Mirko Zago

Chrome chiude le porte alla pubblicità?

Google tenta di mettere freno alla diffusione degli adblock dotando Chrome di uno proprietario. Bloccherà però solo la pubblicità che non rispetterà standard definiti e condivisi

Roma - Chrome ha deciso di non mostrare più messaggi pubblicitari non desiderati, incorporando un adblock proprietario. La data a partire dalla quale l'utente potrà scegliere di bloccare i banner fastidiosi è fissata per il 15 febbraio. Risale a giugno la rivelazione del progetto di Google. L'azienda aderendo alla Coalition for better ads, si è impegnata ad intraprendere misure volte a bloccare i formati pubblicitari invasivi, come full-page e interstitial, piuttosto che pubblicità che prevede l'attivazione di suoni inaspettati così come le odiose flashing ads, anche qualora questi formati fossero ospitati negli stessi server di Google.

pubblico

Da recenti ricerche è stato comprovato che gli utenti non amano in particolare i seguenti formati, destinati quindi all'estinzione forzata online: pop-up, prestitial, animazioni in flash, poststitial ads con conto alla rovescia, scrollover a schermo intero, sticky ads grandi, video in autoplay con audio. A questi formati si aggiungono anche le pagine mobile con una densità di pubblicità superiore al 30 per cento.

A partire da febbraio del nuovo anno, quindi, Google, parteciperà attivamente nella diffusione di pubblicità più trasparente e chiara per l'utente e soprattutto meno invasiva. Parallelamente Google approfitterà di Chrome per tagliare i proventi pubblicitari di siti che erogano pubblicità di bassa qualità che non rispettano i Better Ads Standards. Ma soprattutto Google mira ad ostacolare la diffusione di soluzioni drastiche di blocco pubblicitario, i famigerati adblock. L'adozione di cattive pratiche pubblicitarie hanno negli ultimi anni convinto un numero sempre crescente di utenti ad installare sistemi di adblock che eliminano in toto la presenza di banner nelle pagine dei siti internet (solo in Italia si calcola che siano installati nel 17 per cento dei pc dei navigatori, un interessante rapporto è stato pubblicato anche dall'Interactive Advertising Bureau, IAB. Nel mondo la cifra sale a oltre 615 milioni).
Google ha previsto un tool gratuito e facile da usare online che permette ai webmaster di verificare se i loro siti rispettano le linee guide e quindi vengono mostrati correttamente (pubblicità comprese) da Chrome. Il Rapporto Esperienza con gli annunci sarà disponibile a brevissimo e fungerà da verificatore. Parallelamente sono disponibili le linee guida di DoubleClick by Google utili anche in questo caso a comprendere se i messaggi pubblicitari che si vogliono veicolar hanno le carte in regola oppure no e un utile forum di supporto. Il citato Rapporto Esperienza, verificherà anche le eventuali "violazioni degli standard e i proprietari dei siti possono inviare il loro sito per una nuova revisione una volta che le violazioni sono state corrette. A partire dal 15 febbraio, Chrome rimuoverà tutti gli annunci dai siti che hanno uno stato "in errore" nel rapporto Esperienza con gli annunci per più di 30 giorni".

Se gestite un sito e sporadicamente vi capita di ospitare qualche formato un po' più invasivo di altri, non preoccupatevi troppo. Google ha chiarito che la valutazione della conformitàdelle società partecipanti condotta in relazione al Programma sarà basata almeno inizialmente su soglie di tolleranza: 7,5 per cento nei primi due mesi successivi alla data di entrata in vigore del programma; 5 per cento nei successivi quattro mesi; 2,5 per cento nei mesi successivi.

Mirko Zago
fonte immagine
Notizie collegate
  • Diritto & InternetAdBlock Plus, una nuova vittoriaLa giustizia tedesca dà nuovamente ragione allo sviluppatore tedesco Eyeo, che con il suo popolare adblocker aveva innescato le denunce di Spiegel Online
  • AttualitàChi blocca i blocchi di Adblock Plus?Indiscrezioni parlano di un giro di finanziamenti "segreti" per figurare nelle whitelist del popolare ad-blocker. Le parti interessate non commentano, ma la pratica è ben nota, e ufficialmente dichiarata da tempo. E potrebbe affermarsi anche a mezzo realtà aumentata
  • AttualitàChrome, l'AdBlock fasullo che spaccia pubblicitàScovato un add-on malevolo per il browser di Google, un adblocker che in realtà visualizzava pubblicità. La colpa è della corporation di Mountain View, dice il ricercatore che ha individuato il problema
10 Commenti alla Notizia Chrome chiude le porte alla pubblicità?
Ordina
  • per non apprezzare l'etica che google si autoimpone, probabilmente bisogna essere degli sbarbati.
    non+autenticato
  • PI è pieno di pubblicità invasiva, il 15 feb saranno cazzi.
    non+autenticato
  • Una multinazionale che vende pubblicità ora vuole decidere quale pubblicità fare passare e ovviamente nessun gironalista si accorge del mostruoso conflitto di interessi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bbb988296f7
    > Una multinazionale che vende pubblicità ora vuole
    > decidere quale pubblicità fare passare e
    > ovviamente nessun gironalista si accorge del
    > mostruoso conflitto di
    > interessi.

    Cercare di rendere la pubblicità più tollerante al navigatore non mi sembra un conflitto d'interessi.
    Se non sbaglio vari circuiti pubblicitari avevano ammesso che per colpa della loro disinteresse nel curare la pubblicità in modo meno fastidioso, gli adblock hanno trovato terreno fertile.
  • > Cercare di rendere la pubblicità più tollerante
    > al navigatore non mi sembra un conflitto
    > d'interessi.
    Chi decide cosa va bene e cosa no?
    Hai il salame negli occhi?
    Qui l'obiettivo, nemmeno troppo nascosto, è di bloccare la pubblicità che non passa da Google stessa.
    Oppure pensi che la pubblicità di Google possa non rispettare le regole di Google?
    Il browser dovrebbe essere neutrale, invece abbiamo sempre più uno strumento che decide per noi cosa vedere e come vederlo. È inquietante di per sé, ma lo è ancora di più se pensi che ci sono tanti fan in giro pronti ad accettare questo schiavismo digitale a fronte di un servizietto gratuito.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pandino
    > > Cercare di rendere la pubblicità più
    > tollerante
    > > al navigatore non mi sembra un conflitto
    > > d'interessi.
    > Chi decide cosa va bene e cosa no?
    > Hai il salame negli occhi?
    > Qui l'obiettivo, nemmeno troppo nascosto, è di
    > bloccare la pubblicità che non passa da Google
    > stessa.
    > Oppure pensi che la pubblicità di Google possa
    > non rispettare le regole di
    > Google?
    > Il browser dovrebbe essere neutrale, invece
    > abbiamo sempre più uno strumento che decide per
    > noi cosa vedere e come vederlo.

    Tu fai pure l'uso che preferisci dei cetrioli, ma non dire che tutti ne fanno l'uso che fai tu.

    Io ho uno strumento che DECIDO IO che cosa vedere e come vederlo.

    > È
    > inquietante di per sé, ma lo è ancora di più se
    > pensi che ci sono tanti fan in giro pronti ad
    > accettare questo schiavismo digitale a fronte di
    > un servizietto
    > gratuito.

    Internet e' aggratis per definizione.

    Poi c'e' chi paga, chi si fa profilare, chi si fa spammare, e chi invece ha una esperienza di navigazione sicura e leggera.
  • - Scritto da: panda rossa

    >
    > Internet e' aggratis per definizione.

    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa

    > Io ho uno strumento che DECIDO IO che cosa vedere
    > e come vederlo.
    Questo strumento decide anche al posto tuo come scrivere in "italiano" o le frasi arrivano direttamente dal tuo (cit.) cervello?

    > > inquietante di per sé
    non+autenticato
  • Ma almeno un servizio te lo danno, si prendono la tua vita, ti mandano nelle fiamme dell'inferno pubblicitario, ma in cambio ti regalano spazio web, servizi online e via discorrendo.
    Io mi arrabbio molto di più con chi si fa pagare il servizio (caro) e poi vende comunque la tua anima a servizi commerciali terzi.
    Quando si firma un contratto c'è sempre quella crocetta in fondo dove dice "Acconsento affinché i miei dati vengano distribuiti a soggetti terzi ai fini di promozione...".
    Di solito flaggo "NO", ma qualche volta potrei essere distratto.
    non+autenticato
  • Ma almeno un servizio te lo danno, si prendono la tua vita, ti mandano nelle fiamme dell'inferno pubblicitario, ma in cambio ti regalano spazio web, servizi online e via discorrendo.
    Io mi arrabbio molto di più con chi si fa pagare il servizio (caro) e poi vende comunque la tua anima a servizi commerciali terzi.
    Quando si firma un contratto c'è sempre quella crocetta in fondo dove dice "Acconsento affinché i miei dati vengano distribuiti a soggetti terzi ai fini di promozione...".
    Di solito flaggo NO, ma qualche volta potrei essere distratto.
    non+autenticato