Alfonso Maruccia

Top Ten Twitter: Trump, il grande assente

Il network dei cinguettii ha rilasciato la sua tradizionale lista dei tweet più rilanciati nel corso dell'anno, una classifica in cui "vince" soprattutto Obama e da cui risulta assente il "twittatore" instancabile della Casa Bianca

Roma - Dicembre, è tempo di classifiche e "top ten" varie anche per i social network. Nel caso di Twitter, la top ten dei tweet più retwittati è in realtà una Top 9 dove trionfa l'ex-presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Nonostante l'uso quotidiano e spesso a sproposito del servizio, Donald Trump non è invece rappresentato in nessuna classifica degna di nota.

A Obama Twitter assegna il secondo tweet più rilanciato dell'anno, un invito alla tolleranza pubblicato in seguito al rally dei suprematisti bianchi a Charlottesville. Obama detiene anche il quinto e ottavo posto tra i tweet più popolari del 2017, mentre il primo posto va assegnato al teenager che ha chiesto una fornitura annuale gratuita di bocconcini di pollo a Wendy's.






Il resto della Top 9 di Twitter include un tweet riguardante l'inondazione di Houston, una foto dal concerto dei Linkin Park e l'unico tweet riguardante Trump, vale a dire la contestazione polemica di LeBron James che parla del "disonore" di essere ricevuti alla Casa Bianca da quando si è insediato il nuovo presidente.

Trump e Twitter hanno recentemente fatto notizia per la censura fortuita dell'account ufficiale del presidente da parte di un impiegato in uscita, ma nemmeno questo è stato evidentemente sufficiente a suscitare l'interesse "virale" degli utenti del network.





Le altre classifiche pubblicate da Twitter riguardano infine gli hashtag più popolari dell'anno, tutti di matrice politica (#Resist, #MAGA, #ImpeachTrump, #TrumpTrain), le serie TV e i film più discussi (Game of Thrones, Wonder Woman), il tweet di un atleta più rilanciato (il succitato LeBron James che chiama "culo" il presidente Trump).

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàTwitter censura Trump, 11 minuti di silenzio e di applausiIl social dei cinguettii dice di aver sbattuto fuori dalla porta il prolifico "twittatore" dalla Casa Bianca, anche se spiega l'accaduto come l'opera di una "canaglia" al suo ultimo giorno di lavoro. Senza Trump e i suoi cinguetii in gran parte molesti, gli utenti hanno esultato
  • AttualitàTwitter, il volto di chi ha censurato Donald TrumpIl contractor responsabile della disattivazione dell'account di Mr. President esce allo scoperto, confessa le proprie malefatte e chiede ai media di essere lasciato in pace. Dopotutto non ha fatto nulla che andasse contro le regole