la redazione

Boston Dynamics, cane-robot sul mercato nel 2019

SpotMini, il cane-robot della Boston Dynamics, sarà disponibile sul mercato entro il 2019 ad un prezzo ancora non meglio definito.

Una cane che non sporca, non lecca e non abbaia: un mostro, praticamente, oppure più semplicemente un nuovo grande passo nel mondo della robotica che a partire dal 2019 potrà arrivare nelle case di chiunque possa esserne interessato. Citofonare Boston Dynamics.

Il suo nome è SpotMini, nuova edizione di un prototipo ormai noto ai più poiché le incredibili immagini del cane-robot hanno già fatto incetta di condivisioni ormai da molto tempo. La grande novità sta nel fatto che per la prima volta questo tipo di robot non sarà più destinato semplicemente a far bella figura di sé su YouTube, ma sarà accessibile a chi voglia farlo proprio per motivazioni ad oggi ancora complesse da identificarsi.

SpotMini, spiega l'azienda, potrà essere utilizzato preferibilmente in uffici e grandi magazzini, locali ove lunghi corridoi e spazi geometrici ben identificati consentano la necessaria standardizzazione dei percorsi e degli spostamenti. Boston Dynamics non vuole tuttavia escludere anche le abitazioni dalle possibilità del proprio SpotMini, sebbene in ambiente domestico il movimento del cane possa meno facilmente esprimere le proprie capacità.
Il prodotto della Boston Dynamics è una simulazione robotica di un cane basata su due capacità in particolare: il mantenimento di uno stato di equilibrio durante gli spostamenti e l'analisi del contesto circostante per poter far tesoro di tutti gli input necessari per affrontare un percorso. Un video diramato negli ultimi giorni dimostra ad esempio la capacità di SpotMini di muoversi con sufficiente agilità, tanto da poter affrontare anche una scala in salita ed in discesa senza grosse difficoltà. Entro il 2019 il gruppo prevede di immetterne sul mercato almeno 100 unità.



Ma a cosa potrebbe servire SpotMini e perché potrebbe essere desiderabile sul mercato? Il semplice fascino del cane-robot è già una prima validissima leva di marketing, ma non può chiaramente essere sufficiente per motivare un possibile successo di vendite. Si potrebbe però immaginare un'utilità nello spostamento fisico di oggetti, documenti o altro (fino ad un massimo di 14Kg) all'interno di locali nei quali evitare all'uomo di spostarsi su lunghe tratte. Lo SpotMini, insomma, potrebbe diventare un fedele amico dell'uomo nel lavoro di tutti i giorni, a maggior ragione se personalizzato per adeguarsi alle specifiche necessità.

Sebbene la Boston Dynamics abbia svelato alla TechCrunch Robotics Sessions la volontà di mettere in vendita il proprio SpotMini (84 cm di altezza, 30 kg di peso e 90 minuti approssimativi di autonomia) entro il 2019, ad oggi ancora manca il prezzo con cui il robot approderà sul mercato. Ad essere importante è però la mossa in sé: una cosa è sviluppare progetti di robotica in laboratorio, un'altra è creare loro il posizionamento ideale per affrontare le reali necessità espresse dall'utenza. Per la Boston Dynamics, nata nel cuore del MIT e oggi proprietà SoftBank, inizia una nuova fase.
Notizie collegate
31 Commenti alla Notizia Boston Dynamics, cane-robot sul mercato nel 2019
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)