Alfonso Maruccia

Apple acquisisce Texture, il Netflix delle riviste

Nuova operazione finanziaria per Cupertino, che questa volta mette le mani su un servizio molto popolare presso gli editori di riviste mensili. L'obiettivo è battere le "fake news" con i contenuti di qualità?

Roma - Apple ha recentemente annunciato di aver stretto accordi per acquisire Texture, servizio di editoria digitale che offre centinaia di pubblicazioni al "modico" prezzo di un abbonamento mensile. Grazie all'infusione di contenuti di qualità, Cupertino potrebbe così agire da una posizione privilegiata per dare l'assalto alle polemiche sulle "fake news" e le informazioni fasulle che circolano sui social network.

L'operazione - dal valore commerciale al momento ignoto - dovrebbe portare nella disponibilità di Apple più di duecento riviste, una messe di informazioni che era finora disponibile sia su iOS che su Android, Windows e dispositivi Amazon. Per ora Texture continuerà a operare come sempre ma in futuro le cose potrebbero cambiare.

Anche noto come "Netflix delle riviste", il business dell'edicola digitale era nato come "Next Issue" già nel 2010, in un periodo in cui iPad e gli altri tablet venivano salutati come i futuri salvatori del business delle riviste grazie alla loro form factor particolarmente adatto alla lettura di quel genere di prodotto editoriale.
Nel 2016 Texture poteva contare su "centinaia di migliaia" di abbonati, dicono i dati, tutti apparentemente disposti a sborsare $10 al mese per leggere pubblicazioni come National Geographic, Vanity Fair, Time, Wired e molti altri.

Nell'annunciare l'acquisizione, Apple ha sottolineato la volontà di supportare il "giornalismo di qualità da fonti fidate" presentato con un design ricercato, una prospettiva che a conti fatti risulta diametralmente opposta dai network concorrenti che preferiscono - Facebook in primis - affidarsi ai contenuti degli utenti - e quindi alle potenziali fake news prive di fondamento - per guadagnare dalle impressioni virtuali dell'advertising.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessApple News abbraccia il paywall?Cupertino sarebbe pronta ad accogliere all'interno del suo aggregatore contenuti dietro abbonamento, per non monetizzare solo con la pubblicità. Il controllo sui dati degli iscritti resterebbe agli editori
8 Commenti alla Notizia Apple acquisisce Texture, il Netflix delle riviste
Ordina
  • Nell'annunciare l'acquisizione, Apple ha sottolineato la volontà di supportare il "giornalismo di qualità da fonti fidate"

    Si fonti fidate per le corporations americane. Un flusso di fake cosi forte che pure i giornali di Berlusconi sembrano seri. Stanno perdendo tutti un sacco di soldi perche' ormai non ci crede piu' nessuno e nessuno e' disposto a spenderci un centesimo, solo i padroni continuano a riversarci soldi perche' la propaganda gli serve, ma la macchina inizia a diventare costosa anche per loro. Ecco che arrivano ulteriori concentrazioni che dovrebbero far saltare in piedi tutte le autorita' antitrust, ma per ora la prima di loro da chiamare in questione, quella americana, fa finta di niente. Il Time e' stato salvato dai fratelli Koch, quelli ne hanno di miliardi da spendere in porpaganda, il resto del gruppo ex TimeWarner dovrebbe andare a Comcast, ma l'operazione e' tanto grossa che pure gli americani se ne sono accorti, allora hanno chiamato in causa Trump che si e' esibito in un intenso trollaggio per coprire la storia.

    Comunque i ricchi hanno sempre nuove carte in serbo. Lo schema e' sempre lo stesso, quando i vecchi gruppi editoriali hanno perso la fiducia del pubblico se ne crea uno nuovo, lo si lancia come canale di intrattenimento per attirare il pubblico (Netflix), se non basta si usa lo sport (vedi Sky a suo tempo e MediaPro oggi) e una volta che hanno accalappiato i polli inizia il lavaggio del cervello.
    non+autenticato
  • > Lo schema e' sempre lo stesso, quando i
    > vecchi gruppi editoriali hanno perso la fiducia
    > del pubblico se ne crea uno nuovo, lo si lancia
    > come canale di intrattenimento per attirare il
    > pubblico (Netflix), se non basta si usa lo sport
    > (vedi Sky a suo tempo e MediaPro oggi) e una
    > volta che hanno accalappiato i polli inizia il
    > lavaggio del
    > cervello.

    Potresti spiegare meglio perfavore come sia possibile che se uno si guarda i film o i telefilm su netflix (o lo sport su sky), poi si trovi con cervello lavato dai vecchi gruppi editoriali?
    Te lo chiedo per curiosità, io non ci arrivo e non vorrei caderci.
    non+autenticato
  • > Potresti spiegare meglio perfavore come sia
    > possibile che se uno si guarda i film o i
    > telefilm su netflix (o lo sport su sky), poi si
    > trovi con cervello lavato dai vecchi gruppi
    > editoriali?
    > Te lo chiedo per curiosità, io non ci arrivo e
    > non vorrei
    > caderci.

    L'intrattenimento e' l'esca. Credi sia cosi' semplice spostare milioni di spettatori da un canale all'altro?
    Nota quanta pubblicita hanno fatto a Game of Thrones tutti i media tradizionali, non ho mai visto Netflix eppuro so tante cose della serie e ce ne sono tanti come me. Pensi sia solo pubblicita pagata? Perche' un gruppo editoriale dovrebbe accettare pubblicita che fa migrare i suoi spettatori verso altri lidi, non sono stupidi, sanno che e' controproducente per loro, ma la macchina di propaganda ha bisogno di risorse fresche.

    Il lavaggio del cervello non inizia subito, e' una cosa graduale se no non riescono a guadagnarsi la fiducia. Guarda Sky, ha iniziato col calcio, poi gli spettacoili piu' divertenti di Grillo, nel frattempo hanno lannciato un telegiornale che nel tempo e' diventato sempre piu' manipolato e piano piano Grillo si e' trasformato in guru. Ora la combinazione Grillo giornalisti Sky ha preso una bella fetta dei voti (un paio sono anche deputati M5S).
    non+autenticato
  • - Scritto da: a2b9a85043b
    > > Potresti spiegare meglio perfavore come sia
    > > possibile che se uno si guarda i film o i
    > > telefilm su netflix (o lo sport su sky), poi si
    > > trovi con cervello lavato dai vecchi gruppi
    > > editoriali?
    > > Te lo chiedo per curiosità, io non ci arrivo e
    > > non vorrei
    > > caderci.
    >
    > L'intrattenimento e' l'esca. Credi sia cosi'
    > semplice spostare milioni di spettatori da un
    > canale
    > all'altro?

    Ma vanno per l'intrattenimento, mica per altro


    > Nota quanta pubblicita hanno fatto a Game of
    > Thrones tutti i media tradizionali, non ho mai
    > visto Netflix eppuro so tante cose della serie e
    > ce ne sono tanti come me. Pensi sia solo
    > pubblicita pagata? Perche' un gruppo editoriale
    > dovrebbe accettare pubblicita che fa migrare i
    > suoi spettatori verso altri lidi, non sono
    > stupidi, sanno che e' controproducente per loro,
    > ma la macchina di propaganda ha bisogno di
    > risorse
    > fresche.

    Forse perché, come è appena successo, alla fine hanno fatto accordo per avere netflix incluso su sky?

    >
    > Il lavaggio del cervello non inizia subito, e'
    > una cosa graduale se no non riescono a
    > guadagnarsi la fiducia. Guarda Sky, ha iniziato
    > col calcio, poi gli spettacoili piu' divertenti
    > di Grillo, nel frattempo hanno lannciato un
    > telegiornale che nel tempo e' diventato sempre
    > piu' manipolato e piano piano Grillo si e'
    > trasformato in guru. Ora la combinazione Grillo
    > giornalisti Sky ha preso una bella fetta dei voti
    > (un paio sono anche deputati
    > M5S).

    Veramente netflix non ha telegiornali, mentre quello di sky si può vedere anche se non hai sky, inoltre è uno dei più seri e imparziali per quanto mi riguarda, gli eletti sono ex di sky e comunque nelle interviste non ho mai visto enfasi verso nessun partito.
    Secondo me il discorso non è che i vecchi gruppi ci fanno il lavaggio del cervello, secondo me è che molta gente è disposta a farselo lavare. Ascoltare più fonti, approfondire, chiedere e filtrare le informazioni non è facile e non è da tutti, poi ognuno si fa le sue idee ed ha sensibilità diverse e modi di pensare diversi, ma ormai in molti vogliono la notizia pronta per indignarsi verso quello o verso quello solo per sentirsi migliori, solo per dare la colpa della propria triste vita a qualcuno.
    non+autenticato
  • > Ma vanno per l'intrattenimento, mica per altro

    E che ho scritto io? Ora vanno per l'intrattenimento. Come tutti i nuovi canali quando sono stati lanciati.

    Aspetta un qualche anno poi vedi.


    > > Il lavaggio del cervello non inizia subito,
    > e'
    > > una cosa graduale se no non riescono a
    > > guadagnarsi la fiducia. ....




    > Veramente netflix non ha telegiornali, mentre
    > quello di sky si può vedere anche se non hai sky,
    > inoltre è uno dei più seri e imparziali per
    > quanto mi riguarda,

    Certo se fai il confronto col TG1 ci vuole poco. Se poi sostieni che sia informazione onesta ti sbagli di grosso.


    > gli eletti sono ex di sky

    Uno dei fattori che ha aiutato l'elezione di Trump e' l'essere stato personaggio televisivo che lo rendeva ben riconoscibile.
    Non solo negli USA, dovunque il sistema televisivo e' controllato dal potere solo quelli fedeli al sistema vengono mostrati al pubblico, sanno che sul lungo periodo la notorieta' e' un'arma in piu'.
    non+autenticato
  • Non li mollano i media. Sono troppo importanti per loro...
    iRoby
    9816
  • Magicamente le fake news diventeranno feature!!! Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato