Alfonso Maruccia

I piani per il digitale terrestre 2.0

Il governo prepara il terreno al nuovo passaggio di tecnologia per le trasmissioni televisive in digitale, un passaggio che va a braccetto con l'asta delle frequenze per il 5G. Ce lo chiede l'Europa, e questa volta i tempi sono brevi

I piani per il digitale terrestre 2.0Roma - La legge di bilancio attualmente in discussione in Parlamento riguarda anche un fatto tecnologico importante, vale a dire lo switch off delle attuali trasmissioni televisive digitali DVB-T e il passaggio al nuovo standard DVB-T2. Una "seconda generazione" di digitale terrestre che avrà evidentemente effetti generali per tutta la popolazione, richiederà un aggiornamento degli apparati e permetterà altresì di diffondere con maggior velocità le comunicazioni mobile sulle reti di quinta generazione (5G).

La legge preparata dal Ministro dell'economia e delle finanze prevede che le operazioni necessarie per il passaggio alle nuove trasmissioni vengano messe in campo tra l'1 gennaio 2020 e il 30 giugno 2022, data quest'ultima che rappresenterà lo spegnimento definitivo di tutte le trasmissioni DVB-T nazionali e quindi sancirà la compiuta transizione a DVB-T2.

Lo switch-off era inizialmente previsto già dal 2017, e permetterà alle emittenti televisive di adottare tecnologie di trasmissione molto più moderne primo fra tutte l'algoritmo di compressione video HEVC/H.265. Con HEVC sarà possibile trasmettere segnali di maggior qualità (e risoluzione) a parità di bitrate, o si potranno "compattare" un maggior numero di canali nelle frequenze assegnate al digitale terrestre.
Proprio la questione delle frequenze rappresenta l'elemento dirimente del passaggio a DVB-T2, visto che le frequenze comprese nella banda dei 700 MHz dovranno essere liberate dalle trasmissioni televisive per essere assegnate alle comunicazioni cellulari 5G.

Con l'asta prossima ventura per il 5G il governo prevede di incassare almeno 2,5 miliardi di euro, mentre per alleggerire il peso economico dello switch off da DVB-T si parla di una "mancetta" da 100 milioni di euro scaglionata negli anni 2019-2022.

Di mancetta si tratta, in effetti, se si considera che le famiglie italiane dovranno obbligatoriamente acquistare nuovi televisori (per i modelli acquistati prima del 2017), decoder esterni compatibili DVB-T2 e magari gli interventi di ammodernamento necessari agli impianti di antenna condominiali.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
70 Commenti alla Notizia I piani per il digitale terrestre 2.0
Ordina
  • Buttare tutte le tv. Si risparmia sul canone e si ragiona con la propria testa, e non da direttive impostate come fa tutto il popolino bue.Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Wallestain
    > Buttare tutte le tv. Si risparmia sul canone e si
    > ragiona con la propria testa, e non da direttive
    > impostate come fa tutto il popolino bue.
    >Sorride
    Questo è esattamente ciò che vuole il M5S.
    Butta le tv e credi solo al verbo di Grillo-Casaleggio-DiMaio.
    No grazie.
    non+autenticato
  • invece gli altri vogliono il contrario.
    vogliono farvi credere alle cazzate che raccontano in tv
    non+autenticato
  • Tutti i giornali continuano a dire agli italiani di cambiare televisiore, nessuno gli dice che con un decoder da 30 euro non sono costretti a buttare il televisore.
    non+autenticato
  • Mah, in realtà il passaggio al DVBt2 era già previsto ai tempi del DVBt1, semplicemente per qualche motivo han deciso di ricordarlo oggi, omettendo che è già da anni che si era deciso.

    Del resto il bipede medio non comprende neppure che la TV è morta come concetto, non comprende manco che può mantenere la sua beneamata TV sul satellite lasciando lo spettro radio alle TLC... Il bipede medio è formato per essere un consumatore ignorante che orientato con pubblicità e scelte di mercato fa a mangiare dove gli ordina il "padrone"...
    non+autenticato
  • Sono le stesse istituzioni a promuovere il consumismo facendo gli interessi lobbistici dell'industria.

    Le stesse persone che poi magari parlano di contrasto all'obsolescenza pianificata.
  • Sono d'accordo, ma la mia domanda sarebbe cosa ci aspettiamo di diverso? Perché il ladro, il baro ecc ci saranno sempre. Il successo che possono ottenere varia in base al "pubblico"/"vittima" di turno...

    Se oggi la maggior parte della popolazione è della serie "pubblico di m." col pubblico che fa la ola...
    non+autenticato
  • - Scritto da: xte
    > Sono d'accordo,

    Sei d'accordo con te stesso? La schizofrenia sta migliorando.
    non+autenticato
  • Hai problemi con la gestione dei 3D (beh, in effetti fa schifo...)?
    non+autenticato
  • No, non do mai la colpa alla gente io.
    La gente viene resa stupida con un lavoro di indottrinamento che parte fin praticamente da quando inizia a guardare i primi cartoni di Peppa Pig e personaggi vari...
  • E chi è che ha lasciato andare al potere certe classi dirigenti?
    non+autenticato
  • Di quali parli, quelle italiane o quelle di cui siamo la colonia in USA?

    Perché dal dopoguerra l'Italia è una colonia degli USA e tutta la cultura, le idee politiche, le tendenze economiche sono dettate da lì. E i nostri politici sono solo esecutori.
  • Gli USA (e l'UK, che viene spesso dimenticata ma è stata più nefasta per l'Italia degli USA) han fatto quel che han fatto, ma non avrebbero mai potuto farlo da soli. Han potuto farlo grazie ad un'enorme massa di corrotti e sudditi indigeni, han potuto farlo grazie alle "classi dirigenti" di allora che si son attaccate al carrozzone del vincitore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: iEnry
    > Di quali parli, quelle italiane o quelle di cui
    > siamo la colonia in
    > USA?
    >
    > Perché dal dopoguerra l'Italia è una colonia
    > degli USA e tutta la cultura, le idee politiche,
    > le tendenze economiche sono dettate da lì. E i
    > nostri politici sono solo
    > esecutori.

    C'è qualcosa che un giovanotto come te dovrebbe sapere.

    1) Nell'immediato dopoguerra l'America dichiarava, che il Popolo italiano per loro si ERA liberato da solo!!.


    2)Mentre il pscicotico Winston Leonard Spencer-Churchill, dichiarava che NO! NO e NO!

    Nemmeno per sogno. Il popolo italiano è stato liberato dalle forze alleate!! E che non si avrebbe messo più in discussione tale stato!

    3)Gli interessi inglesi nell'Italia e nel mar Mediterraneo erano golosi per l'Inghilterra! E quindi si pretese per ISCRITTO nei trattati di pace! Che l'Italia si metteva sotto coloniato Inglese!!

    Altro che amerekani! Un consiglio spassionato: Cercate di scovare la storia della nostra italietta nell'immediato dopo guerra, ma intendo quella vera! E non quella propinataci ufficialmente!

    Personalmente non ve ne faccio una colpa di questo a voi gioventù, anche perché hanno infinocchiato gente della mia età che qualcosina l'ha vissuta di prima persona, figuriamoci voi giovani che avete trovato la storia Bella e FATTA sui libri a scuola.

    Pensateci e fate buona Domenica. Sorride
    non+autenticato
  • Che non lo si voglia dire perché ai produttori di TV&c non garba va bene ma anche l'utente medio dovrebbe aver compreso una cosa: reti di mera distribuzione sono destinate a *scomparire*, la convergenza verso IP e protocolli che permettano di veicolare IP non è una novità e avanza regolarmente da ciò segue che la TV *come concetto* va scomparendo.

    Volete star comodi? Comprate un computer, desktop, magari assemblato da voi, con una scheda TV sat e prendete il pacchetto TivuSat. Funziona già così in quasi tutti i paesi dell'Europa occidentale. Sul sat c'è spazio, il DVBs-2 è supportato da anni da tutti e non sono previste riduzioni di spettro. La Tv terrestre è previsto che *sparisca* nel prossimo futuro e in un futuro meno prossimo anche la TV sat sparirà perché vorremmo solo "feed" e video on-demand à-la-Youtube/DailyMotion/Vimeo... sino a Netflix. E no, non ditemi che le parabole sono un problema, un multiswitch condominiale non costa più d'una centralina tv terrestre e non avete manco bisogno di 2/3 antenne ma di una sola, potete alpiù metterne un paio per aver ridondanza. Quanto ai computer un mux hdmi che porti il video da un minipc ad un monitor/TV per casa non è diverso dal comprare un decoder di buona qualità oggi e dura potenzialmente molto di più negli anni, per mera evoluzione tecnologica.

    Se non comprendete questo date da mangiare ai vendor di TV&decoder.
    non+autenticato
  • il problema del Sat è che non puoi vedere le emittenti locali
    per me sarebbe ora che togliessimo di mezzo tutto antenne e parabole, soltanto che con le ciofeche di linee,da cabina box a casa, fanno talmente pena che la tv via cavo è un miraggio
  • Mah, sul via cavo ho qualche dubbio, da relativamente poco vivo in Francia (dove la TV è un pacchetto normale di ogni abbonamento dati, canali "premium" inclusi/in opzione/pay-per-view ecc), in una zona di divario digitale (rame, ~30Mbps down, ~13-14Mbps up che spesso scendono a ~20 down ~6-7 up secondo l'ora, la meteo, l'ultimo rito voodoo di qualcuno ecc) e la TV e la telefonia (VoIP, vlr non esiste più) funzionano discretamente bene, puoi vedere un film mentre qualcuno telefona e avere qualche client P2P attivo senza intoppi. Certo se si è una famiglia numerosa che guarda in contemporanea film 4K mentre telefona e con torrent a manetta penso proprio non sia fattibile ma diciamo per l'utente medio può andare. L'impianto sat peraltro non è così costoso e a livello di "sistema paese" non ha i costi di n ripetitori sparsi sul territorio, zone malcoperte ecc. 'Somma per me si può benissimo tenere in attesa di avere fibra ovunque...

    Sulle emittenti locali non essendo un TV-ofilo non mi pronuncio ma con TivuSat scegli per ogni scheda la regione di residenza quindi non so le emittenti locali, ma le emissioni locali tipo i TG regionali ecc li hai. Cosa analoga in altri paesi... Non credo perderesti molto per capirci.
    non+autenticato
  • infatti la mia risposta è stata anche per il motivo che ho visto come funziona in francia essendoci stato poco tempo fa,su TVSAT vedi solo canali nazionali e i tg regionali sono a rotazione, lo possiedo ed il tg della mia regione lo vedo ogni tanto
    ormai la fibra è presente in moltissime città fino al box telecom è dal box a casa che manca è mancherà per tanto tempo
  • Scusa in che senso i TGR li vedi a rotazione? Quando attivi la scheda non ti chiede che regione vuoi, riavvii il decoder e vedi la programmazione regionale? Almeno con TivuSat oro un po' di tempo fa funzionava così, a rotazione è semplicemente privo di senso!

    In Francia hai due equivalenti di Tivusat: Fransat che ti impone di comprare scheda e decoder una tantum e TNTSat che accetta anche decoder "senza bollino" ma chiede un cambio scheda all'anno. Il funzionamento è sostanzialmente lo stesso che avevo visto su Tivusat: selezioni la regione che vuoi, solo qui lo fa dal decoder non all'attivazione, ovvero puoi sempre cambiare regione quando vuoi.

    Sulla fibra non è che in Francia o Svezia (non posso parlare per altri paesi non avendo abbastanza informazioni) la situazione sia idilliaca: il FTTH è presente nelle città principali, forse un po' più di Fastweb (che mi pare sia l'unico con FTTH un po' ovunque) per i principali operatori (Free, SFR, Orange e Bouygues) e a macchia di leopardo in molti centri minori, il grosso è ancora su rame, solo con regolare aggiornamento e manutenzione che in Italia manca direi dagli anni '80... In Svezia la copertura è *solo* nelle città principali, però c'è molto coax e anche in campagna la copertura è abbastanza buona, ovviamente la bassa densità di popolazione da una mano enorme. Per dare qualche dato
    http://www.ariase.com/fr/haut-debit/couverture-fib...
    Google maps navigabile

    La grossa differenza in effetti è solo l'aggiornamento abbastanza regolare nel corso del tempo e una miglior efficienza generale. Questo porta a migliori performance generali. Come differenza sul servizio il costo mensile assoluto è maggiore, in rapporto al costo della vita uguale all'Italia, i servizi però son a loro volta maggiori: per dire a 45€/mese ho reADSL con IP v4/v6 statico e DNS configurabile su un mio nome a dominio, chiamate flat verso i fissi di quasi tutto il mondo, verso i mobili di una manciata di paesi, una SIM con traffico dati illimitato ed analoghe tariffe telefoniche. Il modem fa se si vuole da nas per massimo 4 dischi USB con accessibilità opzionale via internet, tramite https, ftps, sftp e un ssh limitato, mirroring opzionale sul cloud del provider, supporto vlan e due wifi nel modem/router, ho due linee entranti e 4 uscenti sullo stesso numero telefonico, un numero di fax virtuale sulla mail, una manciata di canali TV con "scatolotto" a parte che può strem-are la TV in formato digeribile da mplayer e vlc o via 2 uscite hdmi e accetta un disco per registrare, in formato suo, i programmi mentre se ne vedono altri. In sostanza spendo di più che in Italia ma ho anche un maggior servizio.
    non+autenticato
  • Non avete parlato della questione 8-10 bit?
    non+autenticato
  • !Il commento contiene una parola troppo lunga.
    no!
    non+autenticato
  • un decoder linux enigma2 e passa la paura a te e arriva diretta a loro e a i loro compari
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 02 novembre 2017 23.06
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: zatustra01
    > un decoder linux enigma2 e passa la paura a te e
    > arriva diretta a loro e a i loro
    > compari
    ok, hai detto la tua cazzata, adesso passa pure ad altro
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)