Alfonso Maruccia

NVIDIA, reti neurali per simulare celebritÓ

Le ricerche della corporation sull'intelligenza artificiale si focalizzano sull'addestramento, o per meglio dire sulla capacitÓ di due reti antagoniste di ingannarsi l'una con l'altra. Il futuro di NVIDIA nella IA? Promette bene

Roma - Il lavoro svolto da NVIDIA sull'intelligenza artificiale non si basa solo sull'accelerazione hardware a base di GPU ma anche sul software, e l'ultima ricerca in questo senso prende di mira una tecnologia di reti neurali nota come rete antagonista generativa o GAN. Un sistema ideato da tempo che solo con le ultime tecnologie hardware - campo in cui NVIDIA sicuramente eccelle - ha potuto esprimersi in pieno.

Un sistema GAN prevede l'impiego di due diverse reti neurali messe l'una contro l'altra, una sfida a somma zero in cui il primo network crea rappresentazioni grafiche fasulle e il secondo prova a identificare l'autenticità dell'output dell'antagonista.

Nel caso in oggetto, NVIDIA dice di aver elaborato una nuova metodologia di training in grado di velocizzare il processo di apprendimento e di stabilizzarlo, quindi di produrre immagini (ovviamente false) di "qualità mai vista prima".
Il processo di apprendimento prevede l'analisi di oltre 30.000 immagini di volti umani ad alta risoluzione su un periodo di 20 giorni, per poi creare un volto del tutto nuovo partendo da parti scelte a caso dalle altre immagini.


L'obiettivo finale è appunto quello di creare una celebrità virtuale con cui "vincere" al gioco a somma zero di cui sopra. Oltre alla qualità del risultato finale, NVIDIA sottolinea la versatilità del suo metodo con la capacità di passare dai volti umani ad altro tipo di contenuti come le fotografie di mobili.

La corporation delle GeForce non è certo la prima azienda hi-tech impegnata nell'addestramento degli algoritmi intelligenti per la creazione delle fake news di nuova generazione, e sul fronte finanziario gli azionisti sembrano apprezzare questa nuova direzione - l'uso dell'hardware grafico dedicato per far evolvere la IA - mentre NVIDIA è impegnata a stringere nuove partnership in tal senso.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàAutodraw, l'AI che disegna per noiGoogle presenta un nuovo esperimento di intelligenza artificiale, un software in grado di trasformare gli scarabocchi in disegni perfetti
  • AttualitàNVIDIA, tra Volta e conti in attivoLa corporation californiana comunica risultati finanziari pi¨ che positivi, mentre nel futuro ci sono le GPU basate sulla nuova architettura che, come da tradizione, arriveranno sul mercato prima di tutto in formato HPC
  • AttualitàLa IA che ricrea i discorsi di ObamaUna nuova ricerca sull'intelligenza artificiale riesce a "simulare" la sincronizzazione labiale tra quello che l'ex-presidente dice e quello che appare in video. Un potenziale asso nella manica dei creatore di fake news?