Mirko Zago

Apple, a tutta birra col self driving

Dopo mesi di silenzio, Apple torna alla carica. Il suo progetto di auto che si guida da sola è tutt'altro che fallito. Negli anni è proseguito in silenzio ed ora, grazie ad Ai e machine learning è pronto a tornare alla ribalta

Roma - Nella gara all'azienda più al passo coi tempi per quanto concerne il self driving, o l'auto che si guida da sola, Apple ha deciso finora di giocare all'ombra. Project Titan, nato nel 2014 e dato per spacciato a fine 2016, sotto le evidenti difficoltà nel tenere testa ad altri colossi come Google o Tesla, è stato riportato in vita di recente, con alcuni test su strada, e tanta curiosità da parte del pubblico. Tim Cook a giugno aveva confermato in un'intervista che l'interessamento per l'auto motive non era mai sparito del tutto, e anzi. Gli sforzi per recuperare il vantaggio competitivo (forse) perduto sono stati immani, seppur silenti. Il risultato a cui Apple guarda promette di essere dirompente (per usare un termine di Cook) e destinato rompere le regole, come ha già dato prova l'azienda nella sua leggendaria storia.




Naturalmente il punto cardine dello sviluppo dell'auto di Apple è l'intelligenza artificiale. Ruslan Salakhutdinov, a capo del team di ricerca, ha rivelato che gli esperti di Ai di Apple sono giunti ad un livello particolarmente elevato di sofisticazione. In un documento pubblicato il mese scorso, era già stato chiarito che alla base del sistema di self driving di Apple vi sarebbe un software in grado di identificare altre autovetture, pedoni e ciclisti usando scanner 3D di tipo Lidar, del tutto simili a quelli impiegati dai concorrenti. Ma la soluzione di Apple sarebbe in grado anche di "vedere" correttamente ciò che accade attorno a sé, senza distorsioni, anche in presenza di fenomeni ipoteticamente molto dannosi, come gocce di pioggia che si depositano davanti alle lenti o pedoni poco visibili perché parzialmente nascosti da auto parcheggiate. Un sistema in grado non solo di guidare da solo ma anche di apprendere autonomamente mediante l'impiego del machine learning.

Lo stesso Salakhutdinov conferma in passato di essere stato molto scettico sulla fattibilità di un progetto simile, confermando che le tecnologie a disposizione e l'avanzamento raggiunto sono la dimostrazione che invece la strada percorsa fino a qui è quella corretta. Particolarmente funzionale all'obiettivo appare il sistema SLAM (simultaneous localization and mapping) che permette all'autovettura di avere una considerazione dello spazio occupato particolarmente accurata, specialmente se i dati vengono incrociati assieme a quelli catturati dai sensori di cui l'auto è dotato, addestrati ad effettuare un mapping 3D di tutto ciò che vedono (segnali stradali, semafori ecc.). L'intento di Apple è di arrivare ad un sistema che non abbia più bisogno per "muoversi" di un preset di dati, ma che sia in grado di giudicare e adattare il comportamento in qualsiasi occasione anche quella meno predicibile.
Nonostante ci sia ancora molto riserbo su ciò che Apple sta combinando nei suoi laboratori, si nota una maggior apertura rispetto al passato. A partire dall'istituzione di un blog dedicato al machine learning, con cui l'azienda intende mostrare i suoi avanzamenti ma anche le sfide che sta cercando di vincere. E il prossimo passo potrebbe prevedere una condivisione di alcuni risultati e soluzioni tecnologiche con alcuni partner che potrebbero accelerare i tempi della messa su strada della prima auto che si guidi da sola a servizio del pubblico. Nel frattempo Apple si è già occupata di chiedere alla DMV (il corrispondente del nostro ministero dei trasporti) di riconsiderare le regole al fine di condurre test in maniera più agevole.

Mirko Zago
Notizie collegate
12 Commenti alla Notizia Apple, a tutta birra col self driving
Ordina
  • apple si limiti alle stilosita manuali (cellulari).
    qui si tratta di roba seria, per gente con le palle, ingegneri, tecnici. gente cazzuta con la tuta, non frocetti con le maniche di pizzo.

    Al primo incidente mortale lo voglio vedere il cuoco a tentare di convincere che e' colpa e' dell'utente che e' salito dalla portiera sbagliata....
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    >
    > qui si tratta di roba seria, per gente con le
    > palle, ingegneri, tecnici. gente cazzuta con la
    > tuta, non frocetti con le maniche di
    > pizzo.

    LOL gli stessi identici commenti di quando uscirono le prime voci su un cellulare fatto da Apple. Identici. La gente non impara mai
  • Telefoni che se li prendevi con la mano sbagliata non funzionavo piu'

    Con l'auto hanno fallito, poi sono andati dai tedeschi e gli hanno risposto "Ca' nisciuno e' fesso" , evidentemente a cupertino non hanno nemmeno idea di cosa serve per progettare e costruire un'auto, non e' un pcb con un guscio stondato sopra un'automobile, discorso simile per la fabbrica dei vetri (fallita), si sono ridotti a non saper fare piu' nulla senza l'aiuto dei cinesi, non hanno un sistema operativo propio almeno MS ne ha uno voi neanche quello, non sanno neanche approntare una linea di produzione (parole di Steve Jobs)

    Allora Stalmann ha ragione, questa e' l'unica cosa di cui siete esperti

    «computer con manette digitali più strette e ingiuste che mai. Li ha progettati per rifiutare di lasciare agli utenti persino la scelta di installare le proprie applicazioni – installare applicazioni libere (che rispettano il principio di libertà) è completamente proibito. Ha persino provato a rendere illegale installare il software non approvato da Apple»
    non+autenticato
  • - Scritto da: ma dai
    >
    > Telefoni che se li prendevi con la mano sbagliata
    > non funzionavo piu'

    Google stava lavorando su Android, e dopo la prima demo di iPhone nel 2007, il capo del progetto disse testuali parole: "dobbiamo rifare tutto da capo"

    >
    > Con l'auto hanno fallito, poi sono andati dai
    > tedeschi e gli hanno risposto "Ca' nisciuno e'
    > fesso" , evidentemente a cupertino non hanno
    > nemmeno idea di cosa serve per progettare e
    > costruire un'auto

    cioè: al momento sappiamo dei prototipi di Google e non sappiamo quasi nulla di quelli di Apple.. un po' come nel 2007 coi telefoni.. Però tu sei già in grado di dire chi ha fallito e chi no. Dacci anche i numeri del lotto già che ci sei

    > discorso simile per
    > la fabbrica dei vetri (fallita)

    interessante, parlaci di questa fabbrica di vetri di Apple di cui nessuno è a conoscenza tranne te Rotola dal ridere

    > si sono ridotti
    > a non saper fare piu' nulla senza l'aiuto dei
    > cinesi

    il mio iPhone è assemblalto dai cinesi, il tuo smartphone è PROGETTATO E ASSEMBLATO dai cinesi.. spyware incluso. Se a te piace così

    > non hanno un sistema operativo propio

    è vero, ne hanno 2 infatti, e ringraziali ogni volta che lanci una stampa visto che sono a capo del progetto CUPS


    > Allora Stalmann ha ragione, questa e' l'unica
    > cosa di cui siete esperti

    guarda, secondo piedi puzzosi (cit.) tu sei un cretino perchè usi un personal tracking device.. In pratica per dar retta a lui dobbiamo buttare via tutto

    vai dacci tu il buon esempio, butta quel cellulare e poi ne riparliamo
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: ...
    > >
    > > qui si tratta di roba seria, per gente con le
    > > palle, ingegneri, tecnici. gente cazzuta con
    > la
    > > tuta, non frocetti con le maniche di
    > > pizzo.
    >
    > LOL gli stessi identici commenti di quando
    > uscirono le prime voci su un cellulare fatto da
    > Apple. Identici. La gente non impara
    > mai

    Prendila così, se mai un giorno girerai con un'auto a guida automatica by Apple, avrai raggiunto lo scopo della tua vita. Quello di essere un verme dentro una mela bacata su ruote, come il oersonaggio del tuo avatar.
    non+autenticato
  • Me la immagino in due tonalità: rosa shocking o verde pisello. Andra' a ruba tra stilisti, ballerini, parrucchieri per signora, personal trainer.
    noi normali, no.
    non+autenticato
  • A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta

    A bocca storta
    non+autenticato
  • Gli sforzi per recuperare il vantaggio competitivo (forse) perduto sono stati immani, seppur silenti.

    Mica hanno recuperato lo svantaggio. Mica basta un bel lavoro teorico, serve anche una gran numero di ore di test efetivo su strada. Google che è quella che ha accumulato più ore di test è passata alla seconda fase:

    https://www.wired.com/story/waymo-google-arizona-p.../

    Se Apple vuole recuperare lo svantaggio o ci butta tanti soldi assume centinaia di ricercatori ed inizia a testare contemporaneamente tante macchine o continua a pagare giornalisti e politici, convince tutti che il loro sistema è il migliore anche se non è mai stato collaudato sul serio e lo mette su strada come Microsoft fa con Windows.

    P.S. Notare la sottigliezza del liguaggio, il giornalista non vuole sottolineare il fatto che Apple sia indietro quindi invece di parlare di "svantaggio" parla di recuperare il "vantaggio". Peccato che la propaganda quando si arriva ai collaudi tecnici non serva a niente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: 0d19984fb84
    > Se Apple vuole recuperare lo svantaggio o ci
    > butta tanti soldi assume centinaia di ricercatori
    > ed inizia a testare contemporaneamente tante
    > macchine

    Il problema di apple non sono i soldi e nemmeno assumere migliaia di ricercatori (entrambe cose messe a disposizione del progetto originario apple car). Il problema è la mancanza di manager tecnici capaci di portare avanti lo sviluppo di un progetto molto più complesso dei gadget tecnologici che normalmente produce.

    L'opzione meno costosa che garantisce il risultato sarebbe comprarsi tesla.
  • > P.S. Notare la sottigliezza del liguaggio, il
    > giornalista non vuole sottolineare il fatto che
    > Apple sia indietro quindi invece di parlare di
    > "svantaggio" parla di recuperare il "vantaggio".

    si chiama "piaggeria".
    http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/P...
    Tendenza all'adulazione, cortigianeria, servilismo

    matematicamente si rappresenta cosi':

    Berlusconi : emiliofede = Apple : redazionePI

    :D
    non+autenticato
  • > Berlusconi : emiliofede = Apple : redazionePI

    Berlusconi non ha vinto tante elezioni grazie ad Emilio Fede, ma grazie al lavoro combinato di tutti i mezzi di comunicazione italiani.
    Emilio Fede serve solo a distrarre l'attenzione dagli altri.
    non+autenticato