Urbani non presenta decreto P2P

Conferma

Roma - Il ministro Giuliano Urbani ha diramato una nota in cui ha annunciato che al Consiglio dei Ministri di venerdì mattina non ha presentato il decreto su cinema e pirateria cinematografica.

Nella nota Urbani segnala di non aver preso parte al Consiglio dei Ministri, di non averlo ritenuto opportuno per "l'inopinata impossibilità di discutere e approvare il decreto-legge proposto già una settimana fa".

Urbani ha anche specificato di aver scritto al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi mettendosi a "sua completa disposizione, confidando in una sollecita definizione di un problema così delicato, dal quale dipendono finanziamenti, peraltro già previsti dalla legge, al Cinema e al Teatro, alla Musica e ai Beni culturali in generale, con particolare riguardo ad una rilevante quantità di lavoratori precari attualmente impegnati a sostegno della tutela del Patrimonio artistico nazionale".
Punto Informatico ha parlato con il Ministero che ha confermato di non conoscere, a questo punto, i tempi in cui verrà presentato ed esaminato il decreto che, come noto, punta anche a contrastare in modo molto più severo la pirateria sul cinema, in particolare quella via Internet.

Clicca qui per accedere al forum della notizia "Il Governo contro il P2P".
TAG: italia
108 Commenti alla Notizia Urbani non presenta decreto P2P
Ordina
  • è stato fatto sui film,perchè berlusconi possiede la medusa film?
    non+autenticato

  • Ida di Benedetto
    non+autenticato
  • A mio avviso penso che sia stato il solito polvero perchè eravmo sotto Festival ed esce sempre il discorso delle pirateria......

    Qualcosa magari verrà fatto ma non al livello di persecuzione anche perchè i signori poi al governo non ci torneranno più per i prossimi 10.000 anni.

    Ciao
    non+autenticato
  • Anni fa Bepe Grillo proponeva di pagare il prezzo del cinema in base al costo del film: in pratica, è assurdo spendere 7 euro per un film di 200 milioni di dollari e 7 euro per una porcata di Vanzina da una decina di miliardi della vecchie lire...I comici la sanno sempre lunga.
    non+autenticato
  • mi sembra di aver capito che il decreto verrà riproposto... qualcuno sa quando? e magari anche in che sito seguire le vicessitudini legali??

  • - Scritto da: bags
    > mi sembra di aver capito che il decreto
    > verrà riproposto... qualcuno sa
    > quando? e magari anche in che sito seguire
    > le vicessitudini legali??

    Ogni consiglio dei ministri è buono per la riproposizione...
    non+autenticato
  • nn si rendono davero conto... questa dabbenaggine è davvero lodevole,
    Punto primo l'abbonamento internet a banda larga l'hanno voluto loro con sovvenzioni e quantaltro anche a caro prezzo per gli utenti ma che te ne fai della banda larga ? ci navighi ? se era solo per questo ci tenevamo tutti il 56k, se il decreto passa le compagnie telefoniche si troveranno in gravissime difficoltà, vi immaginate... tutti disdirranno gli abbonamenti banda larga.. e gli ammanchi da dove verranno fuori?, senza considerare il fatto che se il tipo non scarica più da internet perchè magri ha paura, il cd se lo va a comperare tranquillamente dal marocchino (con il massimo rispetto razziale) sotto casa, sono soldi che gira e rigira sappiamo tutti nelle mani di chi vanno a finire.
    I CD? costano 20-25 euro ma sono impazziti tutti? qualche anno fa stavano 15-20milalire e tutti li compravano abbastanza contentim, poi i prezzi si sono alzati , nei cd c'è una o magari 2 canzoni buone e pretendi che io vada a comprarmi il cd? anche qui stesso ragionamento della vendita per strada delle copie piratate.
    I film? ci andiamo tutti a vederli ancora, il signore degli anelli è stato campione di incassi, la credibilità del cinema italiano come anche quello estero si è andata perdendo con gli anni, film scialbi, insignificanti, nessuno vuole pagare il biglietto per una schifezza megagalattica, ho scaricato poca roba io e vi dico la verità che i film che ho o li ho già visti al cinema oppure sono andato a rivederli in sala perchè mi piacevano e poi comunque la maxisala è tutta un'altra cosa, è un piacere... Ho visto dei film che al cinema che non me ne sono andato dalla sala solo perchè avevo pagato il biglietto, anzi ad uno me ne sono proprio andato...

    riassumendo
    1)al cinema ci si va sempre se il film è bello
    2)i cd costano troppo per quello che offrono
    3)A che serve la banda larga?
    4)La banda larga l'hanno voluta loro

    se il decreto passa

    1)pirateria alle stelle
    2)gravissimi problemi x le compagnie telefoniche
    3)se pensano che gli incassi del cinema si alzino stanno freschi!
    4)io le canzoni me le registro dalla radio dab
    5)la privacy sarà un'utopia

    io mi sento sempre meno tutelato e questo non farà altro che far vacillare le cose...
    non+autenticato
  • quoto in pieno
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 29 discussioni)