Claudio Tamburrino

Russiagate, i big dell'IT alzano la posta

Facebook e Twitter aggiungono ulteriori dettagli sulla presunta campagna della Russia a favore di Donald Trump, e sul piatto finiscono anche i dati raccolti da YouTube. In totale, circa metÓ della popolazione USA Ŕ stata esposta a tali influenze

Russiagate, i big dell'IT alzano la postaRoma - Facebook, Twitter e Google sono di nuovo intervenuti sui numeri delle attività illecite che li hanno visti loro malgrado protagonisti dell'ultima campagna presidenziale a stelle e strisce.

La vicenda è quella del cosiddetto Russiagate, che vede il Congresso degli Stati Uniti d'America chiamare i big dell'IT a testimoniare circa la possibile influenza giocata dal Cremlino nelle ultime elezioni politiche anche attraverso la creazione di account sui social network e la condivisione di notizie ad hoc per infuocare il clima politico ed estremizzarlo verso alcuni argomenti e posizioni coincidenti con quelli supportati dall'allora candidato Repubblicano Donald Trump, che sarebbe appunto stato poi eletto come 45esimo presidente degli Stati Uniti d'America.

Già a inizio novembre Facebook e Twitter si erano incontrati con le autorità, portando i frutti delle loro indagini: circa 100.000 dollari spesi su 3.000 messaggi pubblicitari connessi a 470 account o pagine "non autentiche" su Facebook e 201 account su Twitter.
Ora, invece, nel nuovo incontro con il Consigliere generale Colin Stretch, sia Facebook che Twitter scendono ancora di più nei dettagli, offrendo un quadro ancora più preoccupante dell'influenza giocata da un Paese straniero durante le elezioni presidenziali a stelle e strisce.

Nel dettaglio Facebook ha riferito che la propaganda russa sarebbe arrivata a toccare addirittura 126 milioni di utenti: ciò significa non che siano stati tutti influenzati, ma che tanti sono comunque entrati in contatto con i contenuti promossi da account legati al Cremlino e dal contenuto - come spiega ora Facebook al Congresso "altamente divisorio e che punta ad esacerbare le divisioni all'interno della società".

Per quanto, infatti, i contenuti stimati possano essere considerati appena lo 0,004 per cento del totale dei contenuti condivisi nei News Feed degli utenti, 126 milioni è circa la metà della popolazione degli Stati Uniti d'America: difficile non pensare che anche statisticamente contenuti così estremizzanti non abbiano avuto l'opportunità di trovare terreno fertile.

D'altra parte, spiega ancora il social network al Congresso, i gruppi russi hanno sfruttato anche Instagram, che da ultimo ha cancellato circa 170 account ritenuti responsabili della condivisione di almeno 120mila post (per cui sarebbero stati spesi 3.700 dollari in advertising).

Anche Twitter presenterà al congresso maggiori dettagli su come è stata sfruttata per veicolare propaganda dalla Russia: secondo indiscrezioni gli account identificati sono saliti al numero considerevole di 2.752 e 36mila bot, che avrebbero twittato 1,4 milioni di volte durante le elezioni: la diffusione dei bot è d'altra parte connaturato al tecnofringuello che non ha un sistema efficace di segnalazione.

La soluzione di Twitter per il momento è rappresentata solo dalla decisione di non accettare più advertising da account controllati da Russia Today (RT) e Sputnik, due delle principali fonti di contenuti sotto osservazione.

Google rispetto a Facebook e Twitter era in ritardo, a causa della difficoltà di separare i troll dalle fonti russe "legittime". Ora tuttavia sembra essere arrivata al bandolo della matassa riferendo di aver trovato le prove che operativi russi usavano la sua piattaforma per influenzare i voti dei cittadini americani: tra i contenuti promossi da soggetti legati alla Russia 1.108 video per 43 ore di contenuti su YouTube e 4.700 dollari USA in advertising sul motore di ricerca.

La Casa Bianca si trova peraltro ad affrontare un'altra crisi per le accuse di riciclaggio, evasione fiscale e cospirazione mosse nei confronti di Paul J. Manafort, l'ex capo della campagna elettorale di Trump ora ai domiciliari, primo esito dell'inchiesta condotta dal procuratore speciale Robert Mueller.

Secondo l'accusa Manafort tra il 2006 e il 2015 avrebbe, insieme al suo vice Richard W. Gates III, intrattenuto rapporti con l'Ucraina e riciclato decine di milioni di dollari attraverso aziende e conti negli Stati Uniti, falsa testimonianza, lobbying per paesi stranieri e cospirazione: reati che arriverebbero fino al 2017, periodo in cui aveva già contribuito in maniera determinante all'elezione di Donald Trump (Manafort è stato direttore della campagna di Trump fino all'agosto del 2016, quando fu poi rocambolescamente sostituito da Steve Bannon).

A rispondere duramente e senza peli sulla lingua è naturalmente Trump, che proprio da Twitter parla di "Fatti che risalgono ad anni fa, prima che Manafort fosse parte della campagna. Perché il focus non sono la corrotta Hillary e i democratici?" e che "non c'è alcuna collusione".



Tuttavia la concomitanza tra l'arresto del vertice della sua compagna elettorale per attività illecite condotte in coordinazione con i Paesi dell'Est Europa e le accuse del Russiagate nei confronti dell'intera amministrazione Trump non passano inosservate.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàRussiagate: acchiappali tutti!Il gruppo di hacker alle dipendenze di Mosca avrebbe abusato persino di PokÚmon Go nel tentativo di fare crescere le tensioni razziali durante l'ultima campagna presidenziale americana. Intanto Facebook cancella dati utili alle indagini
  • AttualitàRussiagate, gli annunci pubblicitari erano miratiFacebook e Twitter testimonieranno direttamente al Congresso: in ballo le accuse di influenza straniera sulle elezioni 2016. E forse l'impeachment per il presidente USA
  • AttualitàRussiagate, i big dell'IT alzano la postaFacebook e Twitter aggiungono ulteriori dettagli sulla presunta campagna della Russia a favore di Donald Trump, e sul piatto finiscono anche i dati raccolti da YouTube. In totale, circa metÓ della popolazione USA Ŕ stata esposta a tali influenze
46 Commenti alla Notizia Russiagate, i big dell'IT alzano la posta
Ordina
  • La notizia mi sembra questa: la Russia o alcuni russi hanno legalmente pagato dei messaggi promozionali per Trump in campagna elettorale. Dove sta il reato?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Darth Vader
    > La notizia mi sembra questa: la Russia o alcuni
    > russi hanno legalmente pagato dei messaggi
    > promozionali per Trump in campagna elettorale.
    > Dove sta il
    > reato?

    Credo si possa configurare un reato di ingerenza verso la pubblica amministrazione.
    maxsix
    10669
  • >
    > Credo si possa configurare un reato di ingerenza
    > verso la pubblica
    > amministrazione.

    Disinformato tanto quanto l'altro troll.
    non+autenticato
  • ma cosi saltano fuori tutti gli altarini mi sa http://www.zerohedge.com/news/2017-11-01/twitter-a...
    non+autenticato
  • - Scritto da: bce13619f1b
    > >
    > > Credo si possa configurare un reato di
    > ingerenza
    > > verso la pubblica
    > > amministrazione.
    >
    > Disinformato tanto quanto l'altro troll.

    Non credo, ma comunque illuminaci pure.
    maxsix
    10669
  • - Scritto da: Darth Vader
    > La notizia mi sembra questa:

    La propaganda non smette mai.

    > la Russia o alcuni
    > russi hanno legalmente pagato dei messaggi
    > promozionali per Trump in campagna elettorale.

    No. Un aiutante di Trump è indagato per riciclaggio di denaro sporco in Ucraina .

    > Dove sta il reato?
    non+autenticato
  • - Scritto da: bce13619f1b
    > - Scritto da: Darth Vader
    > > La notizia mi sembra questa:
    >
    > La propaganda non smette mai.
    >
    > > la Russia o alcuni
    > > russi hanno legalmente pagato dei messaggi
    > > promozionali per Trump in campagna
    > elettorale.
    >
    > No. Un aiutante di Trump è indagato per
    > riciclaggio di denaro sporco in
    > Ucraina

    > .

    Qui si parlava della presunta interferenza che un paese straniero ha fatto in occasione della campagna elettorale USA.

    I soldi presi dalla Clinton dagli arabi (per la campagna elettorale e per il matrimonio della figlia cessa) vanno bene. L'utilizzo di Facebook da parte dei russi per fare propaganda nei confronti di una figura a loro più gradita invece sono il Russiagate.

    Il problema è che la me..da dei comunisti profuma sempre, mentre il dopobarba dell'uomo di destra ha un puzzo insopportabile.
    non+autenticato
  • Una cosa sono i motivi dell'inchiesta e una cosa molto diversa sono i fatti e le prove di rilevanza penale accertati finora.

    Per intorbidire le acque hanno messo su due finte scuole di pensiero, una continua a parlare di interferenza russe (che non hanno niente a che fare con l'incriminazione), l'altra parla di caccia alle streghe per neutralizzare Trump. Entrambe fanno parte di un piano di disinformazione ben coordinato.
    non+autenticato
  • Seeee bonanotte popolo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Darth Vader
    > La notizia mi sembra questa: la Russia o alcuni
    > russi hanno legalmente pagato dei messaggi
    > promozionali per Trump in campagna elettorale.
    > Dove sta il
    > reato?

    Si profila 'reato' per il solo fatto che questi messaggi promozionali non sono stati fatti per la Clikon! aka misfatta la guerrafondaia.
    non+autenticato
  • > Clikon! aka misfatta la
    > guerrafondaia.

    I droni americani stanno sparando molti più missili ora verso bersagli condannati senza processo di quanto Clinton era segretaria di stato.

    Non sto dicendo che Clinton non era guerrafondaia, ma che i mezzi di comunicazione stanno nascondendo che Trump è peggio.
    non+autenticato
  • Se magari i big dell'IT si occupassero un po' meno delle battaglie radical chic contro Trump e si impegnassero un po' di più a cacciare i terroristi da social e internet saremmo tutti un po' più contenti.
    non+autenticato
  • Dimostralo COGLIONE.
    non+autenticato
  • Purtroppo la catena, uguale per tutti e che ora è centrata su Trump, funziona così:
    - una ristretta schiera di individui decide che bisogna silurare Trump
    - manovrano i media di loro proprietà per amplificare qualunque notizia negativa e minimizzare qualunque notizia positiva
    - i giornalisti di testate che contano poco (come questa) partecipano all'amplificazione
    - il popolo bue, incapace di vedere la manipolazione a cui è sottoposto, si fa parte del gioco
    - i mandanti, ora forti dell'appoggio popolare, possono lavorare alla luce del sole, perché il popolo li sostiene

    Bella roba, e funziona in ogni campo.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)