Claudio Tamburrino

WhatsApp -Facebook, la Francia visualizzata e risponde

Il garante per la privacy transalpino dà l'ultimatum per interrompere il flusso di informazioni tra il servizio di messaggistica e il social che ne detiene la proprietà

Roma - La CNIL (Commission nationale de l'informatique et des libertés) ha ritenuto illecito lo scambio di informazioni tra Whatsapp e Facebook relativamente ai dati degli utenti del servizio di messaggistica.

Secondo il Garante della privacy francese, infatti, non solo mancherebbero gli adegueti permessi alla raccolta dei dati come richiesto dalla normativa europea in materia di privacy, ma Whatsapp avrebbe inoltre mancato di collaborare con l'autorità francese. Infine, a gravare sulla posizione del servizio di messaggistica il fatto che non è messo a disposizione degli utenti un sistema di opt-out e che pertanto l'unico modo che hanno gli utenti per impedire la condivisione dei dati è al mometo disinstallare l'applicazione.

Tutto nasce dal fatto che tra le prime conseguenze dell'acquisto di WhatsApp da parte di Facebook nel 2014 vi è stata l'integrazione dei dati degli utenti tra le due piattaforme, per servizi come la richiesta di aggiungere il numero di telefono dei contatti individuati nella propria cerchia di amici Facebook: il tutto senza richiedere il consenso esplicito agli utenti
Pertanto l'Authority ha imposto al servizio di messaggistica un termine perentorio di un mese per bloccare ogni condivisione di dati degli utenti con la compagnia proprietaria, Facebook, senza che vi sia stato un esplicito, preventivo e necessario consenso da parte degli stessi.

Tramite un portavoce Whatsapp si è limitata a commentare la sua disponibilità a continuare a collaborare con le autorità locali "per garantire che gli utenti comprendano quali informazioni vengono raccolte e come vengono utilizzate", non mancando tuttavia di polemizzare con le indicazioni ricevute: "Ci impegniamo a risolvere le diverse e talvolta contraddittorie preoccupazioni che hanno sollevato le autorità per la protezione dei dati, con un approccio comune a livello europeo prima che nuove norme sulla protezione dei dati a livello di blocco entrino in vigore nel maggio 2018".

Per il momento quello francese è solo un monito: tuttavia multe e altre sanzioni potrebbero trovare applicazione qualora Whatsapp non si adegui alle richieste, d'altra parte già in passato la Commissione Europea ha multato Facebook per 110milioni di Euro per aver fornito informazioni forvianti circa il suo acquisto di Whatsapp e da Maggio 2018 la nuova normativa sulla protezione della privacy europea permetterà anche alle Authority nazionali di emettere multe fino al 4 per cento del fatturato totale dell'azienda trovata in violazione.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • TecnologiaWhatsApp, spostamenti tracciatiA breve l'app di messaggistica verrà aggiornata introducendo una nuova funzionalità già in uso da molti concorrenti: la condivisione live della posizione dell'utente e i suoi spostamenti, ovviamente disattivabile
  • AttualitàCina, stretta su WhatsApp e social networkContinua l'innalzamento della grande muraglia digitale cinese: ora è il turno dell'app di messaggistica più usata al mondo e di alcuni servizi responsabili, secondo Pechino, di veicolare contenuti pericolosi per l'ordine pubblico
  • BusinessWhatsApp, cofondatore dimissionarioBrian Acton ha annunciato di lasciare l'azienda per dedicarsi ad un progetto no profit. Il recente avvio di una nuova strategia di monetizzazione voluta da Facebook potrebbe aver favorito la decisione
70 Commenti alla Notizia WhatsApp -Facebook, la Francia visualizzata e risponde
Ordina
  • staccalo e basta questo servizio in tutta europa poi saranno loro a correre
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stelvio Brunazzi
    > Dio c'è!

    Nun c'è ne fotte nu cazz!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stelvio Brunazzi
    > Dio c'è!

    Hai fatto il backup?
  • Servono nuove regole anti-trust. Quando si valuta una fusione tra due aziende bisogna valutare non solo l'impatto sul mercato dal punto di vista economico, ma anche l'impatto sul controllo dei dati. Informazione è potere.
    non+autenticato
  • Se le aziende operano in un altro paese le regole locali sono un pelo limitare.

    Quel che serve è imporre software libero e realizzare con esso piattaforme distribuite e tornare al controllo statale sulle reti di comunicazione, come su ogni altro servizio critico: abbiamo ben visto che la gestione privata è assai peggiore di quella pubblica.
    non+autenticato
  • implicare che ci sia sempre una soluzione open source adeguata al problema.
  • Quale problema? Quello di inviare messaggi testuali con eventuali allegati? La mail esiste da alcuni decenni e funziona meglio di WA. Fare videochiamate? Abbiamo molti softphones FOSS, anche telefoni fisici e tutti questi sono perfettamente interoperanti tra loro senza legarti a nessun servizio in particolare. Che altro manca? La massa di polli che usano chi si fa più pubblicità? Si, questo manca, ed è proprio per questo che dico cose come:
    - la scuola/l'università devono essere PUBBLICHE e aver fondi PUBBLICI adeguati per far ricerca. Questo fa si che vi siano sempre soluzioni libere, di tutti, avanzate e regolarmente al di sopra di ogni azienda privata, questo garantisce che il sapere sia pubblico, non privato, questo forma cittadini consapevoli informati da gente che lavora per loro, non da markettari che lavorano dall'altra parte della barriccata
    - il software libero dev'essere la sola forma di software commerciabile poiché non possiamo permetterci scatole nere
    - il ferro le cui specifiche non sono pubbliche non deve analogamente essere commerciabile
    ecc ecc ecc

    Ma qui andiamo molto OT. La sostanza IT è che di WhatsApp non c'è alcun bisogno reale né validi motivi per usarlo a meno di non chiamarsi Facebook od esserne di lui azionista.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xte
    >
    > Ma qui andiamo molto OT. La sostanza IT è che di
    > WhatsApp non c'è alcun bisogno reale né validi
    > motivi per usarlo a meno di non chiamarsi
    > Facebook od esserne di lui azionista.

    Installo WhatsApp e posso chattare con il 90% dei miei contatti, scambiare file e chiamare in VoIP, videochiamate incluse.
    Installo Threema e posso chattare solo con me stesso. Installo roba basata su IRC e posso parlare con due persone in tutto.
    Un pochino di differenza c'è, se permetti.
    Izio01
    4765
  • - Scritto da: Izio01
    > - Scritto da: xte
    > >
    > > Ma qui andiamo molto OT. La sostanza IT è
    > che
    > di
    > > WhatsApp non c'è alcun bisogno reale né
    > validi
    > > motivi per usarlo a meno di non chiamarsi
    > > Facebook od esserne di lui azionista.
    >
    > Installo WhatsApp e posso chattare con il 90% dei
    > miei contatti, scambiare file e chiamare in VoIP,
    > videochiamate
    > incluse.
    > Installo Threema e posso chattare solo con me
    > stesso. Installo roba basata su IRC e posso
    > parlare con due persone in
    > tutto.
    > Un pochino di differenza c'è, se permetti.

    Perche' sbagli il punto di vista dell'approccio.

    Installi WA e ti rompono i coglioni il 90%.
    Installi Threema e non ti rompe i coglioni nessuno.

    Un pochino di differenza c'è, se permetti.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Izio01
    > > - Scritto da: xte
    > > >
    > > > Ma qui andiamo molto OT. La sostanza IT
    > è
    > > che
    > > di
    > > > WhatsApp non c'è alcun bisogno reale né
    > > validi
    > > > motivi per usarlo a meno di non
    > chiamarsi
    > > > Facebook od esserne di lui azionista.
    > >
    > > Installo WhatsApp e posso chattare con il
    > 90%
    > dei
    > > miei contatti, scambiare file e chiamare in
    > VoIP,
    > > videochiamate
    > > incluse.
    > > Installo Threema e posso chattare solo con me
    > > stesso. Installo roba basata su IRC e posso
    > > parlare con due persone in
    > > tutto.
    > > Un pochino di differenza c'è, se permetti.
    >
    > Perche' sbagli il punto di vista dell'approccio.
    >
    > Installi WA e ti rompono i coglioni il 90%.
    > Installi Threema e non ti rompe i coglioni
    > nessuno.
    >
    > Un pochino di differenza c'è, se permetti.

    :DA bocca apertaA bocca aperta
    Da vecchio misantropo, la battuta mi piace!

    P.S. Lo so, la risposta è: "Battuta? Quale battuta?"
    Izio01
    4765
  • È il classico "tecnnico", di cosa ti stupisci ?
  • Eh sai, se metti un po' di PR in un'isola sperduta avrai prodotto un po' di concime, se ci metti un po' di tecnici potresti produrre una società.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xte
    > Eh sai, se metti un po' di PR in un'isola
    > sperduta avrai prodotto un po' di concime, se ci
    > metti un po' di tecnici potresti produrre una
    > società.

    Evita i discorsi già fatti è ragiona: In un messaggio (sparito dalla moderazione) davi per scontato che chiunque possa farsi una webserver per comunicare e altre cose simili, perché tu vedi le cose da tecnico e non vedi la cosa dal lato usabilità delle persone comuni.
    Pretendere che esista SEMPRE una soluzione open adeguata a certi problemi è un utopia in moltissimi settori.
  • > Evita i discorsi già fatti è ragiona
    Li faccio, spiegando, proprio perché ragiono, con la mia testa ovviamente, non con quella del markettaro di turno.

    > davi per scontato che chiunque possa
    > farsi una webserver
    Ma anche no, semmai avrò scritto che chiunque, se vuole, può gestirsi le mail *totalmente* in casa e aggiunto subito al seguito che già tenersi in locale i propri messaggi, completi di ricerca full-text è un bel plus, non solo per performance ma perché si ha il controllo dei propri files. Poi se per te è meglio aver chessò le proprie foto su Google Drive o iCloud "così quando cambio telefono mi arrivano senza problemi" è un altro discorso e la mia risposta sarà sempre: tu stai dando roba tua ad un altro fidandoti, perché non puoi che fidarti, che questo sia onesto e non faccia casino. La famosa storia di "Pippate di sotto" pubblicata su ILI dovrebbero leggerla tutti, due volte.

    > Pretendere che esista SEMPRE una soluzione
    > open adeguata a certi problemi è un utopia
    > in moltissimi settori.
    Un po' come a fine '800 la borghesia tedesca diceva che pretendere la democrazia per governare un paese è un'utopia. Per me è una scelta e senza bisogno di soluzioni "homegrown" complicate non uso WA&c pur comunicando col mondo senza problemi.
    non+autenticato
  • Ecco quello che si dice chiudere la stalla quando i buoi sono già usciti. L'unico blocco efficace sarebbe stato in sede anti-trust prima che l'acquisto fosse stato completato. Quello che può cambiare ora è solo l'informazione data agli utenti su quello che succede nel backend.
    non+autenticato
  • qualcuno sa dove posso vedere i dati personali raccolti? non dovrebbe essere un diritto vedersi i propri?
    non+autenticato
  • - Scritto da: personale
    > qualcuno sa dove posso vedere i dati personali
    > raccolti? SI!

    Vai da chiunque non sei tu! Magari inizia da qualche assicurazione.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)