Claudio Tamburrino

Facebook, maxi risarcimento per far pace con le major

Il social network avrebbe deciso di accordarsi con le etichette discografiche sborsando decine di milioni di dollari. Un obolo valido sia come risarcimento danni per la violazione del copyright messa in atto dagli utenti, sia come mossa strategia per competere con Netflix e Amazon Prime

Roma - Secondo indiscrezioni Facebook sarebbe pronta ad offrire una considerevole quantità di denaro alle etichette discografiche per appianare le controversie che al momento le vedono contrapposte, ottenere il permesso per i propri utenti a utilizzare musica protetta da diritto d'autore per i propri video e avere due anni per introdurre un proprio sistema di identificazione e segnalazione automatica dei contenuti in violazione.

La cifra non è stata ancora chiarita nel dettaglio ma si parla di "centinaia di milioni di dollari": d'altra parte andrebbe a coprire tutti gli utilizzi fatti di contenuti protetti tramite le condivisioni sul social network, che negli ultimi anni si sta imponendo con YouTube come la piattaforma preferita per la visione di video in streaming, e tutti quelli che si faranno almeno nei prossimi due anni.

La decisione di Facebook è il frutto di una negoziazione portata avanti negli ultimi mesi con le etichette discografiche, con la quale il social si è impegnata anche ad adottare un sistema per identificare e segnalare la musica che viola il diritto d'autore: due anni l'orizzonte temporale che serve a Facebook per introdurlo, per questo si è parlato non solo di compensazioni per il passato, ma anche di una possibile soluzione per tutti i prossimi utilizzi.
La cifra di cui si parla adesso, tuttavia, sembra non solo destinata ad appianare una più o meno certa causa legale per la violazione del diritto d'autore messa in atto dagli utenti che postano video sul social network (in parte gonfiata nelle cifra dal momento che si tratta spesso di utilizzi che rientrano nella dottrina statunitense del fair use), ma anche a servire come offerta di pace e collaborazione tesa dal social network ai detentori dei diritti.

Come tra l'altro ha già estensivamente spiegato Zuckerberg, per esempio presentando l'ultima trimestrale, nei prossimi anni i video guideranno il business di Facebook che è determinata a superare YouTube su questo fronte (superando la condivisione di foto e testi) e a incentrare su questi contenuti i propri introiti pubblicitari: fondamentale sarà pertanto la strategia impiegata a migliorarne la qualità fin da subito.

In questo senso il pagamento assumerebbe la forma di un vero e proprio accordo di licenza che permetterebbe, da un lato, agli utenti di continuare a caricare video con colonne sonore note o altri contenuti protetti da diritto d'autore senza il rischio di vederli rimossi e, dall'altro, a Facebook di iniziare a collaborare con le major, soprattutto in vista del lancio di Watch, il nuovo hub dedicato ai video in streaming sul modello di Netflix e Amazon Prime, che punta anche alla produzione di serie originali.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàAnche Facebook sta preparando la sua piattaforma videoIl social network annuncia un nuovo servizio per i "creatori di contenuti", un sistema che somiglia molto a YouTube ed Ŕ similmente programmato per generare utili per gli utenti e - soprattutto - per l'azienda.
  • TecnologiaFacebook, contenuti light e senza fakeIl social in blu giudicherÓ il tempo di caricamento delle pagine per premiare o penalizzare i contenuti nella News Feed. Parallelamente lancia i Related Articles per contrastare il dilagare delle false news
  • Digital LifeYouTube, reindirizzamento anti-odioMesso a punto dalla collaborazione con startup specializzate in sicurezza e antiterrorismo, il Redirect Method aggiunge un tassello importante alla prevenzione di atti estremi e al reclutamento online di nuovi terroristi
2 Commenti alla Notizia Facebook, maxi risarcimento per far pace con le major
Ordina