Alfonso Maruccia

IFA 2017/ Huawei, nuovo chip con IA incorporata

Il produttore cinese ha svelato una piattaforma mobile di nuova generazione tutta multi-core e intelligenza artificiale, un chip destinato a debuttare sul nuovo terminale Mate in arrivo nei prossimi mesi

Roma - L'hype mainstream per le promesse dell'intelligenza artificiale non conosce riposo, e anche Huawei ha ribadito l'intenzione di voler essere della partita presentando una nuova piattaforma tecnologica per i gadget mobile di nuova generazione. Che saranno ovviamente più "intelligenti" e in grado di "capire" il loro proprietario, assicura la corporation.

Il management di Huawei era all'IFA di Berlino per svelare Kirin 970, chip SoC progettato come base dei nuovi smartphone del terzo produttore mondiale di settore equipaggiato con una CPU ARM a 8 core e una GPU a 12 core. Realizzato con processo produttivo a 10 nanometri, Kirin 970 è secondo Huawei 25 volte più performante e 50 volte più efficiente nei consumi energetici rispetto a un cluster di CPU Cortex-A73 "liscio".


CPU e GPU a parte, tra i 5,5 miliardi di transistor di Kirin 970 si nasconde una Neural Processing Unit (NPU) con un design custom, una unità di calcolo realizzata allo scopo di velocizzare l'esecuzione degli algoritmi di intelligenza artificiale in locale, senza la necessità di ricorrere ai server esterni del cloud computing.
Grazie alla sua NPU, Kirin 970 sarà in grado di incrementare sensibilmente l'efficienza di operazioni complesse come il riconoscimento di immagini e voce o la "fotografia intelligente", sostiene Huawei, riuscendo per giunta a risparmiare sui consumi e quindi a migliorare la durata della batteria del terminale.


Huawei non è ovviamente l'unica corporation interessata alle applicazioni commerciali della IA in ambito mobile, e anche per il nuovo iPhone di Apple si parla di una unità computazionale dedicata integrata nel SoC A11. Il colosso cinese intende diventare il primo produttore al mondo di smartphone, e la IA è apparentemente la strada scelta per dare battaglia a Apple e Samsung nel perseguimento dell'obiettivo. Il primo contatto pratico con Kirin 970 e la sua NPU avverrà il prossimo 16 ottobre, data in cui Huawei presenterà il nuovo Mate 10 durante un evento organizzato a Zurigo.

Alfonso Maruccia

Fonte immagini: 1, 2
Notizie collegate
  • TecnologiaHuawei Mate 9 si sdoppiaTelefonino.net è volato a Monaco per il lancio del nuovo smartphone ammiraglia. Doppio annuncio in Baviera, con la collaborazione di Porsche Design per il modello più esclusivo
4 Commenti alla Notizia IFA 2017/ Huawei, nuovo chip con IA incorporata
Ordina
  • Io per "vera" IA incorporata e suo chip intendo una IA che funziona perfettamente senza doversi collegare ad internet ed ai suoi server, completamente offline (tranne quando deve cercare qualcosa che gli ho detto su internet e l'ho detto io di cercare).
    Fino ad allora non saranno vere IA e le disattivo sempre.
    non+autenticato
  • > Fino ad allora non saranno vere IA e le disattivo
    > sempre.


    anche lei è vera

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mao99
    > Io per "vera" IA incorporata e suo chip intendo
    > una IA che funziona perfettamente senza doversi
    > collegare ad internet ed ai suoi server,
    > completamente offline (tranne quando deve cercare
    > qualcosa che gli ho detto su internet e l'ho
    > detto io di
    > cercare).
    > Fino ad allora non saranno vere IA e le disattivo
    > sempre.
    Allora dovresti disattivare anche il tuo cervello.
    Senza ossigeno, luce, acqua, stimoli, emozioni, senzazioni e quant'altro, non sarà mai offline ma sempre connesso col resto del mondo.
    Non esiste un intelligenza autonoma, c'è sempre bisogno di riscontri esterni per "ragionare"...
    non+autenticato
  • - Scritto da: azz
    > - Scritto da: Mao99
    > > Io per "vera" IA incorporata e suo chip intendo
    > > una IA che funziona perfettamente senza doversi
    > > collegare ad internet ed ai suoi server,
    > > completamente offline (tranne quando deve
    > cercare
    > > qualcosa che gli ho detto su internet e l'ho
    > > detto io di
    > > cercare).
    > > Fino ad allora non saranno vere IA e le
    > disattivo
    > > sempre.
    > Allora dovresti disattivare anche il tuo cervello.
    > Senza ossigeno, luce, acqua, stimoli, emozioni,
    > senzazioni e quant'altro, non sarà mai offline ma
    > sempre connesso col resto del
    > mondo.
    > Non esiste un intelligenza autonoma, c'è sempre
    > bisogno di riscontri esterni per
    > "ragionare"...

    l'allenamento di una AI richiede grossi impegni di calcolo, per cui deve essere allenata su hardware specializzato, e anche connesso in rete, perche no. ma dopo deve essere indipendente dalla Rete e funzionare solo sul cellofono, deve poter interagire con me da pari a pari.... beh, non pretendo una intelligenza umana su un cellulare, basterebbe molto meno, per esempio scimpanze, cane, delfino, utente apple... roba cosi, insomma.
    non+autenticato