Alfonso Maruccia

Anche Boeing vittima del ransomware

Il colosso statunitense cade vittima di un'infezione a base di ransomware WannaCry, anche se in seguito prova a gettare acqua sul fuoco. Nel frattempo, ad Atlanta, il personale comunale è costretto a riprendere in mano carta e penna

Roma - Anche se nell'ultimo periodo sono stati surclassati in popolarità dal cryptojacking, i ransomware continuano a rappresentare un pericolo estremamente attivo (e potenzialmente distruttivo) per PC e dispositivi mobile di tutto il mondo. Tutti possono diventare vittime di un attacco cripta-file, e in alcuni casi l'azienda colpita è un nome che non passa certo inosservato.

È il caso ad esempio di Boeing, colosso dell'avionica statunitense (ma anche contractor aerospaziale e molto altro ancora) che negli ultimi giorni ha dovuto affrontare un'infezione a opera di WannaCry: il ransomware distruttivo sviluppato dai nordoreani - a detta degli Stati Uniti e non solo - ha fatto la sua nefasta apparizione in un impianto produttivo a Charleston, nella Carolina del Sud, e la prima reazione ufficiale della società non lasciava presagire nulla di buono.

L'attacco è stato inizialmente descritto da Mike VanderWel, capo ingegnere di Boeing Commercial Airplane, come un'infezione in "rapida metastatizzazione", un problema in via di diffusione su tutto il network aziendale che avrebbe coinvolto i piani alti del management di Boeing. Si è parlato addirittura i possibili diffusioni sugli apparati montati a bordo degli aerei di linea in via di produzione.



In seguito, le pubbliche relazioni della corporation hanno corretto il tiro parlando degli articoli nel frattempo pubblicati in rete come "esagerati e inaccurati": il ransomware WannaCry è stato protagonista di una "intrusione limitata" su un numero minimo di sistemi, ha dichiarato Boeing, i "rimedi" sono già stati applicati e la produzione non è stata influenzata dal problema. WannaCry si diffonde sfruttando una vulnerabilità di Windows già corretta da Microsoft, ma a quanto pare nemmeno le grandi aziende installano gli aggiornamenti con la celerità richiesta dalle policy di Redmond.

Un altro caso recente di attacco da malware cripta-file che fa discutere è quello della città di Atlanta, caduta vittima del ransomware Samsam e ancora impegnata a verificare la portata del danno. Le autorità cittadine parlano di "un processo di ripristino e recupero" dei sistemi infetti in corso, nel mentre gli utenti non potranno pagare le bollette via Internet - né la corte municipale potrà funzionare - e gli impiegati del comune dovranno usare carta e penna al posto del computer. Il limite temporale per il pagamento del salato riscatto (6 Bitcoin) necessario a sbloccare i file è in ogni caso passato, quindi i dati criptati dovrebbero essere perduti per sempre.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàWannaCry, gli USA contro i nordcoreaniAnche gli Stati Uniti chiamano ufficialmente in causa il gruppo di hacker della Corea del Nord in merito al ransomware che tanto clamore - e tanti danni - ha provocato alcuni mesi or sono
  • AttualitàCriptomonete, addio all'advertisingGoogle ha annunciato la messa al bando di Bitcoin & compagnia dal suo network pubblicitario, una "mazzata" che arriva a non molta distanza da una decisione simile presa da Facebook. Criptomonete uguale malware, accusa Microsoft
  • AttualitàLa città di Atlanta vittima di un ransomwareLe autorità cittadine annunciano di aver sperimentato un'infezione a opera di un ransomware, un problema ancora in fase di analisi che ha reso inoperativi alcuni servizi ai cittadini. Pagare il riscatto? Non stato è ancora deciso
26 Commenti alla Notizia Anche Boeing vittima del ransomware
Ordina
  • sai come faceva quel ooooooo. noo!!!
    allora woooooooo wowowow woooooooooooooo wooo wooooooooooooooooww!
    non+autenticato
  • E' ovvio che alla base di tutto c'è sempre ignoranza, e non solo da parte degli utenti, ma anche oserei dire dei tecnici.
    A volte non è neppure colpa dei sistemisti. Ma cosa devono fare ultimamente, lavorare h24 ?
    Con tutte le falle che escono, i buchi, gli squarci, ormai non basta una vita per aggiornare.
    Come dico da sempre, rallentate, rallentiamo, tanto che cacchio ce ne efrega delle nuove funzioni, a volte non frega niente a nessuno.
    Prendiamoci qualche anno per chiudere i buchi e nel frattempo si studia un sistema meno fallato.
    Linux è stabile e sicuro, è vero, ma se iniziano a prenderlo di mira seriamente, anche lì possiamo prevedere pianti disperati.
    Non parliamo di win, non voglio nemmeno parlarne.
    Un sistema che dopo 35 anni di vita è ancora a questo punto, non ha più nulla da dire.
    E gli utenti ?
    Che nel loro giocattolo ci sia un coso chiamato win, oppure osx, oppure zorro, non gliene frega una cippa, magari gli interessa che non si blocchi, che funzioni sempre,
    e sopratutto che non ti freghi i dati personali.
    non+autenticato
  • - Scritto da: solo uno
    > E' ovvio che alla base di tutto c'è sempre
    > ignoranza, e non solo da parte degli utenti, ma
    > anche oserei dire dei
    > tecnici.

    NO!
    Se sei tecnico non sei ignorante.
    Se sei ignorante e fai il tecnico allora hai saputo raccontar bene le balle, e chi ti paga se le e' bevute.

    > A volte non è neppure colpa dei sistemisti. Ma
    > cosa devono fare ultimamente, lavorare h24
    > ?

    La soluzione si chiama LINUX!

    > Con tutte le falle che escono, i buchi, gli
    > squarci, ormai non basta una vita per
    > aggiornare.

    Vero: windows e' una merda, e nessuna legge e nessun medico obbliga a farne uso.

    > Come dico da sempre, rallentate, rallentiamo,
    > tanto che cacchio ce ne efrega delle nuove
    > funzioni, a volte non frega niente a
    > nessuno.
    > Prendiamoci qualche anno per chiudere i buchi e
    > nel frattempo si studia un sistema meno
    > fallato.

    Esiste gia'. Non si deve reinventare l'acqua calda.

    > Linux è stabile e sicuro, è vero, ma se iniziano
    > a prenderlo di mira seriamente, anche lì possiamo
    > prevedere pianti
    > disperati.

    La rete da oltre 20 anni fa uso di server linux, e funziona.
    Quali pianti disperati?


    > Non parliamo di win, non voglio nemmeno parlarne.
    > Un sistema che dopo 35 anni di vita è ancora a
    > questo punto, non ha più nulla da
    > dire.
    > E gli utenti ?

    Gli utenti sono ignoranti e scelgono sistemi che li fanno restare ignoranti.

    > Che nel loro giocattolo ci sia un coso chiamato
    > win, oppure osx, oppure zorro, non gliene frega
    > una cippa, magari gli interessa che non si
    > blocchi, che funzioni sempre,

    E quindi dovrebbero verificare che ci sia linux e non win.

    > e sopratutto che non ti freghi i dati personali.

    A quello ci pensa gia' fessbuk a prescindere dal sistema operativo.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: solo uno
    > > E' ovvio che alla base di tutto c'è sempre
    > > ignoranza, e non solo da parte degli utenti,
    > ma
    > > anche oserei dire dei
    > > tecnici.
    >
    > NO!
    > Se sei tecnico non sei ignorante.

    Allora tu non sei un tecnico.

    > Se sei ignorante e fai il tecnico allora hai
    > saputo raccontar bene le balle, e chi ti paga se
    > le e'
    > bevute.

    Oppure sei in qualche posto statale, messo lì perchè immanicato con qualcuno.
    non+autenticato
  • I tecnici sanno come tenere i sistemi al sicuro, o alla peggio come ripristinarli in fretta. Bisogna vedere se hanno i soldi per fare quello che va fatto.
    Lanf
    152
  • - Scritto da: Lanf
    > I tecnici sanno come tenere i sistemi al sicuro,
    > o alla peggio come ripristinarli in fretta.
    > Bisogna vedere se hanno i soldi per fare quello
    > che va
    > fatto.

    Gia'.
    Effettivamente una azienda che costruisce e vende aerei in tutto il mondo non puo' permettersi un sistemista a tempo pieno.
  • > Gia'.
    > Effettivamente una azienda che costruisce e vende
    > aerei in tutto il mondo non puo' permettersi un
    > sistemista a tempo
    > pieno.

    Il sistemista a tempo pieno c'è di sicuro, solo che probabilmente lavora da remoto dalle Filippine.
    non+autenticato
  • > Il sistemista a tempo pieno c'è di sicuro, solo
    > che probabilmente lavora da remoto dalle
    > Filippine.

    non credo e' un'azienda sottoposta ad uno stretto controllo dello stato, oltre al solito cartellino da timbrare/strisciare i dipendenti devono passare ad un controllo d'accesso della NSA
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Lanf
    > > I tecnici sanno come tenere i sistemi al
    > sicuro,
    > > o alla peggio come ripristinarli in fretta.
    > > Bisogna vedere se hanno i soldi per fare
    > quello
    > > che va
    > > fatto.
    >
    > Gia'.
    > Effettivamente una azienda che costruisce e vende
    > aerei in tutto il mondo non puo' permettersi un
    > sistemista a tempo
    > pieno.

    Panda panda, mi caschi sul pisello, ops, scusa volevo dire sul pero!

    E dai, lo sai pure tu, che avere soldi(in una azienda)non significa spendere comunque per le necessità...ci sono anche quelle che rabbattano se non sono premi e bonus annuali o trimestrali per dirigenti.Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: sermonio Il Fuddo
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Lanf
    > > > I tecnici sanno come tenere i sistemi al
    > > sicuro,
    > > > o alla peggio come ripristinarli in fretta.
    > > > Bisogna vedere se hanno i soldi per fare
    > > quello
    > > > che va
    > > > fatto.
    > >
    > > Gia'.
    > > Effettivamente una azienda che costruisce e
    > vende
    > > aerei in tutto il mondo non puo' permettersi un
    > > sistemista a tempo
    > > pieno.
    >
    > Panda panda, mi caschi sul pisello, ops, scusa
    > volevo dire sul
    > pero!
    >
    > E dai, lo sai pure tu, che avere soldi(in una
    > azienda)non significa spendere comunque per le
    > necessità...ci sono anche quelle che rabbattano
    > se non sono premi e bonus annuali o trimestrali
    > per dirigenti.
    >Occhiolino

    E nel caso in questione, infatti, stanno sucando.
  • Non è possibile, quando si scrive un post, iniziare da Adamo ed Eva, mi pare che potremmo anche essere d'accordo.
    Siccome nessuno nasce con la camicia, alla fin fine se la deve guadagnare.
    Come ha commentato qualcuno, è inutile continuare ad affermare che linux non è il male, come diceva qualcuno tempo fa, e che è esente da problemi o buchi, perchè non è vero.
    Certamente è il sistema migliore ad oggi, questo sicuramente, ma migliore per cosa ?
    Io uso linux su server e desktop, tanti desktop, e sto bene così, alla grande.
    Mi rendo conto che la massa è ignorante e non ci puoi fare nulla, tanto non gliene frega nulla di nulla.
    E tu, caro sistemista, non lavori per, ma contro, è una lotta continua.
    A voglia a fare corsi, a dirgli che così non si fa, che deve stare attento, tanto ribadisco, non gliene frega nulla.
    Quindi chi gestisce a livello sistemistico, con questa massa deve fare i conti, e la direzione non aiuta di sicuro, la riposta standard è : "tanto non ci capisco nulla, mettiti d'accordo con gli utenti".
    Se poi ci sono da spendere dei soldi, si guardano bene dallo scucire, perchè il budget è basso ed è già sforato il 2 di gennaio.
    Quindi tornando all'origine, chi è che ha voluto un sistema semplice e sicuro, a tutti gli utenti del pianeta ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: solo uno
    > Non è possibile, quando si scrive un post,
    > iniziare da Adamo ed Eva, mi pare che potremmo
    > anche essere
    > d'accordo.

    Da dove si dovrebbe iniziare?
    Prima di Adamo ed Eva non c'e' molto...

    > Siccome nessuno nasce con la camicia, alla fin
    > fine se la deve
    > guadagnare.

    E fin qui...

    > Come ha commentato qualcuno, è inutile continuare
    > ad affermare che linux non è il male, come diceva
    > qualcuno tempo fa, e che è esente da problemi o
    > buchi, perchè non è
    > vero.

    Il fatto e' che windows si becca i virus, mentre linux no.
    Dopodiche' raccontati pure tutte le balle che preferisci.

    > Certamente è il sistema migliore ad oggi, questo
    > sicuramente, ma migliore per cosa
    > ?

    Come minimo per tutto.

    > Io uso linux su server e desktop, tanti desktop,
    > e sto bene così, alla
    > grande.

    E quindi perche' vieni qui a criticarlo?

    > Mi rendo conto che la massa è ignorante e non ci
    > puoi fare nulla, tanto non gliene frega nulla di
    > nulla.

    Un colosso industriale come Boeing non e' la massa.

    > E tu, caro sistemista, non lavori per, ma contro,
    > è una lotta
    > continua.

    Io lavoro per far funzionare cose che se ben gestite funzionano.

    Ovvio che non perdo il mio tempo per evitare BSOD, che sarebbe una battaglia persa. Scelgo le sale macchine in cui lavorare.

    > A voglia a fare corsi, a dirgli che così non si
    > fa, che deve stare attento, tanto ribadisco, non
    > gliene frega
    > nulla.

    ? Newbie, inesperto

    > Quindi chi gestisce a livello sistemistico, con
    > questa massa deve fare i conti, e la direzione
    > non aiuta di sicuro, la riposta standard è :
    > "tanto non ci capisco nulla, mettiti d'accordo
    > con gli
    > utenti".

    Nessun accordo con gli utenti.
    Gli utenti fanno quello che gli si ordina di fare!

    > Se poi ci sono da spendere dei soldi, si guardano
    > bene dallo scucire, perchè il budget è basso ed è
    > già sforato il 2 di
    > gennaio.

    Paga il ramson allora, e non venire a piangere da me che io TE LO AVEVO DETTO DA MO'.

    > Quindi tornando all'origine, chi è che ha voluto
    > un sistema semplice e sicuro, a tutti gli utenti
    > del pianeta
    > ?

    Torvalds e Stallman!
  • un documento caertaceo non potra' mai essere cancellato, criptato, modificato da remoto. La rivincita della fisicita' dei dati.

    l'album delle foto della mia infanzia e' ancora li': le foto digitali dei bambini di oggi chissa' dove saranno fra trenta anni.
    non+autenticato
  • I governi dovrebbero obbligare come hanno fatto per le sigarette a scrivere cose come:
    WINDOWS CAUSA IL RAMSONWARE
    WINDOWS PROVOCA LA PERDITA DI DATI
    WINDOWS BLOCCA I TUOI SISTEMI
    WINDOWS SI AGGIORNA QUANDO VUOLE
    DISMETTI WINDOWS, FALLO PER I TUOI CARI
    WINDOWS PROVOCA ULCERE E INCAZZATURE
    ...
  • Ma se alla base di tutto c'è solo totale ignoranza non hanno possibilità, windows è l'effetto non la causa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > Ma se alla base di tutto c'è solo totale
    > ignoranza non hanno possibilità, windows è
    > l'effetto non la
    > causa.

    Basterebbe che leggessero il forum di PI ogni tanto.

    L'informatica non ammette ignoranza.
  • Win è lo strumento per completare il percorso di soggiogamento della massa.
    Prima il credo, poi lo strumento, poi il porno
    non+autenticato
  • - Scritto da: solo uno
    > Win è lo strumento per completare il percorso di
    > soggiogamento della
    > massa.
    > Prima il credo, poi lo strumento, poi il porno

    Mi scuso per prima(dico a te xte) sono certo che non sei xte, adesso!
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: prova123
    > > Ma se alla base di tutto c'è solo totale
    > > ignoranza non hanno possibilità, windows è
    > > l'effetto non la
    > > causa.
    >
    > Basterebbe che leggessero il forum di PI ogni
    > tanto.
    >
    > L'informatica non ammette ignoranza.

    Andrebbero ancora meglio se leggessero PI, ts'e!!, Annamo proprio bene!!

    Da ignolanti a froci, in meno di un minuto!
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > Basterebbe che leggessero il forum di PI ogni
    > tanto.
    >
    Si per smascellarsi dalle risate per le tue perle.


    > L'informatica non ammette ignoranza.
    Disse colui che non riusci ad installare Windows con utente locale...
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > I governi dovrebbero obbligare come hanno fatto
    > per le sigarette a scrivere cose
    > come:
    > WINDOWS CAUSA IL RAMSONWARE
    > WINDOWS PROVOCA LA PERDITA DI DATI
    > WINDOWS BLOCCA I TUOI SISTEMI
    > WINDOWS SI AGGIORNA QUANDO VUOLE
    > DISMETTI WINDOWS, FALLO PER I TUOI CARI
    > WINDOWS PROVOCA ULCERE E INCAZZATURE
    > ...
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere allora e solo allora sarà il dottore a prescriverlo di farne uso . ha ha ha
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > I governi dovrebbero obbligare come hanno fatto
    > per le sigarette a scrivere cose
    > come:
    > WINDOWS CAUSA IL RAMSONWARE
    linux mantiene bug ventennali, tanto prima o poi qualcuno guarda i sorgenti
    > WINDOWS PROVOCA LA PERDITA DI DATI
    Spegni linux senza regolare shutdown e piangi lacrime di coccodrillo
    > WINDOWS BLOCCA I TUOI SISTEMI
    Linux non li fa nenanche partire se qualcuno non ha sviluppato/aggirnato qual particolare driver. Ma tanto prima o poi qualcuno provvederà
    > WINDOWS SI AGGIORNA QUANDO VUOLE
    linux non si aggiorna (vedi sopra)
    > DISMETTI WINDOWS, FALLO PER I TUOI CARI
    Non instalalre linux, ci rimetti in tempo e salute
    > WINDOWS PROVOCA ULCERE E INCAZZATURE
    linux è un'ulcera al cu.o. Se hai fortuna il tuo sistema è compatibile altrimeti smarrona a trovare quello che ti serve e la risposta nei forum è: leggiti i fottuti manuali, se non li capisci rileggiti i fottuti manuali, se non ce la fai chiedi nel forum e riceverai come risposta ... leggiti i fottu manuali ecc. in un bel loop. Soluzione alternativa aspetta che qualche anima pia posti una soluzione (perché è riuscita a risolvere il problema per conto proprio) come per i sorgenti di panda. Anni che si aspetta ma mai visto nulla
    > ...
    Grazie per aver firmato a posto mio
    non+autenticato
  • Se Linux fosse di massa sarebbe bucato come Windows... il criminale va dove c'è la ciccia