Alfonso Maruccia

Loot box e rimborsi nei videogiochi, sanzioni europee

Le autorità del Belgio minacciano gli sviluppatori: eliminate i "box d'azzardo" dai vostri giochi o ve ne pentirete. Altrove, nel Nord Europa, vengono avvisati i gestori delle piattaforme: il diritto al rimborso va rispettato, sempre.

Il mercato videoludico europeo è in pieno fermento, con le autorità di alcuni paesi del Vecchio Continente pronti a dare battaglia sul rispetto dei diritti degli utenti e sulla rimozione di funzionalità molto simili al "gioco d'azzardo". Publisher e corporation di rete rischiano multe salate o addirittura la galera.

Dopo la messa al bando dei cosiddetti "loot box" decisa dai Paesi Bassi nei giorni scorsi, ora è il momento del Belgio: la Commissione sui Giochi del paese ha stabilito che i loot box sono illegali, e vanno quindi eliminati dai titoli videoludici tripla-A che al momento ne fanno ampio utilizzo per rastrellare profitti dopo la vendita iniziale.

La commissione ha investigato su giochi molto popolari come Star Wars Battlefront 2, FIFA 18, Overwatch e Counter-Strike: Global Offensive, rilevando in tre casi su quattro - a esclusione di Battlefront 2, pesantemente rimaneggiato da Electronic Arts (EA) nei mesi scorsi - una violazione palese delle attuali leggi sui giochi.
I loot box vanno rimossi immediatamente o ci saranno conseguenze penali in forma di multe (€800.000) o addirittura con la prigione, dicono le autorità, che evidenziano la necessità di difendere i clienti - soprattutto quelli di più giovane età - contro il gioco d'azzardo mascherato da funzionalità in-game.

Un'altra dura presa di posizione nei confronti dei produttori è poi arrivata dalla Norvegia, dove il Consiglio dei Consumatori ha "segnalato" Valve, Nintendo, Sony e la solita EA all'Autorità dei Consumatori per la violazione delle leggi europee sul diritto al rimborso.

I rispettivi store digitali delle aziende coinvolge, dicono in sostanza le autorità, non rispettano i diritti dei consumatori previsti dalle normative comunitarie sui rimborsi e sui pre-ordini. Valve si è in tal senso sempre detta sicura del fatto di essere esente dall'obbligo di rimborso per gli acquisti su Steam, ma a quanto pare le autorità norvegesi sono convinte del contrario.
Notizie collegate
  • AttualitàPaesi Bassi, no al videogioco d'azzardoLe autorità olandesi hanno imposto un taglio netto con i famigerati "loot box" in-game, una funzionalità assimilabile al gioco d'azzardo e potenzialmente pericolosa soprattutto per le giovani generazioni.
33 Commenti alla Notizia Loot box e rimborsi nei videogiochi, sanzioni europee
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)