la redazione

Google One: più spazio per tutti

Google annuncia un prossimo upgrade delle proprie opzioni di archiviazione file online: Google One è la versione plus della propria offerta gratuita di 15GB per Gmail, Google Drive e Google Foto.

Conservare i propri documenti e le proprie immagini online costa sempre di meno e con l'esordio del nuovo Google One l'accelerazione al ribasso subisce una ulteriore accelerazione. Merito di Google, in questo caso, che alza così l'asticella della sfida del cloud lanciando la palla nel campo di Microsoft e Amazon. Da cui è lecito ora attendersi risposte.

Google One


Cos'è Google One?


Le origini di Google One sono in quel magico contatore che per molti anni ha aumentato progressivamente la capacità di storage gratuita delle caselle di posta Gmail. Oggi la quota gratuita è stata fissata in 15GB, ma grazie alle opzioni premium è possibile estendere di molto tale quota a costi del tutto minimali per consentire la conservazione online dei propri file.
Google One nello specifico mette assieme Gmail, Google Drive e Google Foto per consentire di archiviare online tutto quanto possa essere utile, sia per una maggior portabilità, sia per facilitarne la condivisione, sia ancora per una semplice utilità di backup. Se dunque 15GB sono una quota accettabile e sufficiente per un utilizzo blando di immagini e mail, diventano invece rapidamente una quota scarsa per chi utilizza Gmail nel pieno delle sue potenzialità, Google Drive come strumento di produzione condivisa e Google Foto come strumento di backup di immagini.

Google One: quanto costa?


Questi i costi del servizio:

  • 100 GB: 1,99 dollari

  • 200 GB: 2,99 dollari

  • 2 TB: 9,99 dollari


I prezzi sono espressi in dollari poiché questa è l'indicazione attualmente offerta da Google, ma con ogni probabilità all'arrivo sul mercato europeo vi sarà una riproposizione paritetica del prezzo in euro.

I costi degli spazi di storage al di sopra dei 2 TB rimarranno immutati:

  • 10 TB: 99,99 euro/mese

  • 20 TB: 199,99 euro/mese

  • 30 TB: 299,99 euro/mese



Gli attuali piani da 1 TB subiranno un raddoppio gratuito dello spazio disponibile. Va ricordato come le immagini provenienti da dispositivi della serie Pixel (made in Google) non concorrano al cumulo poiché coperti da piena gratuità del backup. Per sapere quanto spazio si occupa ad oggi sul proprio account Google è possibile visualizzare l'apposita pagina che riassume la situazione (occhio ai piani proposti, però: ad oggi i prezzi pubblicati sono ancora quelli dell'offerta antecedente, in attesa che Google One apra i battenti anche in Italia).

Altri dettagli


Sebbene l'esordio sia stato annunciato in queste ore, il servizio Google One non sarà ancora disponibile per qualche mese. Secondo quanto spiegato da Google, si tratterà di un rilascio progressivo (partendo dagli utenti USA) per consentire tutte le verifiche del caso e la massima efficienza per ogni singolo account ("efficienza", parola chiave per servizi di questo tipo). "Inizialmente, la disponibilità di Google One sarà soggetta ad alcune limitazioni", spiega Google: "Se hai un piano di archiviazione di Drive a pagamento, l'upgrade a Google One avrà luogo automaticamente nel corso dei mesi a venire. Fai attenzione alla posta: riceverai un'email con informazioni dettagliate sui nuovi vantaggi per te". Per poter essere avvisati dell'arrivo di Google One è possibile iscriversi con l'apposito modulo.
Notizie collegate
120 Commenti alla Notizia Google One: più spazio per tutti
Ordina
  • Con le tecnologie di storage/file system seri degli ultimi (10?)anni non è più necessario disporre fisicamente di spazio di archiviazione libero per poterlo esporre. Tecnologie come thin provisioning, over provisioning, data deduplication, per farla semplice ho 10 ed espongo 100, scrivo 100 e impegno 40 e così via... Detto questo, si fa relativamente presto a dare 1tb a tutti, è tutto spazio fittizio.

    Di certo, tutta sta roba qua non la fai col qnap da 500€ ma con sistemi enterprise che costano come minimo come un'audi A4 like emc, netapp e HP..

    Nessuno sul cloud ha dei dischi riservati che espongono a chi acquista un servizio, semplicemente condividete una piccola porzione di uno tra i 100, 200, 300 storage della farm di tizio/caio/sempronio/amazon

    A casa è già tanto avere un raid hw, un owncloud e una fttc...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 maggio 2018 17.48
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 maggio 2018 17.50
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 maggio 2018 17.50
    -----------------------------------------------------------
  • Speravo in un incremento aggratis dei 15Gb, pazienza.
    non+autenticato
  • Ossequi alla signora Ossequi alla signora
    non+autenticato
  • 25 GB - GRATIS
    100 GB - 10 E/ANNO
    10 TB - 50E/ANNO

    servizio francese.
    non+autenticato
  • Secondo me bisognerebbe comparare con servizi che offrono lo stesso tipo di integrazione (office, email, calendari e tutta la suite).

    Altrimenti dico Mega, 50GB gratuiti e prezzi irrisori e vinco !Occhiolino
    non+autenticato
  • Sappiamo bene come vanno queste cose, qualunque servizio di memorizzazione viene usato per rubare film e altre opere protette. Mi auguro che Google utilizzerà filtri appositi per evitarlo, e soprattutto per segnalare alla Polizia Postale i ladri che violano il diritto d'autore, inclusi quelli che scaricano e basta. Inoltre dovranno pagare l'equo compenso.Ficoso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Basta con la pirateria
    > Sappiamo bene come vanno queste cose, qualunque
    > servizio di memorizzazione viene usato per
    > rubare film e altre opere
    > protette. Mi auguro che Google utilizzerà filtri
    > appositi per evitarlo, e soprattutto per
    > segnalare alla Polizia Postale i ladri
    >
    che violano il diritto d'autore,
    > inclusi quelli che scaricano e basta. Inoltre
    > dovranno pagare l'equo compenso.
    >Ficoso

    Non sei credibile.
    Non sei quello originale che invece sapeva come infervorare gli animi su quell'argomento.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)