, sviluppato intorno al progetto Cayenne ereditato da Cyrix al momento della sua acquisizione, sarà seguito, verso la seconda metà del prossimo anno, da una nuova generazione di processori sviluppati a partire da un'idea di Cyrix ed
.

Via, come ha affermato il suo direttore esecutivo Wen Chi Chen, è una società nettamente più piccola dei suoi avversari, ma questo potrebbe trasformarsi in un pregio e consentirle di muoversi con più agilità e flessibilità su di un mercato in continua evoluzione. Oltre a ciò, come sostengono anche alcuni analisti, non bisogna dimenticare che Via è anche uno dei principali produttori di chipset e fa parte di un gruppo di società che producono piastre madri ed altri componenti per PC: tutti fattori, questi, che possono agevolare non poco l'entrata sul mercato dei microprocessori di Via.

Il futuro si presenta quindi assai interessante.