Alfonso Maruccia

Intel, presto i test delle auto robotiche

Santa Clara annuncia i piani futuri per i veicoli a guida autonoma, una tecnologia dalle potenzialità economiche significative ma che necessita di test e prove su strada - per i potenziali acquirenti ma anche per Intel stessa.

Roma - Al pari degli altri colossi dell'hi-tech come Google e Apple, anche Intel è da tempo impegnata a trasformare le promesse della guida autonoma in realtà concrete da vendere sul mercato. Come già per Apple, anche per Intel il business delle auto robotiche del prossimo futuro si declinerà soprattutto nella realizzazione di una "piattaforma" tecnologica da rivendere poi ai produttori automobilistici propriamente detti.

La corporation di Santa Clara ha fin qui investito una cifra non meglio precisata - ma molto consistente - per l'acquisizione di Mobileye, fornitore di apparati informatici alle suddette compagnie automobilistiche la cui attività è stata ora pienamente integrata nella struttura aziendale di Intel.

Il primo frutto di tale integrazione si concretizzerà entro la fine dell'anno, quando Chipzilla dovrebbe far partire i primi modelli di auto a guida autonoma totalmente indipendenti (livello 4 di funzionalità SAE) per i test su strada negli USA, in Israele - paese di origine di Mobileye - e in territori europei fin qui ignoti.

A regime le auto autonome L4 di Intel in circolazione dovrebbero essere 100, una vera e propria flotta di veicoli ad altissimo contenuto tecnologico che avranno il compito di testare gli apparati di sensori, la IA per il riconoscimento degli ostacoli e tutti gli altri componenti indispensabili a gestire un'auto robotica.
Intel sfrutterà la nuova flotta per testare sul campo la sua piattaforma di guida autonoma, certo, ma le automobili L4 partite dai suoi garage dovranno servire anche da veicolo pubblicitario per presentare e augurabilmente "vendere" la piattaforma hi-tech ai produttori automobilistici potenzialmente interessati alla sua adozione.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessIntel, 15 miliardi per l'automotiveConcluso l'accordo di acquisto di Mobileye. Se la SEC darà il suo placet anche il produttore di chip accelererà sulle tecnologie per le auto a guida autonoma
  • AttualitàApple Car, Tim Cook svela il segretoIl CEO della corporation di Cupertino conferma quello che già sanno tutti, vale a dire che Apple è interessata all'automotive ed è al lavoro su un progetto correlato. È la più grande sfida moderna per la IA, dice Cook
6 Commenti alla Notizia Intel, presto i test delle auto robotiche
Ordina
  • penso ed e meglio che non vi dico cosa penso.
    non+autenticato
  • Tra un decennio non vi saranno più veicoli con autonomia superiore ai 200Km, non sarà possibile "fare il pieno" "in segreto" per proseguire la marcia, non sarà manco possibile guidare. Quindi quando la dittatura da soft passerà a hard non solo non ci saran più "i monti" ma manco la possibilità di muoversi, di mangiare (solo grande distribuzione ben staccata dal territorio in maniera che nessuna zona abbia una produzione di cibo completa atta a sfamare i suoi stessi abitanti), di bere (tutti stipati in grandi metropoli dipendenti dall'acqua di rete) di conservare cibi&c (frigoriferi in appartamenti, non alimentabili con fonti energetiche "libere"/"personali") ecc.

    Ah, ovviamente è una teoria del complotto perché se non c'è qualcuno in segrete stanze non può avvenire come naturale evoluzione d'un sistema insostenibile, i migliori film del momento docet.
    non+autenticato