Alfonso Maruccia

IRATA.ONLINE, il rilancio di PLATO

Appassionati si impegnano a far rivivere lo spirito di PLATO, il primo "network" antesignano di quello che sarebbe poi diventato il Web moderno. Il progetto è ottimizzato per Atari e cartucce, su PC occorre l'emulatore

Roma - A quasi 60 anni dalla sua prima comparsa, il network di PLATO continua ad avere estimatori disposti a spendere tempo e risorse per far "rinascere" un'esperienza che somiglio all'originale. Il nuovo emulo si chiama IRATA.ONLINE, è stato pensato per sistemi Atari a 8-bit ma può essere frequentato anche dai comuni utenti di Internet su PC grazie a un client per l'emulazione del terminale originale.

PLATO è l'acronimo di Programmed Logic for Automatic Teaching Operations, un sistema interconnesso nato negli anni '60 e pensato per essere usato con i terminali grafici dell'epoca. Ben prima di Internet, assieme a PLATO sono nate tecnologie che si sarebbero imposte nei decenni successivi come l'accesso multi-utente, i forum, le e-mail, le chat, la messaggistica istantanea e molto altro.


Nonostante fosse nato con un obiettivo eminentemente educational, PLATO ha tra l'altro anticipato di molti anni anche la nascita del giochi in multiplayer nella forma di MUD (Multi-User Dungeon). Proprio per ricreare una finestra all'interno della ricca storia tecnologica di PLATO, nel 2004 è nata l'iniziativa Cyber1 per distribuire il codice del sistema sotto licenza open source e farlo rinascere sull'infrastruttura di Internet.
Partendo dal codice di Cyber1 nasce appunto IRATA.ONLINE, una nuova incarnazione di PLATO ottimizzata per l'accesso dai computer Atari a 8-bit e cartuccia The Learning Phone con ROM modificata. La necessità di connettere un'architettura informatica così vetusta a Internet non è da poco, visto che occorre interfacciare la porta seriale Atari 850 con la Rete moderna tramite Raspberry Pi o altre soluzioni da "maker".

Gli utenti meno intraprendenti ma comunque interessati a rivisitare la storia della tecnologia connessa del secolo scorso, invece, possono scaricare il terminale software PTERM rilasciato da Cyber1 e disponibile per sistemi Windows, Linux e macOS.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • Digital LifePLATO, 50 anni di rete È stato il primo network, la prima chat, la prima piattaforma multiplayer. E ha pure sdoganato il touchscreen. Ma soprattutto, è stato la palestra di molti dirigenti IT di oggi. Eppure, dopo 50 anni, nessuno ricorda cosa fosse
1 Commenti alla Notizia IRATA.ONLINE, il rilancio di PLATO
Ordina
  • Mi ha fatto veramente piacere leggere che il sistema PLATO sta tornando a vivere una nuova stagione.
    Chi scrive è colui che negli anni ‘80, per conto del CINECA, ha studiato il sistema PLATO, è andato a specializzarsi con il prof. Hofstetter all’Università del Delaware, ha invitato in Italia tra i massimi esperti di PLATO: un nome fra tutto il prof. Bruce Sherwood.
    Durante la sperimentazione in Italia sono state coinvolte università e scuole medie superiori ed scuole elementari. Abbiamo formato insegnanti perché imparassero a progettare courseware e programmatori perché implementassero gli script. Nel 1985 assieme a due mie collaboratrici siamo andati in Canada a fare l’adattamento alla lingua italiana di un programmerless authoring system sviluppato dal prof. Czabo all’Università dell’Alberta ad Edmonton. Dopo sei anni e molti milioni di lire investiti dal ministero della pubblica istruzione l’esperimento fu terminato perché soprattutto le università non ne colsero la valenza.
    Grazie per avermi fatto rivivere quegli anni meravigliosi. Ivan Grossi