Microonde per la sicurezza

Ricerche

Roma - Arriva dalla Norhtumbria University inglese la notizia dello sviluppo di una applicazione delle microonde pensata per aumentare la sicurezza soprattutto nei trasporti, perché in grado di individuare anche eventuali armi nascoste.

"La tecnologia - ha spiegato uno dei ricercatori - è molto versatile e si adatta ad essere impegnata nel settore della sicurezza, in applicazioni mediche e industriali". Le microonde in questo senso saranno in grado di realizzare immagini tridimensionali di quanto da loro "bombardato" a vari livelli di profondità.

Non solo, secondo i ricercatori inglesi le microonde così utilizzate, al contrario dei raggi X, non sono dannose per i tessuti biologici e dunque possono essere usate anche per "perquisire" uomini e passeggeri.
Molto comunque rimane da fare per abbassare i costi delle apparecchiature necessarie e velocizzare la produzione delle immagini. Ci vorranno ancora molti mesi, peraltro, prima di ottenere i primi ologrammi a sufficiente definizione.
TAG: ricerca
7 Commenti alla Notizia Microonde per la sicurezza
Ordina
  • Infatti i forni sono schermati, ed i problemi e denuncie varie (alcune conclusesi con indennizzi) per i cellulari sono balle....

    Forse fanno menon male dei raggi X e sopratutto non generano scorie (la cosa comunque non è male) ma dire che non sono dannose per i tessuti (visto il surriscaldamento che provocano --> aumento dei tumori) mi sembra eccessivo
    non+autenticato
  • ok
    immagino che siano ovviamente microonde diverse da quelle dei forni no?
    mi sembra ovvio
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > ok
    > immagino che siano ovviamente microonde
    > diverse da quelle dei forni no?
    > mi sembra ovvio

    sono identiche grossomodo nella frequenza.
    (i microonde sono definiti grossomodo come le onde elettromagnetiche con frequenza tra 1khz e 1000ghz)

    Ovviamente la potenza di emissione è decisamente inferiore. Il riscaldamento che provocheranno sarà insignificante, come già lo è quello provocato dal cellulare (se usato con moderazione)
  • > sono identiche grossomodo nella frequenza.
    > (i microonde sono definiti grossomodo come
    > le onde elettromagnetiche con frequenza tra
    > 1khz e 1000ghz)
    >
    > Ovviamente la potenza di emissione è
    > decisamente inferiore. Il riscaldamento che
    > provocheranno sarà insignificante,
    > come già lo è quello provocato
    > dal cellulare (se usato con moderazione)

    Grazie per la spiegazione
    non che mi senta molto tranquilloOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Infatti i forni sono schermati, ed i
    > problemi e denuncie varie (alcune conclusesi
    > con indennizzi) per i cellulari sono
    > balle....
    >
    > Forse fanno menon male dei raggi X e
    > sopratutto non generano scorie (la cosa
    > comunque non è male) ma dire che non
    > sono dannose per i tessuti (visto il
    > surriscaldamento che provocano -->
    > aumento dei tumori) mi sembra eccessivo

    ovviamente -presumo- si tratti di microonde a intensità così bassa da rendere assolutamente "trascurabile" l'effetto di incremento della temperatura. Non credere che un aumento locale di qualche decimo di grado possa avere chissà quali effetti... non siamo così delicati, altrimenti non esisterebbero esseri umani che possano essere scampati da una semplice febbre.
  • guarda che la febbre non c'entra nulla con il riscaldamento di un tessuto ... infatti la febbre e' prodotta da un'attivita' di tutto l'organismo (acc. cardiaca, respiro, attivita' cellulare, etc..) in cui una maggiore irrorazione sanguigna rende il tutto "normale". Altra cosa e' innalzare la temperatura dall'esterno senza che l'organismo possa reagire positivamente.
    Per favore, non sparate in un senso o nell'altro,
    sentenze sui campi elettromagnetici ... sono cose molto delicate e complesse e "LA VERITA'" ancora ce la dobbiamo sudare.
    non+autenticato
  • Condivido l'invito.
    Il problema è che il nostro organismo ha meccanismi di compensazione che gli permettono di mantenere stabile la temperatura interna, anche a fronte di differenti condizioni ambientali; nel caso delle microonde semplicemente il nostro organismo non ne percepisce gli effetti e non attiva dunque alcuna compensazione.
    Infine è difficile contrastare aumenti della temperatura dovuti alla collisione tra molecole d'acqua in risonanza, per queste ragioni la prudenza non è mai troppa.
    non+autenticato