Mirko Zago

Chromecast ha troppa fame di dati... e butta giù il wi-fi!

Si moltiplicano le segnalazioni di chi lamenta la caduta del segnale wi-fi. E il problema affligge persino Google Home e altri dispositivi Android. La colpa sarebbe di un eccesso di "pacchetti" di dati scambiati

Roma - Chromecast, il dispositivo di Google che permette dal 2013 di connettere facilmente la televisione di casa a Youtube ha un problema: in alcuni casi manda in tilt il router. E ad essere affetto non è solo il segnale streaming condiviso con la piattaforma video, ma l'intero segnale wi-fi. Il problema è dovuto ad un eccesso di dati che il dispositivo richiede in un lasso di tempo limitato al router. A spiegarlo è il team tecnico di Tp-link che durante alcuni test hanno notato che il dispositivo in una ventina di secondi dall'accensione scambia ad alta velocità anche fino a 100mila pacchetti di dati in tempo reale con i servizi di Google. Si tratta dei pacchetti MDNS ("multicast Domain Name Server") scambiati non solo tra Chromecast e Youtube ma tra tutti i dispositivi Android anche con Google Play Movies & TV, e Google Photos con la finalità di mantenere la connessione attiva.


Chromecast

La mole di questi dati sarebbe però eccessiva per garantire una comunicazione stabile tra dispositivi. Ed è così che numerosi router in commercio, per "preservarsi" spengono alcune loro funzioni, tra le quali il segnale wi-fi piuttosto che esaurire la memoria a loro disposizione e quindi bloccandosi. Inoltre la mole di dati sarebbe crescente più il dispositivo è rimasto in modalità stand by, finendo per bloccare per diversi minuti la connessione wi-fi nel momento in cui le comunicazioni tra dispositivi e servizi della grande G tentano di ripristinarsi.

Google è a conoscenza del problema, che si manifesterebbe in maniera similare anche con l'assistente Google Home. In attesa che l'azienda rilasci una patch alcuni produttori hanno cominciato a correre ai ripari rendendo disponibili aggiornamenti dei firmware o suggerendo di disabilitare la funzionalità Cast dal dispositivo Android. Ma è evidente che si tratta al momento di soluzioni temporanee in attesa di una ufficiale.
Google ha già raccolto diverse segnalazione dagli utenti, invitati a inoltrare feedback nel momento in cui il problema dovesse manifestarsi attraverso la funzione apposita presenta nell'app Android. Anche se ormai dal punto di vista tecnico si è già compreso il bug. Google ha già confermato ufficialmente che la squadra sta lavorando per risolvere rapidamente il problema e condividere la soluzione.

Mirko Zago
fonte immagine
Notizie collegate
16 Commenti alla Notizia Chromecast ha troppa fame di dati... e butta giù il wi-fi!
Ordina
  • ...quando si tratta di sfonnare un router.
    non+autenticato
  • Ammettere semplicemente che aggiungere layers e far la torre di babele non è una buona cosa no eh?!

    Signori serve un X moderno, trasmissibile in rete come il vecchio Xorg, MA in una rete moderna, internet nella fattispecie, quindi con la sicurezza e la semplicità di ssh. Il resto è spazzatura workaround e il non-mi-ricord-come-si-chiama X di Android non è una risposta.
    non+autenticato
  • La necessità di avere schermi remoti riguarda anche il cavo, essenzialmente oggi la possibilità di avere un X remoto serve ovunque, dall'assistenza desktop domestica alle conferenze e ad oggi non abbiamo soluzioni che non siano torri di babele o hack (Bomgar, TeamViewer, imPcRemote, AnyDesk ecc inclusi sino allo screen sharing di Jitsi e a WebEx) su ogni OS mainstream.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xte
    > La necessità di avere schermi remoti riguarda
    > anche il cavo, essenzialmente oggi la possibilità
    > di avere un X remoto serve ovunque,
    > dall'assistenza desktop domestica alle conferenze
    > e ad oggi non abbiamo soluzioni che non siano
    > torri di babele o hack (Bomgar, TeamViewer,
    > imPcRemote, AnyDesk ecc inclusi sino allo screen
    > sharing di Jitsi e a WebEx) su ogni OS
    > mainstream.

    non so dove devi portare il segnale (in Uganda?) ma una scheda video e' in grado di gestire tranquillamente 6 uscite video solo con i driver e un cavo cat 7 porta 10 Gb/s e ha una portata senza switch aggiuntivi di 100 metri, una soluzione video over ip con streaming audio/video fullhd/4k e' la piu' economica e flessibile e di fatto sta spopolando, non parlo di manutenzione remota pc dove va tutto bene
    non+autenticato
  • Io parlo proprio di "manutenzione" remota perché se fai un X decente in tal senso ti va benissimo anche in lan e ad oggi non abbiamo nulla del genere.
    Continuiamo ad ammassare hack vari dall'uso locale alle soluzioni remote proprio per questa mancanza di fondo.

    PS cat7 con un permanent link di 100m dubito che potrai mai certificarlo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: xte
    > Io parlo proprio di "manutenzione" remota perché
    > se fai un X decente in tal senso ti va benissimo
    > anche in lan e ad oggi non abbiamo nulla del
    > genere.
    > Continuiamo ad ammassare hack vari dall'uso
    > locale alle soluzioni remote proprio per questa
    > mancanza di
    > fondo.
    >
    > PS cat7 con un permanent link di 100m dubito che
    > potrai mai
    > certificarlo...
    AirPlay funziona.
    non+autenticato
  • > AirPlay funziona.
    Non tutti hanno un mac, c'è gente che idolatra Google, webeti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: .oOo. .oOo. .oOo. .oOo..oOo. .oOo. .oOo.
    > chi

    MAMMUT.
    non+autenticato
  • Anche Chromecast/Miracast/TV/AnyDesk/* funzionano, ma sono *tutti* hack costruiti su torri di babele tenute insieme con lo scotch.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xte
    > Anche Chromecast/Miracast/TV/AnyDesk/*
    > funzionano, ma sono *tutti* hack costruiti su
    > torri di babele tenute insieme con lo
    > scotch.

    Io sapevo con lo sterco.
    non+autenticato