Proprietà intellettuale, oggi l'Europa decide

A Strasburgo si vota una direttiva che, pur ridimensionata, ha un campo applicativo tale da aver allarmato i sostenitori delle libertà civili. Si vuole colpire la criminalità ma si rischia di annichilire i diritti di utenti ed imprese

Proprietà intellettuale, oggi l'Europa decideBruxelles - Ne hanno discusso (poco) per mesi e ne hanno discusso anche ieri ma oggi è il giorno in cui i parlamentari europei dovranno esprimersi sulla nuova direttiva comunitaria sulla proprietà intellettuale. Un testo che ha subito notevoli modificazioni dalla sua impostazione originale ma che continua a rappresentare secondo i sostenitori delle libertà digitali una vera e propria minaccia per gli utenti delle nuove tecnologie.

Alcuni cambiamenti dell'ultimo minuto alla bozza di Direttiva per l'Imposizione dei Diritti di Proprietà Intelettuale (IPRED), a cui nelle scorse settimane Punto Informatico ha dato ampio spazio, hanno portato ieri a Strasburgo ad una correzione del tiro laddove si parla di sanzioni per la violazione dei diritti di proprietà intellettuale. In origine la proposta parlava apertamente di sanzioni penali che non escludessero il carcere, una visione che contrasta però con le competenze europee rispetto alle legislazioni degli stati membri ed è dunque stata rivista: ora si parla di misure che siano efficaci e persuasive e che dissuadano dall'abusare dei diritti.

Il senso formale della direttiva è quello di armonizzare le legislazioni nazionali in una materia tanto delicata per le libertà digitali come la proprietà intellettuale allo scopo di contrastare in modo più efficace e coordinato le organizzazioni criminali che lucrano sulla contraffazione e la duplicazione illegale. L'ampiezza di quanto previsto dal testo, però, è tale da poter colpire anche violazioni del tutto minori, come quelle che possono essere commesse da singoli utenti, che non avvengono con finalità commerciali o di lucro.
La direttiva, per capirne l'ampiezza, si occupa di tutto quello che comprende marchi, brevetti, database, software, diritti d'autore, trasmissioni satellitari e via cavo. Il tutto senza definire in modo univoco che cosa si intenda per "proprietà intellettuale", un concetto che oggi varia nei diversi paesi membri. Inoltre vengono posti "sotto osservazione" diritti importanti, come l'uso a scopi non commerciali di materiali protetti (per ricerca, attività educative, ecc.), il fair use e via dicendo. Con un occhio al download illegale, poi, si prendono di mira potenzialmente anche i server che dovessero essere considerati "complici" di attività illecite di questo tipo, secondo i critici, in assenza di un vero sistema di garanzie.

Questo aspetto, associato alle perplessità da molti sollevate sugli strumenti di controllo che possono ledere il diritto alla riservatezza, ha suscitato la reazione di molti, in particolare i membri del CODE (Campagna per un ambiente digitale aperto) come IP Justice, European Digital Rights, Foundation for Information Policy Research e Foundation for a Free Information Infrastructure. Il loro sforzo, condotto ormai da mesi contro la proposta, è sostenuto anche dalla Free Software Foundation Europe e dai radicali, in particolare dall'eurodeputato radicale Marco Cappato, che ha recentemente proposto cinque emendamenti al testo che oggi verranno votati.

Quelli di Cappato, non nuovo ad iniziative a difesa delle libertà civili nell'era digitale, sono emendamenti che hanno ottenuto l'appoggio di 35 parlamentari, quelli sufficienti a garantire la votazione parlamentare. Un appoggio arrivato da esponenti dei Verdi, dei Liberali Europei, dei Popolari Europei, dell'Unione Europa delle Nazionali e del gruppo Sinistra Unita Europea. Ma col passare delle ore il sostegno parlamentare sembra aumentare, anche grazie alla forte mobilitazione attorno a questo tema.

Sono emendamenti (consultabili qui) che mirano a proteggere la privacy individuale, tesi in particolare a limitare la protezione dei diritti alle sole violazioni su ampia scala ed eliminare dalla direttiva gli strumenti legali che non sono riconosciuti in molti stati membri. Proprio oggi, alle 11,30, a Strasburgo, nella sala stampa dell'Europarlamento, saranno presentati gli emendamenti con un dibattito sul tema "Rapporto Fortou e libertà digitali" (Fortou è il nome della relatrice della proposta), una conferenza stampa a cui parteciperanno anche Robin Gross di IP Justice, Victoria Viallamar dell'Ufficio europeo dell'Unione internazionale dei consumatori e Astrid Thors, deputata ELDR.

Ma i problemi sollevati dal testo non finiscono qui.
237 Commenti alla Notizia Proprietà intellettuale, oggi l'Europa decide
Ordina
  • volete sapere cosa succederà?
    ne prenderanno 4-5 o 400- 500 o addirittura 4000-5000
    li sbatteranno tutti in prima pagina sputtanandoli e facendo cagare sotto un po' di gente, faranno un macello della madonna per alzare qualche polemica sulla quale questo o quel politico si assumerà i meriti ( o i demeriti ) e dopo che la cosa non farà + notizia si placherà.

    questo è quello che verosimilmente succederà

    grazie URBANI (ma chi C@XX0 ti conosce?!?!?)
    non+autenticato
  • Allora quello che conta non è ciò che si dice ma quello che c'è scritto nel testo della direttiva. E se noi leggiamo l'art. 2:

    "Fatti salvi gli strumenti vigenti o da adottare nella legislazione comunitaria o nazionale, e sempre che questi siano più favorevoli ai titolari dei diritti, le misure di cui alla presente direttiva si applicano alle violazioni dei diritti derivanti dagli atti comunitari relativi alla tutela della proprietà intellettuale e dalle normative adottate dagli Stati membri per uniformarsi a tali atti. Gli Stati membri garantiscono a tale riguardo che, al momento di decidere delle sanzioni applicabili e delle modalità connesse, le autorità giudiziarie tengano nel debito conto le caratteristiche specifiche di ogni singolo caso".

    Il testo precedente era:

    "Fatti salvi gli strumenti vigenti o da adottare nella legislazione comunitaria o nazionale, e sempre che questi siano più favorevoli ai titolari dei diritti, le misure di cui alla presente direttiva si applicano alle violazioni dei diritti derivanti dagli atti comunitari ed europei relativi alla tutela della proprietà intellettuale il cui elenco figura in allegato e dalle normative adottate dagli Stati membri per uniformarsi a tali atti, allorché tale violazione è commessa a fini commerciali o arreca un danno considerevole al titolare del diritto."

    E' evidente che quello finale, riportato all'inizio, perde del tutto il riferimento al fine commerciale.

    Questo non significa che automaticamente vi saranno ripercussioni sui singoli; significa però che le major hanno una porta aperta in più, e pericolosa.
    non+autenticato
  • ..perchè avevo appena acceso l'auto e mi hanno contestato che stavo per commettere un'infrazione al limite di velocità (e pensare che non avevo ancora inserito la prima!!!).

    ...perchè avevo appena comprato un pacchetto di sigarette e mi hanno contestato che poi avrei fumato in un luogo pubblico!!!

    ...perchè ero in negozio e stavo guardando gli ultimi cd usciti e mi han contestato che stavo per infilarmeli in tasca per poi scappare a gambe levate!!!

    MA SIAMO MATTI ?!

    Burp!




    Sto leggendo il testo...
       di ACD del 09/03/04 (20:18)

    e la mia attenzione e' caduta su questo pezzo:

    >Article 8
    >Measures for protecting evidence
    >
    >1. Member States shall ensure that even before the commencement of >proceedings on the merits of the case the competent judicial authorities >may, on application by a party who has presented reasonably available >evidence to support his claims that his intellectual property right has >been infringed or is about to be infringed, order prompt and effective >provisional measures to preserve relevant evidence in regard to the alleged >infringement, subject to the protection of confidential information. Such >measures may include the detailed description, with or without the taking of >samples, or the physical seizure of the infringing goods, and, in appropriate >cases, the materials and implements used in the production and/or >distribution of these goods and the documents relating thereto. These >measures shall be taken, if necessary without the other party having been >heard, in particular where any delay is likely to cause irreparable harm to >the right holder, or where there is a demonstrable risk of evidence being >destroyed.

    In pratica il pericoloso ragionamento che puo' essere seguito e' che il solo utilizzo del peer to peer, che puo' permettere una violazione della proprieta' intellettuale, costituisce "prova ragionevolmente disponibile" di una prossima violazione della proprieta' intellettule, e portare quindi alla confisca dei computer? Correggetemi se ho capito male

    non+autenticato
  • non la vedrei così nera. non il solo uso del p2p. ma credo che POSSANO venire a casa tua se vedono i loro film nel tuo share, prima di ottenere autorizzazione definitiva dal giudice.
    non+autenticato
  • ragazzi ora che è passata la direttiva, bisogna alzare la voce porca miseria! dobbiamo darci da fare tutti! bisogna fare manifestazioni, petizioni, contattare associazioni di consumatori, i radicali...non possiamo stare con le mani in mano!

    magari un referendum abrogativo per le leggi vessatorie (sul copyright) che già abbiamo e quelle che verranno (decreto/legge urbani e simili).

    io avevo trovato il sito www.laquintacolonna.tk dove davano dei volantini da spargere in giro contro questa direttiva, che purtroppo non è servito...vogliono fare referendum e manifestazioni...ragazzi tocca muoversi e scendere in piazza, smettere di compreare cd e dvd, disdire adsl...segnalate qualsiasi iniziativa tipo quella del sito che ho segnalato, rompiamo le palle ingiro, perchè qui i diritti basilari dei cittadini sono alla ortiche!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ragazzi ora che è passata la
    > direttiva, bisogna alzare la voce porca
    > miseria! dobbiamo darci da fare tutti!
    > bisogna fare manifestazioni, petizioni,
    > contattare associazioni di consumatori, i
    > radicali...non possiamo stare con le mani in
    > mano!
    >
    > magari un referendum abrogativo per le leggi
    > vessatorie (sul copyright) che già
    > abbiamo e quelle che verranno (decreto/legge
    > urbani e simili).
    >
    > io avevo trovato il sito
    > www.laquintacolonna.tk dove davano dei
    > volantini da spargere in giro contro questa
    > direttiva, che purtroppo non è
    > servito...vogliono fare referendum e
    > manifestazioni...ragazzi tocca muoversi e
    > scendere in piazza, smettere di compreare cd
    > e dvd, disdire adsl...segnalate qualsiasi
    > iniziativa tipo quella del sito che ho
    > segnalato, rompiamo le palle ingiro,
    > perchè qui i diritti basilari dei
    > cittadini sono alla ortiche!

    Scendere in piazza infastidisce e basta, specialmente gli elettori del centro destra.
    Volantinaggio d'accordo, ma deve essere fatto in maniera ordinata e da gente che non possa dare la sensazione di apparire strana, insomma, vestiti in modo soft e non strambo e niente piercing per quelli più a sinistra...Ficoso
    Oramai si fanno così tante manifestazioni e scioperi che la gente si è rotta, anche fra elettori di sinistra specialmente quelli vicini alla Margherita, motivo per cui Rutelli ha preso tante posizioni per accaparrarsi voti fra gli elettori centristi favorevoli ad UDC ...
    Quindi le iniziative devono essere ben ponderate.
    Ha sicuramente più risalto poter aprire dei dibattiti su Tv locali e nazionali in quante più trasmissioni possibili che altrove. Ed è necessario che a discutere vi siano persone che non siano teste calde, che sappiano tenere il punto ed incidere sull'argomento ma che non sragionino e non si facciano imbrigliare nella classica equazione copia=furto.
    non+autenticato

  • > Scendere in piazza infastidisce e basta,
    > specialmente gli elettori del centro destra.

    Per carità, non vorremmo mai svegliarli dal torpore triennale rin*oglionente (*=c) !!

    > Volantinaggio d'accordo, ma deve essere
    > fatto in maniera ordinata e da gente che non
    > possa dare la sensazione di apparire strana,
    > insomma, vestiti in modo soft e non strambo
    > e niente piercing per quelli più a
    > sinistra...Ficoso

    Cravattone e giacca d'ordinaza tipo "Tecnocasa/Toscano Immobilire" o "Fideuram Fondoni" , così va bene?

    > Oramai si fanno così tante
    > manifestazioni e scioperi che la gente si
    > è rotta, anche fra elettori di
    > sinistra specialmente quelli vicini alla
    > Margherita,

    Buoni quelli, fanno i caccibombardieri in Finmeccanica dal lunedì al venerdì e poi al sabato partono per Assisi con la bandiera della PACE !


    motivo per cui Rutelli ha preso
    > tante posizioni per accaparrarsi voti fra
    > gli elettori centristi favorevoli ad UDC ...


    Sulle posizioni di Ruttelli ci sarebbe da scrivere un libro di barzellette.

    > Quindi le iniziative devono essere ben
    > ponderate.

    Ma con un pianificatore come lei siamo a cavallo!


    > Ha sicuramente più risalto poter
    > aprire dei dibattiti su Tv locali e
    > nazionali in quante più trasmissioni
    > possibili che altrove.

    Come nooo!! Aspettano solo noi !!

    Ed è
    > necessario che a discutere vi siano persone
    > che non siano teste calde, che sappiano
    > tenere il punto ed incidere sull'argomento

    Come l'abbigliamento e l'apparire !! E' essenziale!!


    > ma che non sragionino e non si facciano
    > imbrigliare nella classica equazione
    > copia=furto.

    o piercing=drugà

    Sono sempre piu triste...:(
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    >.ragazzi tocca muoversi e
    > scendere in piazza, smettere di compreare cd
    > e dvd,

    Non ne compro più da un pezzo.

    > disdire adsl...

    Oppure usarla SOLO per scaricare IN CHIARO materiale free/open (oltre alla posta e news)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > >.ragazzi tocca muoversi e
    > > scendere in piazza, smettere di
    > compreare cd
    > > e dvd,
    >
    > Non ne compro più da un pezzo.
    >
    > > disdire adsl...
    >
    > Oppure usarla SOLO per scaricare IN CHIARO
    > materiale free/open (oltre alla posta e
    > news)
    Dubito che i parlamentari d'Europa sappiano cosa hanno votato!
    Forse la Fortou lo sa perchè moglie!
    non+autenticato
  • Perchè in chiaro?
    Scarichiamo criptato, ma solo roba free.
    non+autenticato
  • Ho letto tante ca**ate in questo forum ..ma possibile che nessuno sia andato a leggere cosa hanno approvato in prima lettura?!?!??!?

    http://www2.europarl.eu.int/omk/sipade2?PUBREF=-//...
    non+autenticato
  • Riguardo al campo d'applicazione della direttiva, il Parlamento ritiene che le misure da essa previste debbano essere applicate unicamente agli atti commessi «su scala commerciale», ferma restando la possibilità degli Stati membri di applicarle anche nei confronti di altri atti, compresi quelli configurabili come concorrenza sleale o attività simili. Ciò significa che gli atti commessi in buona fede dai consumatori - come lo scaricare musica da Internet ad uso personale - non saranno perseguibili. Inoltre, i deputati si sono pronunciati contro l'applicazione di sanzioni penali, prevedendo solo provvedimenti amministrativi e civili al posto della lunga lista prevista dalla Commissione, che considerava anche l'introduzione di pene restrittive della libertà. Ciononostante, la direttiva non inficia le disposizioni nazionali degli Stati membri concernenti i procedimenti e le sanzioni penali per quanto riguarda le violazioni dei diritti di proprietà intellettuale, nonché gli obblighi ad essi incombenti in forza alle convenzioni internazionali (in particolare l'Accordo TRIPS), inclusi quelli concernenti i procedimenti e le sanzioni penali.

    deo gratias
    non+autenticato
  • OK, allora quoto dal tuo link:

    Riguardo al campo d'applicazione della direttiva, il Parlamento ritiene che le misure da essa previste debbano essere applicate unicamente agli atti commessi «su scala commerciale», ferma restando la possibilità degli Stati membri di applicarle anche nei confronti di altri atti, compresi quelli configurabili come concorrenza sleale o attività simili. Ciò significa che gli atti commessi in buona fede dai consumatori - come lo scaricare musica da Internet ad uso personale - non saranno perseguibili.

    Poi, pero', leggo qua: http://www.ipjustice.org/CODE/release20040309_en.s...

    e rimango MOLTO perplesso...

    Uno dei due ha -evidentemente- preso la vacca per le palle, ma chi?
    Rey_
    146

  • > Poi, pero', leggo qua:
    > www.ipjustice.org/CODE/release20040309_en.sht
    >

    Dal quale citiamo:

    The directive?s most controversial issue, Article 2, which widened its scope to include any non-commercial infringement, passed in the EU plenary with a final vote of 307-185. Never did the parliament provide any justification or public policy rationale for why average consumers who make a single private copy should be treated as if they were peddling counterfeit pharmaceuticals by European law courts.

    Ovvero la parte più controversa cioè quell' articolo 2 che è finito per includere violazioni non commerciali è passato con un voto di 307 a 185 senza che il parlamento abbia fornito alcuna giustificazione sul perché i consumatori che si facciano anche una singola copia privata (illegale) debbano essere trattati come chi smercia medicinali contraffatti.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Rey_
    > OK, allora quoto dal tuo link:
    >
    > Riguardo al campo d'applicazione della
    > direttiva, il Parlamento ritiene che le
    > misure da essa previste debbano essere
    > applicate unicamente agli atti commessi «su
    > scala commerciale», ferma restando la
    > possibilità degli Stati membri di
    > applicarle anche nei confronti di altri
    > atti, compresi quelli configurabili come
    > concorrenza sleale o attività simili.
    > Ciò significa che gli atti commessi
    > in buona fede dai consumatori - come lo
    > scaricare musica da Internet ad uso
    > personale - non saranno perseguibili.
    >
    > Poi, pero', leggo qua:
    > www.ipjustice.org/CODE/release20040309_en.sht
    >
    > e rimango MOLTO perplesso...
    >
    > Uno dei due ha -evidentemente- preso la
    > vacca per le palle, ma chi?
    Io credo che sia ipJustice .. in quanto la prima fonte e' l'ufficio stampa del parlamento europeo
    non+autenticato
  • > misure da essa previste debbano essere
    > applicate unicamente agli atti commessi «su
    > scala commerciale»

    Direi che quest'ultima locuzione è molto ambigua.
    Non si dice infatti atti di natura commerciale, ma "su scala".
    "Su scala" può essere anche un tizio che diffonde un mp3 o un film a centinaia di persona.

    Cmq si vedrà

  • - Scritto da: Ekleptical
    > > misure da essa previste debbano essere
    > > applicate unicamente agli atti commessi
    > «su
    > > scala commerciale»
    >
    > Direi che quest'ultima locuzione è
    > molto ambigua.
    > Non si dice infatti atti di natura
    > commerciale, ma "su scala".
    > "Su scala" può essere anche un tizio
    > che diffonde un mp3 o un film a centinaia di
    > persona.
    >
    > Cmq si vedrà


    E bravo ..devi essere di Biella ..visto che cerchi di arrampicarti anche sugli specchi pur di aver ragione !!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Ekleptical
    > > misure da essa previste debbano essere
    > > applicate unicamente agli atti commessi
    > «su
    > > scala commerciale»
    >
    > Direi che quest'ultima locuzione è
    > molto ambigua.
    > Non si dice infatti atti di natura
    > commerciale, ma "su scala".
    > "Su scala" può essere anche un tizio
    > che diffonde un mp3 o un film a centinaia di
    > persona.
    >
    > Cmq si vedrà


    ma bene! ho la conferma definitiva che spari solo cazzate senza leggere dato che tutto ci può esssere di ambiguto tranne quel che hai chiamato in causa te. per quel che mi riguarda ho finito di farmi il sangue amaro, sei solo fuffa.l

    cretino io che ti davo pure contro....
    non+autenticato
  • chi ha ragione?Deluso
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ho letto tante ca**ate in questo forum ..ma
    > possibile che nessuno sia andato a leggere
    > cosa hanno approvato in prima
    > lettura?!?!??!?
    >
    > www2.europarl.eu.int/omk/sipade2?PUBREF=-//EP



    ehm....ci sono dei punti abbastanza di dubbia interpretazione come qualcun'altro ha fatto notare.........
    non+autenticato
  • Allora quello che conta non è ciò che si dice ma quello che c'è scritto nel testo della direttiva. E se noi leggiamo l'art. 2:

    "Fatti salvi gli strumenti vigenti o da adottare nella legislazione comunitaria o nazionale, e sempre che questi siano più favorevoli ai titolari dei diritti, le misure di cui alla presente direttiva si applicano alle violazioni dei diritti derivanti dagli atti comunitari relativi alla tutela della proprietà intellettuale e dalle normative adottate dagli Stati membri per uniformarsi a tali atti. Gli Stati membri garantiscono a tale riguardo che, al momento di decidere delle sanzioni applicabili e delle modalità connesse, le autorità giudiziarie tengano nel debito conto le caratteristiche specifiche di ogni singolo caso".

    Il testo precedente era:

    "Fatti salvi gli strumenti vigenti o da adottare nella legislazione comunitaria o nazionale, e sempre che questi siano più favorevoli ai titolari dei diritti, le misure di cui alla presente direttiva si applicano alle violazioni dei diritti derivanti dagli atti comunitari ed europei relativi alla tutela della proprietà intellettuale il cui elenco figura in allegato e dalle normative adottate dagli Stati membri per uniformarsi a tali atti, allorché tale violazione è commessa a fini commerciali o arreca un danno considerevole al titolare del diritto."

    E' evidente che quello finale, riportato all'inizio, perde del tutto il riferimento al fine commerciale. Ma guardate da voi: http://www2.europarl.eu.int/omk/sipade2?PUBREF=-//...
    emendamento 13 della relatrice
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Successiva
(pagina 1/9 - 45 discussioni)