I voyeur della tecnologia

di Luddist - Quanti sono i voyeur che, com'è successo a Roma, sfruttano sistemini da pochi soldi per violare la riservatezza di individui inconsapevoli? Soprattutto: perché dovrebbe stupire un simile uso della tecnica?

I voyeur della tecnologiaRoma - Un avvertimento perverso emerge tra le righe di una breve ma clamorosa notizia di cronaca rilanciata sui media nazionali nelle scorse ore. Mi riferisco al caso della cam wireless installata nella toilette di uno studio professionale a Roma.

Come molti avranno letto, ignoti hanno piazzato un piccolo dispositivo di ripresa che da chissà quanto tempo registrava con crudele realismo le visite al bagno dei dipendenti dello studio stesso. La cronaca racconta che dello spione elettronico si sia accorto un vicino: installando un apparecchio ricevente per il proprio televisore, questi avrebbe incidentalmente "incrociato" la frequenza della cam e visualizzato la toilette. Poco dopo, quando una signorina più volte incontrata sulle scale è entrata nel bagno, l'uomo ha capito di che si trattava ed è corso nello studio, avvertendo il responsabile dell'accaduto. Questi ha subito chiamato i Carabinieri.

Gli uomini dell'Arma ci hanno messo poco a scovare un buchetto nel mobile del bagno, foro attraverso il quale venivano catturate illegalmente quelle immagini così private.
Succede, evidentemente. E succederà sempre più spesso.

La disponibilità di nuove e potenti tecnologie wireless, da anni sul mercato, l'eccezionale efficienza dei motori di ricerca nell'individuare chi vende tecnologie-spia e persino l'apertura anche in Italia di negozietti dedicati a questi simpatici apparecchietti, sono un cocktail devastante per intimità e privacy. Se a questo si aggiunge il mercato dei filmini tratti da manifestazioni ufficiali o da veri e propri furti di immagini, un mercato spesso alimentato dalle enormi potenzialità business di internet, il quadro è completo.

Sistemi a buon mercato, facilmente installabili e utilizzabili da chiunque sappia manovrare un dispositivo di trasmissione, come un telefonino intelligente, un device wi-fi e quant'altro, amplificano enormemente i danni potenziali (ma in un caso come quello di Roma così reali) che un tempo potevano essere solo frutto delle morbosità di qualche elettrotecnico o delle necessità giudiziarie dell'intelligence.

Condanniamo questi fatti, certo, si cerchino i responsabili e si dia la caccia all'ennesimo voyeur vittima della propria sessualità al punto da non riuscire a trattenersi dal compiere un gesto così odioso. Prendiamocela con chi si permette di violare la nostra privacy, rivendichiamo il nostro diritto a godere della riservatezza che con tanta fatica cerchiamo di preservare, denunciamo chi trasmette in rete immagini prelevate con questi mezzi.
Ma, per favore, smettiamola di propagandare le nuove tecnologie come un ineluttabile mezzo di progresso: portano con sé vantaggi e pericoli, aprendo scenari difficili da gestire e forse ingestibili. E' un vero peccato che per parlare del doppio volto dell'hi-tech si debba aspettare qualche autorevole catastrofista come Bill Joy o l'intercettazione casuale di una frequenza in un edificio qualsiasi di Roma.

Luddist
32 Commenti alla Notizia I voyeur della tecnologia
Ordina
  • la spegazione tecnica:
    "In pratica, hanno ricostruito gli investigatori, la frequenza del computer del condomino ha intercettato quelle delle telecamere segrete"
    beh se questi sono gli investigatori i voyeur possono stare tranquilli....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > la spegazione tecnica:
    > "In pratica, hanno ricostruito gli
    > investigatori, la frequenza del computer del
    > condomino ha intercettato quelle delle
    > telecamere segrete"
    > beh se questi sono gli investigatori i
    > voyeur possono stare tranquilli....

    forse si riferiscono al fatto che le attuali CPU vanno a fior di GHZ:D
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > la spegazione tecnica:
    > > "In pratica, hanno ricostruito gli
    > > investigatori, la frequenza del
    > computer del
    > > condomino ha intercettato quelle delle
    > > telecamere segrete"
    > > beh se questi sono gli investigatori i
    > > voyeur possono stare tranquilli....
    >
    > forse si riferiscono al fatto che le attuali
    > CPU vanno a fior di GHZ:D

    STRAROTFL!!!A bocca aperta

    Si, la frequenza è dotata di coscienza propria e ha intercettato le altre frequenze... Specialmente la frequenza del processore ha intercettato quella della telecamera e si è eccitata!!!

    TAD

    Che non osa immaginare che gente lavora alla Polizia Postale...
  • CRONACHE
    E' stata la donna a dare il via alle indagini
    Webcam in bagno per spiare moglie e amiche
    Denunciato un catanese di 40 anni: assisteva dall'ufficio via internet alle docce fatte in casa dalla compagna e le ospiti
    CATANIA - Spiava la moglie e le amiche con tre micro telecamere piazzate nel bagno. Le guardava via Internet dal computer dell'ufficio, e scambiava sempre sul Web i propri filmati con altri video amatoriali. A smascherarlo è stata proprio la moglie, che ha avvertito il 113. Lui è un libero professionista quarantenne, di Catania: denunciato per interferenza nella vita privata e per trattamento illecito di dati personali, rischia una condanna compresa tra tre mesi e quattro anni di reclusione. La moglie è una giovane straniera che spesso ospitava amiche connazionali durante la loro permanenza a Catania.

    A dare il via alle indagini è stata proprio la moglie. Mentre faceva le pulizia di casa ha notato una delle telecamere, che erano murate nella parete. Pensando che fosse opera di sconosciuti ha chiamato subito la polizia, telefonando al 113. Gli agenti delle volanti hanno fatto intervenire i loro colleghi del settore poste e telecomunicazioni. Gli investigatori hanno trovato subito che le tre telecamere erano collegate al computer di casa che, tramite una Lan, trasmetteva le immagini su Internet, ad un sito privato al quale si collegava suo marito. La polizia si è quindi recata nell' ufficio, dove il libero professionista stava lavorando, sequestrandogli anche un computer portatile. Gli investigatori hanno trovato dei file di archivio con le registrazioni di filmati delle docce fatte dalla donna e dalla sue amiche.

    La moglie dell'indagato non lo ha denunciato, ma le altre giovani donne straniere hanno presentato querela e per questo l' uomo è stato denunciato in stato di libertà.
    non+autenticato
  • Io per un po' almeno avrei fatto finta di niente e le avrei guardato la patata, almeno per qualche giorno giusto per farmi un'idea. Ma magari non era neanche buona, in tal caso ha fatto bene!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Io per un po' almeno avrei fatto finta di
    > niente e le avrei guardato la patata, almeno
    > per qualche giorno giusto per farmi un'idea.
    > Ma magari non era neanche buona, in tal caso
    > ha fatto bene!
    :|:|:|:|

    :\
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Io per un po' almeno avrei fatto finta di
    > niente e le avrei guardato la patata, almeno
    > per qualche giorno giusto per farmi un'idea.
    > Ma magari non era neanche buona, in tal caso
    > ha fatto bene!

    Concordo!!!Con la lingua fuoriCon la lingua fuoriCon la lingua fuori A bocca apertaOcchiolino
    non+autenticato
  • secondo voi, può un decoder intercettare segnali Wi-Fi???
    :|
    a me la cosa puzza un po'!


    aLbeRto
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > secondo voi, può un decoder
    > intercettare segnali Wi-Fi???
    >Deluso
    > a me la cosa puzza un po'!
    >
    >
    > aLbeRto

    E chi ha detto che erano wi.fi? Magari era una normalissima frequenza uhf
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > E chi ha detto che erano wi.fi? Magari era
    > una normalissima frequenza uhf

    "Mi riferisco al caso della cam wireless installata nella toilette di uno studio professionale a Roma."

    "La disponibilità di nuove e potenti tecnologie wireless, da anni sul mercato, l'eccezionale... "
    non+autenticato
  • compagnero "wireless" significa senza fili non "in standard 802.11e"
    hasta il pueblo del uairless
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > compagnero "wireless" significa senza fili
    > non "in standard 802.11e"
    > hasta il pueblo del uairless

    sono quello di prima

    ma chi ha parlato di 802.11a, 802.11g ?

    wireless se è per questo è anche 802.16 e altri.
    non+autenticato
  • wireless, ossia senza fili, ossia radio. Ho delle cuffie "wireless", mica sono wi-fi! Sono senza fili, punto. Chiaro?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > secondo voi, può un decoder
    > intercettare segnali Wi-Fi???
    >Deluso
    > a me la cosa puzza un po'!
    >


    - un oggetto senza fili (telefono, spy cam, modem ecc ecc) serve per inviare segnali via etere ad una certa frequenza.


    - un decoder serve per ricevere segnali via etere ad una certa frequenza e DE-CODE (ificarli)


    Perchè mai un decoder TV non potrebbe ricevere i segnali di una spycam e spararli sul monitor?? Evidentemente viaggiano sulla stessa frequenza!



    ==================================
    Modificato dall'autore il 21/04/2004 14.47.03
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)