la redazione

Facebook, mezzo miliardo di account fasulli in tre mesi

Facebook ha bloccato mezzo miliardo di account fasulli in tre mesi, molti dei quali solo pochi minuti dopo la registrazione: merito dell'Intelligenza Artificiale.

Nel giro di 3 mesi ben mezzo miliardo di account fasulli è stato fermato su Facebook grazie all'intervento di algoritmi-sentinella in grado di identificarne in tempi rapidi - in molti casi è stata questione di pochi minuti di attività) l'origine e la natura. Così come per la pubblicazione del Portale per gli Adolescenti, anche in questo caso la sensazione è giocoforza quella di una manovra finalizzata a cambiare la percezione del social network: Facebook vuol dimostrare quanto ampio sia il proprio sforzo per mantenere salubre l'ambiente nel quale gli utenti portano i propri dati, le proprie esperienze ed il proprio tempo.

Secondo quanto comunicato con apposito report, in un solo trimestre (gennaio-marzo 2018) Facebook ha bloccato 837 milioni iniziative di spam, 583 mila account fasulli, 21 milioni di fotografie "esplicite" e 2,5 milioni di messaggi ricollegabili a fenomeni di hate speech. Questa molte di lavoro è stata portata avanti in parte dagli strumenti di intelligenza artificiale messi a punto in questi anni, ma in parte è stato fondamentale il contributo umano. In particolare l'analisi ha dimostrato come l'IA sia fondamentale nell'azione contro spam, fake account e nudità, mentre in tema di hate speech il problema si fa ben più complesso e soltanto la sensibilità umana è in grado di discernere contesto, ironia e altri fattori determinanti alla comprensione profonda del messaggio.

La fallacia dei sistemi di controllo di Facebook è nota, ma l'analisi ha dimostrato almeno come parte del lato oscuro del social network possa essere messo in offside da interventi del tutto automatici, limitando l'appetibilità di iniziative tramite bot.
Quantificare questo tipo di attività è utile per vari motivi e molto può fare per offrire a Facebook validi argomenti di fronte alle pressioni di utenti e stati nazionali che intendono stringere i cordoni attorno al network: il gruppo ha dimostrato come la parte "maligna" sia minoritaria (gli account fasulli sono circa il 3-4% del totale degli iscritti mensili) ed al tempo stesso come massivo sia il lavoro per mettere alla berlina quanti tentano di sfruttare la piattaforma per finalità estranee da quelle per cui la piattaforma nasce.

Il report relativo a ciò che vien fatto nasconde in parte quel che non vien fatto, aspetto sul quale invece da più parti si punta il dito contro Mark Zuckerberg per responsabilizzare Facebook circa l'onere di controllo e salvaguardia degli utenti (e dei rispettivi dati personali). Cambridge Analytica è stato chiaramente un solco oltre il quale tutto è cambiato: Zuckerberg si è seduto al tavolo degli imputati ed ha dovuto rispondere di negligenza. La trasparenza con cui ora Facebook comunica il proprio modo di agire dovrà servire per costruire un nuovo contesto attorno al social network, stringendo un nuovo patto con utenti e legislatori per il beneficio di tutte le parti in causa.
TAG: facebook
23 Commenti alla Notizia Facebook, mezzo miliardo di account fasulli in tre mesi
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)