Alfonso Maruccia

Terdot, la nuova faccia del trojan Zeus

Un nuovo trojan bancario scoperto dai ricercatori fa ampio uso del codice sorgente del famigerato Zeus ma introduce anche novitÓ significative, il tutto in un pacchetto dagli scopi sin qui limitati ma potenzialmente molto pericoloso

Roma - Bitdefender ha pubblicato un'analisi approfondita su Terdot, trojan bancario basato sul codice del famigerato Zeus che però introduce non poche funzionalità "fatte in casa". Impegnato sin qui a prendere di mira i clienti delle banche canadesi, Terdot sarebbe in teoria capace di fare molto di più e non solo contro l'utenza attiva nell'e-banking.

Tra le funzionalità "rubate" dal codice sorgente di Zeus - disponibile online dal 2011 - Terdot ha fatto proprie caratteristiche basilari quali l'abuso dei processi dei browser Web o un sistema di configurazione da cui scegliere le pagine da prendere di mira.

Per quanto riguarda le novità, invece, quella principale è certamente la possibilità di configurare un proxy locale da cui poter condurre attacchi di tipo Man-in-the-Middle (MitM): il trojan prende il controllo di tutto il traffico di rete, e può leggere anche le comunicazioni HTTPS grazie ad un proprio certificato opportunamente copiato nel database dell'OS.

L'infezione arriva sotto forma di email di phishing essenziale - un semplice link a un file PDF da cui avviare il download - o come parte del kit di exploit Sundown, mentre per evitare di allertare il software antivirale Terdot esegue buona parte delle sue operazioni malevole per mezzo di software e tool legittimi.

Non bastasse la funzionalità di MitM, il nuovo malware è in grado anche di generare nomi di dominio unici per contattare i server di comando&controllo, di rubare le credenziali di accesso di vari siti (Live.com, Yahoo Mail, Google) e di prendere di mira i social network più diffusi.

Gli sviluppatori di Terdot hanno pero istruito la loro creazione per evitare accuratamente il social network russo VK.com, a riprova del fatto che l'origine del malware va ricondotta alla Russia o all'Europa dell'est. Di certo chi ha dato origine all'infezione non è un programmatore amatoriale, avvertono i ricercatori, e potrebbe in futuro decidere di sfruttare le funzionalità avanzate di Terdot per condurre campagne malevole ben più pericolose ed estese.

Alfonso Maruccia

fonte immagine
Notizie collegate
6 Commenti alla Notizia Terdot, la nuova faccia del trojan Zeus
Ordina